Sfintere di Oddi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sfintere di Oddi
Gray1057.png
Lato interno, disteso, del duodeno discendente, al centro lo sfintere di Oddi.
MeSH Oddi's+Sphincter

Lo sfintere di Oddi è una struttura del corpo umano.

Si trova al livello dell'orifizio di sbocco del coledoco e del dotto pancreatico nel duodeno, a livello del collo dell'ampolla di Vater che regola il deflusso della bile e, inoltre, impedisce il reflusso del contenuto duodenale nel coledoco.

Tale sfintere consta di tre sistemi:

  • lo sfintere del coledoco che avvolge il solo dotto proviene dal fegato attraverso il legamento epatoduodenale;
  • lo sfintere del dotto pancreatico;
  • lo sfintere epatoduodenale; una struttura muscolare a forma di otto che avvolge prima il coledoco e il dotto di Wirsung, quindi l'ampolla del Vater.

La funzione dello sfintere è importantissima per l'organismo umano; infatti la contrazione dello sfintere nella fase di digiuno causa la risalita della bile lungo il coledoco; quindi attraverso il dotto cistico si porterà nella cistifellea dove si accumulerà e concentrerà per poi essere rilasciata durante un pasto lipidico in seguito all'onda peristaltica provocata dalla Colecistochinina (CCK) prodotta dalle "cellule argentaffini" dell’intestino tenue.

Si è notata una discreta percentuale di disfunzioni dello sfintere di Oddi nei pazienti operati tramite laparoscopia per l'asportazione della cistifellea (colecistectomia) con relativo dolore paracolico.

Il nome si riferisce a Ruggero Oddi.

Tutto questo succede nel 90% dei soggetti. In meno del 10 % lo sfintere di Oddi può essere doppio e accogliere rispettivamente il dotto pancreatico o di Wirsung e il dotto coledoco. Anche per questo, tra le tante cause, calcoli a livello delle vie biliari non in tutti pazienti danno un coinvolgimento pancreatico.