Sfintere di Oddi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sfintere di Oddi
Gray1057.png
Lato interno, disteso, del duodeno discendente, al centro lo sfintere di Oddi.
Identificatori
MeSHOddi's+Sphincter
A03.159.183.079.300.950.600
TAA05.8.02.018
FMA15077

Lo sfintere di Oddi è una struttura del corpo umano. Si trova al livello dell'orifizio di sbocco del coledoco e del dotto pancreatico nel duodeno, a livello del collo dell'ampolla di Vater che regola il deflusso della bile e, inoltre, impedisce il reflusso del contenuto duodenale nel coledoco.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tale sfintere consta di tre sistemi:

  • lo sfintere del coledoco che avvolge il solo dotto provienente dal fegato attraverso il legamento epatoduodenale;
  • lo sfintere del dotto pancreatico;
  • lo sfintere epatoduodenale; una struttura muscolare a forma di otto che avvolge prima il coledoco e il dotto di Wirsung, quindi l'ampolla del Vater.

La funzione dello sfintere è importantissima per l'organismo umano; infatti la contrazione dello sfintere nella fase di digiuno causa la risalita della bile lungo il coledoco; quindi attraverso il dotto cistico si porterà nella cistifellea dove si accumulerà e concentrerà per poi essere rilasciata durante un pasto lipidico in seguito all'onda peristaltica provocata dalla Colecistochinina (CCK) prodotta dalle "cellule argentaffini" dell'intestino tenue.

Si è notata una discreta percentuale di disfunzioni dello sfintere di Oddi nei pazienti operati tramite laparoscopia per l'asportazione della cistifellea (colecistectomia) con relativo dolore paracolico. In particolare: «Nei pazienti che hanno subito l'asportazione della cistifellea, la codeina può indurre dolore addominale biliare o pancreatico acuto, generalmente associati con anomalie nei test di laboratorio, indicative di spasmo dello sfintere di Oddi.»[1]

Il nome si riferisce a Ruggero Oddi.

Tutto questo succede nel 90% dei soggetti. In meno del 10% lo sfintere di Oddi può essere doppio e accogliere rispettivamente il dotto pancreatico o di Wirsung e il dotto coledoco. Anche per questo, tra le tante cause, calcoli a livello delle vie biliari non in tutti pazienti danno un coinvolgimento pancreatico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paracetamolo e codeina in Toorrimnomedica.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ballal MA, Sanford PA, Physiology of the sphincter of Oddi--the present and the future?--Part 1, in Saudi J Gastroenterol, vol. 6, nº 3, settembre 2000, pp. 129–46, PMID 19864708.
  • Ballal MA, Sanford PA, Physiology of the sphincter of Oddi: the present and the future?--Part 2, in Saudi J Gastroenterol, vol. 7, nº 1, gennaio 2001, pp. 6–21, PMID 19861760.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]