Shaftesbury Theatre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shaftesbury Theatre
Shaftesbury Theatre January 2012.jpg
Lo Shaftesbury nel 2012
Ubicazione
StatoRegno Unito Regno Unito
LocalitàLondra
IndirizzoShaftesbury Avenue
Dati tecnici
Capienza1400 posti
Realizzazione
Costruzione1911
ArchitettoBertie Crewe
ProprietarioThe Theatre of Comedy Company
Sito ufficiale

Coordinate: 51°30′57.96″N 0°07′33.6″W / 51.5161°N 0.126°W51.5161; -0.126

Lo Shaftesbury Theatre è un teatro del West End situato nel distretto londinese di Camden, in Inghilterra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prince's Theatre[modifica | modifica wikitesto]

Fu progettato per i fratelli Walter e Frederick Melville da Bertie Crewe e inaugurato il 26 dicembre 1911 con il nome New Prince's Theatre con una riduzione teatrale de I tre moschettieri. Ebbe all'inizio una capienza di 2 392 spettatori con un palcoscenico largo 9,7 metri e profondo 9,45. Nel 1914 fu ribattezzato Prince's Theatre.

Fu l'ultimo teatro ad essere costruito in Shaftesbury Avenue e si trova vicino a New Oxford Street. Ebbero grande successo per 18 settimane alcune opere comiche di Gilbert e Sullivan portate in scena dalla D'Oyly Carte Opera Company nel 1919. Queste opere divennero un'attrazione fissa dello stabile negli anni venti, inframmezzate da altre produzioni teatrali. Basil Rathbone recitò al Prince's Theatre nel maggio 1933 nei panni di Julian Beauclerc in un revival di Diplomacy. La Compagnia D'Oyly Carte tornò a esibirsi nel teatro nel 1942.

Shaftesbury Theatre[modifica | modifica wikitesto]

Il Prince's Theatre fu venduto alla EMI nel 1962, e l'anno successivo prese il nome Shaftesbury Theatre. Negli anni sessanta vi furono rappresentate per lunghi periodi alcune produzioni di Broadway, tra cui il musical Gentlemen Prefer Blondes nel 1962 e How to Succeed in Business Without Really Trying nel 1963. In seguito fu portato in scena il musical Hair, per il quale David Bowie fece invano un provino nel 1969.[1] Hair fu rappresentato per 1 998 volte fino al 1973, quando lo spettacolo fu interrotto dopo il crollo di una parte del soffitto.

Si temette per un periodo che il teatro venisse abbattuto per far posto a un nuovo progetto di sviluppo edilizio, ma una campagna portata avanti dal sindacato degli artisti Equity riuscì a farlo inserire nella lista dei palazzi di speciale interesse storico e culturale. Fu quindi dichiarato monumento di classe II da English Heritage nel marzo 1974.[2]

Riaprì l'anno dopo con il musical West Side Story. Tra le produzioni che ebbero maggiori repliche negli anni ottanta vi furono They're Playing Our Song (1980) e Follies (1987). Negli anni novanta vi furono invece Kiss of the Spider Woman (1992), Definite Article (1995) e Rent (1998). Durante la ristrutturazione di fine decennio della Royal Opera House nel vicino Covent Garden, allo Shaftesbury si tennero alcuni spettacoli musicali come il Paul Bunyan di Benjamin Britten.

XXI secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo del 2006 fu sottoposto a una ristrutturazione e dopo la riapertura ha ospitato diversi revival, tra cui la prima europea del musical di Broadway Hairspray, vincitore di un Tony Award (2007-2010),[3] Flashdance the Musical (2010-2011), Memphis (2014-2015),[4] e Motown: The Musica (2016). La struttura è di proprietà della Theatre of Comedy Company, che la rilevò nel 1984.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Note di copertina di Space Oddity (40th Anniversary Edition), David Bowie, EMI, DBSOCD40, 2009.
  2. ^ (EN) English Heritage listing details, su imagesofengland.org.uk. URL consultato il 25 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Hairspray Begins London Run Oct. 11, su playbill.com. URL consultato il 22 maggio 2015.
  4. ^ (EN) Memphis, su shaftesburytheatre.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Earl and Michael Sell, Guide to British Theatres 1750–1950, Theatres Trust, 2000, pp. 140–141, ISBN 0-7136-5688-3.
  • (EN) Who's Who in the Theatre, John Parker, 1947, p. 1184.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN151321010 · LCCN (ENn84123333 · GND (DE3002212-5