Shades of Deep Purple

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shades of Deep Purple
Artista Deep Purple
Tipo album Studio
Pubblicazione luglio 1968
pubblicato in Stati Uniti
Durata 43 min. : 36 sec. (LP)
64 min. : 08 sec. (CD del 2000)
Dischi 1 / 1
Tracce 8 / 13
Genere Hard rock
Rock progressivo
Rock psichedelico
Etichetta Tetragrammaton (Stati Uniti) (5-102)
Parlophone (Regno Unito) (PCS 7055)
Produttore Derek Lawrence
Arrangiamenti Deep Purple
Registrazione Londra al Pye Studios, 11-13 maggio 1968[1][2]
Formati LP / CD
Deep Purple - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1968)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4/5 stelle[3]
Sputnikmusic 2.5 (Average)[4]
Piero Scaruffi 5/10 stelle[5]
Dizionario del Pop-Rock 3/5 stelle[6]
24.000 dischi 3/5 stelle[7]

Shades of Deep Purple è il primo album dei Deep Purple, uscito nel luglio del 1968 per Tetragrammaton negli USA e nel settembre 1968 per Parlophone nel Regno Unito[8].

L'album raggiunse il #24 sulla Billboard's Pop Album charts negli USA[9] anche lanciato dal successo del secondo brano Hush.

Lo schema utilizzato in questo primo lavoro è un bilanciamento tra pezzi originali e cover. Tra queste si notano la rivisitazione di Hey Joe e una particolare versione di Help! riproposta in versione lenta. L'album ebbe successo negli Stati Uniti grazie al singolo Hush (#4 nella Chart The Hot 100)[10] mentre in Gran Bretagna l'LP venne pressoché ignorato.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. And the Address – 4:38 (Ritchie Blackmore, Jon Lord)
  2. Hush – 4:25 (Joe South)
  3. One More Rainy Day – 3:40 (Jon Lord, Rod Evans)
  4. Prelude: – 7:19 (a) Deep Purple b) Skip James)
    a) Happiness
    b) I'm so Glad
Lato B
  1. Mandrake Root – 6:10 (Ritchie Blackmore, Rod Evans, Jon Lord)
  2. Help! – 6:01 (John Lennon, Paul McCartney)
  3. Love Help Me – 3:49 (Ritchie Blackmore, Rod Evans)
  4. Hey Joe – 7:34 (Deep Purple)

[11]

  • Brano Hey Joe, sull'ellepì originale viene accreditato agli stessi Deep Purple, nelle successive pubblicazioni su CD a Billy Roberts
Edizione CD del 2000, pubblicato dalla Eagle Records (ER202242)
  1. And the Address – 4:38 (Jon Lord, Ritchie Blackmore)
  2. Hush – 4:25 (Joe South)
  3. One More Rainy Day – 3:40 (Jon Lord, Rod Evans)
  4. Prelude: – 7:19 (a) Deep Purple b) Skip James)
    a) Happiness
    b) I'm so Glad
  5. Mandrake Root – 6:10 (Ritchie Blackmore, Rod Evans)
  6. Help – 6:01 (John Lennon, Paul McCartney)
  7. Love Help Me – 3:49 (Ritchie Blackmore, Rod Evans)
  8. Hey Joe – 7:34 (Billy Roberts)
  9. Shadows – 3:39 (Jon Lord, Nick Simper, Ritchie Blackmore, Rod Evans) – Bonus Track - Album Out Take
  10. Love Help Me – 3:30 (Ritchie Blackmore, Rod Evans) – Bonus Track - Instrumental Vsn.
  11. Help – 5:24 (John Lennon, Paul McCartney) – Bonus Track - Alternate Take
  12. Hey Joe – 4:06 (Billy Roberts) – Bonus Track - BBC Top Gear Session
  13. Hush – 3:53 (Joe South) – Bonus Track - Live US TV 1968

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note aggiuntive[modifica | modifica wikitesto]

  • Derek Lawrence - produttore
  • Barry Ainsworth - ingegnere delle registrazioni
  • Album dedicato a: Bobby, Chris, Dave e Ravel[12]
  • Registrazioni effettuate l'11-13 maggio 1968 al Pye Studios di Londra (Inghilterra)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ [2]
  3. ^ (EN) Bruce Eder, Shades of Deep Purple, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 30 novembre 2016.
  4. ^ [3]
  5. ^ [4]
  6. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 271
  7. ^ da 24.000 dischi di Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, Zelig Editore, pagina 236
  8. ^ [5]
  9. ^ [6]
  10. ^ [7]
  11. ^ Titoli e autori brani come da note dai vinili originali dell'ellepì pubblicato dalla Parlophone Records, PCS 7055, l'album originale non indicava la durata dei brani, quelli inseriti sono quelli estratti dal CD ER202242
  12. ^ Note di copertina di Shades of Deep Purple, Deep Purple, Parlophone Records PCS 7055, 1968.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Shades of Deep Purple, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 30 novembre 2016. (LP originale - Titoli brani - Produttore)
  • (EN) Shades of Deep Purple, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 30 novembre 2016. (CD con bonus - Titoli, autori e durata brani - Musicisti - Produttore - Altro)
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock