Sfida alla Nuova Repubblica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sfida alla Nuova Repubblica
Titolo originaleStar Wars: Dark Force Rising
Altri titoliGuerre stellari. Sfida alla nuova repubblica
AutoreTimothy Zahn
1ª ed. originale1992
1ª ed. italiana1994
Genereromanzo
SottogenereFantascienza
Lingua originale inglese
PersonaggiLuke Skywalker, Leila Organa, Ian Solo, Lando Calrissian, Thrawn, Jorus C'baoth
SerieTrilogia di Thrawn
Preceduto daL'erede dell'Impero
Seguito daL'ultima missione

Sfida alla Nuova Repubblica, noto anche come Guerre stellari. Sfida alla nuova repubblica (Star Wars: Dark Force Rising), edito nel 1992 e uscito in Italia nel 1994, è il secondo romanzo della Trilogia di Thrawn, scritta da Timothy Zahn e ambientata nell'Universo espanso di Guerre stellari, cinque anni dopo Il ritorno dello Jedi, nel Periodo della Nuova Repubblica.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il libro comincia qualche giorno dopo la battaglia spaziale di Sluis Van con le forze imperiali che conquistano il pianeta Myrkr con lo scopo di catturare il contrabbandiere Talon Karrde. Essi falliscono nell'intento e Karrde e Mara Jade fuggono su Rishi. In contemporanea Leila Organa Solo, Chewbecca, Ian Solo, Luke Skywalker e Lando Clarrissan tornano su Coruscant per aiutare l'ammiraglio Ackbar dalle accuse di alto tradimento da parte del consigliere Bothan Borsk Fey'lya. Quindi Leila decide di rispettare l'impegno preso con il Noghri Khabarakh riguardanti al conoscere (e liberare dal dominio dell'Impero) i Noghri, accompagnata da Chewbecca nul sistema di Hognor. Intanto Luke, Ian e Lando si recano su New Cow su richiesta di Ackbar a indagare sulle attività di Fey'lya; qui incontrano Sena, un comandante

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Sfida alla Nuova Repubblica è uscito in Italia nel 1994 edito dalla Sperling & Kupfer e successivamente ripubblicato nel 2013 dalla multiplayer.it Edizioni in occasione del ventesimo anniversario dalla prima edizione de L'erede dell'Impero.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]