Sette di Gottinga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Sette di Gottinga. Nella fila in alto: Wilhelm Grimm, Jacob Grimm. Nel mezzo: Wilhelm Eduard Albrecht, Friedrich Christoph Dahlmann, Georg Gottfried Gervinus. In basso: Wilhelm Eduard Weber, Heinrich Georg August Ewald.[1]

I Sette di Gottinga (in tedesco: Göttinger Sieben) furono un gruppo di sette professori dell'Università di Gottinga, in Germania. Nel 1837 i sette protestarono contro l'abolizione o l'alterazione della costituzione del Regno di Hannover per mano di Ernesto Augusto e si rifiutarono di giurare al nuovo sovrano.[2][3] Il gruppo era guidato da Friedrich Christoph Dahlmann,[4] che fu uno degli avvocati chiave della mozione. Gli altri sei erano i fratelli Wilhelm e Jacob Grimm (scrittori di fama nell'ambito della favolistica),[5] il giurista Wilhelm Eduard Albrecht, lo storico Georg Gottfried Gervinus, il fisico Wilhelm Eduard Weber e l'orientalista Heinrich Georg August Ewald.[1]

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

La costituzione a cui Ernesto Augusto poi si oppose era entrata in vigore nel 1833, quando ancora il re era erede presunto al trono hannoveriano. Lo storico e politico Friedrich Christoph Dahlmann, che poi contestò i piani di Ernesto Augusto per cambiare la costituzione a suo piacimento, era un rappresentante dell'Università di Gottinga nella seconda camera di corte.[6]

Ernesto Augusto, re di Hannover.

La morte di re Guglielmo IV il 20 giugno 1837 aveva avuto un grande impatto sulla posizione politica dell'Hannover, nelle sue relazioni esterne e nell'unione con la Confederazione Germanica. Con la morte di Guglielmo, finì inoltre l'unione personale tra Hannover e Regno Unito e pertanto il fratello di Guglielmo, Ernesto Augusto, venne proposto come nuovo sovrano nell'Hannover dove non poteva per costituzione salire al trono una regina (nel Regno Unito il trono passò alla regina Vittoria).[6]

Ad un mese dalla sua ascesa al trono, re Ernesto Augusto iniziò le sue modifiche alla costituzione. Egli stabilì che egli non dovesse esservi strettamente legato e che essa non fosse promulgata senza il suo consenso. Dichiarò più volte che i suoi intenti di modifica erano positivi e propositivi nei confronti del suo popolo e che avrebbero rafforzato la figura del sovrano per meglio reggere un compito non semplice.[7]

Al sentire di queste posizioni, Dahlmann tentò di persuadere i suoi colleghi del senato dell'Università di Gottinga a disapprovare l'intento del re di cambiare la costituzione attraverso delle azioni concrete. Più di 40 suoi colleghi si rifiutarono di appoggiare Dahlmann perché sapevano che questo avrebbe portato conflitti pubblici, al loro licenziamento e probabilmente avrebbe anche rovinato l'anniversario dei 100 anni di fondazione dell'ateneo.[8]

Proteste e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Le statue di bronzo dei sette di Gottinga presso la sede del parlamento federale dell'Hannover.

Il 1º novembre di quello stesso anno, Ernesto Augusto annullò definitivamente la costituzione. Questa mossa venne accolta con moltissime critiche da parte degli stati tedeschi.[9] La mossa, inoltre, provocò direttamente Dahlmann che si appellò all'università e compose una protesta contro le decisioni del sovrano. Questa volta ricevette una risposta migliore e sei altri professori lo seguirono. Questi sei, più Dahlmann, diverranno appunto noti come i Sette di Gottinga. Il documento di protesta di Dahlmann fu pubblicato il 18 novembre successivo ed ebbe un'influeza esplosiva, con centinaia di studenti che ne approvarono le idee, mentre a migliaia di copie furono disseminate in tutta la Germania.

L'impatto della protesta costrinse il re a prendere delle decisioni e i sette professori furono convocati dal tribunale dell'università il 4 dicembre di quell'anno. Dieci giorni dopo, i sette furono dimessi dai loro incarichi e a tre di loro, Dahlmann, Jacob Grimm e Gervinus, furono concessi tre giorni di tempo per lasciare il paese.[10][11] Malgrado questo l'ambiente universitario di Gottinga risentì profondamente di queste perdite.

