Shaka King

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Shaka King (New York, 7 marzo 1980) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense, noto per aver scritto e diretto il film Judas and the Black Messiah.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

King, figlio unico, è nato il 7 marzo 1980 a Crown Heights ed è cresciuto a Bedford-Stuyvesant, entrambi quartieri di Brooklyn, New York City.[1][2] I genitori sono originari delle Barbados e di Panama.[3]

King dopo aver scoperto la sua passione per la scrittura durante gli anni del liceo,[4] ha conseguito una laurea in scienze politiche e ha iniziato a lavorare come consulente e nel mentre a scrivere sceneggiature.[1] Nel 2007 ha svolto un corso di cinema tenuto da Spike Lee presso la Tisch School of the Arts all'Università di New York.[5]

Shaka vive nel distretto di Brooklyn.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il primo lungometraggio diretto da King, Newlyweeds, una commedia che parla di una giovane coppia che vive nel quartiere di Bedford-Stuyvesant,[7] è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival nel 2013; mentre nel 2017 ha diretto un cortometraggio, intitolato LaZercism, con Lakeith Stanfield, che tratta la tematica del razzismo.[8] Stanfield ha recitato anche nel secondo lungometraggio di King, Judas and the Black Messiah, pellicola sulla biografia dell'attivista afroamericano Fred Hampton.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Cocoa Loco (2009) - cortometraggio
  • Herkimer DuFrayne 7th Grade Guidance Counselor (2010) - cortometraggio
  • Mulignans (2015) - cortometraggio
  • LaZercism (2017) - cortometraggio
  • Newlyweeds (2013)
  • Judas and the Black Messiah (2021)

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Herkimer DuFrayne 7th Grade Guidance Counselor (2010) - cortometraggio
  • Mulignans (2015) - cortometraggio
  • LaZercism (2017) - cortometraggio
  • Newlyweeds, regia di Shaka King (2013)
  • Judas and the Black Messiah, regia di Shaka King (2021)

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

  • Mariachi (2009) - cortometraggio
  • Herkimer DuFrayne 7th Grade Guidance Counselor (2010) - cortometraggio
  • Mulignans (2015) - cortometraggio
  • LaZercism (2017) - cortometraggio
  • Newlyweeds, regia di Shaka King (2013)
  • Judas and the Black Messiah, regia di Shaka King (2021)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Reggie Ugwu, Shaka King Goes to Hollywood, su The New York Times, 12 febbraio 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato il 14 febbraio 2021).
  2. ^ (EN) Christopher John Farley, A Singular Effort On a Joint Project, su Wall Street Journal, 9 luglio 2013, ISSN 0099-9660 (WC · ACNP). URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato il 15 luglio 2013).
  3. ^ (EN) IndieWire Staff, Meet the 2013 Sundance Filmmakers #40: Shaka King Tells the Story of an Unusual Threesome in ‘Newlyweeds’, su IndieWire, 22 gennaio 2013. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato il 28 febbraio 2021).
  4. ^ (EN) Rich Juzwiak, "Is There Such a Thing as Black Pop Culture?": Director Shaka King, su Gawker. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato il 4 febbraio 2021).
  5. ^ (EN) How ‘Judas and the Black Messiah,’ ‘Da 5 Bloods’ and ‘One Night in Miami’ Capture the Radical Spirit of the 1960s and Beyond, su Variety. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 22 febbraio 2021).
  6. ^ (EN) Shaka King, su Film Independent. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato il 12 febbraio 2021).
  7. ^ (EN) Stephen Holden, Love and Paranoia in Brooklyn: Yes, They Inhale. Repeatedly. (Published 2013), su The New York Times, 18 settembre 2013, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 24 febbraio 2021 (archiviato il 16 marzo 2021).
  8. ^ (EN) Sarah Salovaara, Shaka King on Releasing His Sundance Short Mulignans Online, su Filmmaker Magazine. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato il 10 gennaio 2021).
  9. ^ Le nomination agli Oscar 2021, su il Post, 15 marzo 2021. URL consultato il 17 marzo 2021 (archiviato il 18 marzo 2021).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]