Anche se gli effetti della protesta si dimostrarono limitati, il sentimento comune e l'interesse dei giornali in Germania ed in Europa fu sempre molto alto sulla questione, e i sette divennero molto popolari al pubblico in generale.[1][12] Lo spirito liberale col quale i sette compirono le loro azioni per ribellarsi ad un'ingiustizia soverchiante dello stato, fu uno degli spiriti che alimentò la costituzione poi della repubblica tedesca ad inizio Novecento.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Donald R. Hettinga The Brothers Grimm: Two Lives, One Legacy. Clarion Books, 2001. ISBN 0-618-05599-1
  2. ^ Suzanne L Marchand Down from Olympus: Archaeology and Philhellenism in Germany, 1750-1970. Princeton University Press, 1996. ISBN 0-691-11478-1
  3. ^ Margaret B. W. Tent The Prince of Mathematics: Carl Friedrich Gauss. A K Peters, 2006. ISBN 1-56881-261-2
  4. ^ Fanny Lewald, Hanna Ballin Lewis A Year of Revolutions: Fanny Lewald's Recollections of 1848. Berghahn Books, 1997. ISBN 1-57181-099-4
  5. ^ Christa Jungnickel, Russell McCormmach Intellectual Mastery of Nature: Theoretical Physics from Ohm to Einstein. University of Chicago Press, 1986. ISBN 0-226-41582-1
  6. ^ a b (EN) Hugh Chisholm (a cura di), Enciclopedia Britannica, XI, Cambridge University Press, 1911.
  7. ^ Gregory A. Kimble, Michael Wertheimer, C. Alan Boneau, Charlotte White Portraits of pioneers in psychology. Lawrence Erlbaum Associates. ISBN 0-8058-2198-8
  8. ^ Constance Reid Hilbert. Springer, 1996. ISBN 0-387-94674-8.
  9. ^ Marshall Dill Germany: A Modern History. University of Michigan Press, 1970. ISBN 0-472-07101-7
  10. ^ Hajo Holborn A History of Modern Germany: 1840-1945. Princeton University Press, 1982, p. 28. ISBN 0-691-00797-7
  11. ^ Hans-Christof Kraus "Die Gelehrten und der cholerische König" [The scholars and the cholerical king] (in German). In: Damals, vol. 45, No. 5, 2013, pp. 40–41.
  12. ^ John Derbyshire Prime Obsession: Bernhard Riemann and the Greatest Unsolved Problem in Mathematics. Joseph Henry Press, 2003. ISBN 0-309-08549-7
  13. ^ Klaus Hentschel Physics and National Socialism: An Anthology of Primary Sources. Birkhäuser, 1996. ISBN 3-7643-5312-0

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Klaus von See, Die Göttinger Sieben. Kritik einer Legende (The Göttinger filters. Criticism of a legend), Universitätsverlag Winter, ottobre 2000, ISBN 978-3-8253-1058-5.
  • (DE) Ulrich Hunger, Die Georgia Augusta als hannoversche Landesuniversität. Von der Gründung bis zum Ende des Königreichs (The Georgia Augusta as hanoverian national university. From its establishment to the end of the kingdom), in Dietrich Denecke e Ernst Böhme (a cura di), Vom Dreißigjährigen Krieg bis zum Anschluss an Preußen - Der Wiederaufstieg als Universitätsstadt (1648 - 1866) mit 32 Tabellen, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 2002, ISBN 3-525-36197-1.
  • (DE) Jörg H. Lampe, Politische Entwicklungen in Göttingen vom Beginn des 19. Jahrhunderts bis zum Vormärz (Political developments in Goettingen of the beginning 19. Century up to the Vormärz), in Dietrich Denecke e Ernst Böhme (a cura di), Göttingen: Geschichte einer Universitätsstadt (Goettingen: history of a university town), Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 2002, ISBN 3-525-36197-1.
  • (EN) Mary Fulbrook, German History Since 1800, Oxford University Press US, 1997, ISBN 0-340-69200-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]