Sestriere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sestrières)
Jump to navigation Jump to search
Sestriere
comune
Sestriere – Stemma Sestriere – Bandiera
Sestriere – Veduta
Vista di Sestriere e delle montagne circostanti
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoGianni Poncet (lista civica) dal 27-5-19
Territorio
Coordinate44°57′N 6°53′E / 44.95°N 6.883333°E44.95; 6.883333 (Sestriere)
Altitudine2 035 (min 1 540 - max 3 280) m s.l.m.
Superficie25,92 km²
Abitanti929[2] (31-05-2019)
Densità35,84 ab./km²
FrazioniSestriere Colle, Sestriere Borgata, Champlas du Col, Champlas Janvier[1]
Comuni confinantiCesana Torinese, Oulx, Pragelato, Sauze di Cesana, Sauze d'Oulx
Altre informazioni
Cod. postale10058
Prefisso0122
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001263
Cod. catastaleI692
TargaTO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona F, 5 165 GG[4]
Nome abitantisestrieresi
Patronosant'Edoardo
Giorno festivo13 ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sestriere
Sestriere
Sestriere – Mappa
Localizzazione del comune di Sestriere nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Sestriere (IPA: /ses'trjɛre/[5]; Ël Sestrier in piemontese, Sestrieras o La Sestriera in occitano, Sestrières in francese) è un comune italiano di 929 abitanti[2] della città metropolitana di Torino, in Piemonte.[6] Con i suoi 2035 m s.l.m. è il comune più alto d'Italia, riferendo l'altitudine all'altezza sul livello del mare della casa comunale.[7]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova sul colle omonimo che mette in comunicazione la Val Chisone e la Valle di Susa, dominato a nordovest dal monte Fraiteve (2701 m) a sudest dal monte Sises (2658 m), dalla Punta Rognosa di Sestriere (3280 m) e dal monte Motta (2850 m). I nuclei abitativi sono Sestriere Colle, sulla linea di displuvio, Sestriere Borgata, nella valle del Chisone, Champlas du Col e Champlas Janvier, in quella di Susa.[8][9]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è di tipo alpino (Classificazione di Köppen G o Dfc), caratterizzato da estati fresche e umide e inverni rigidi e nevosi, dovuto essenzialmente alla considerevole altitudine alla quale è situata la cittadina piemontese. Detto clima lo rende il comune italiano con temperatura media annua più bassa in assoluto, con un valore pari a soli 2,9 °C. Sestriere comunque non è una località particolarmente piovosa. La neve, infatti, cade di solito da ottobre ad aprile, rendendolo uno dei comuni italiani più nevosi.[10]. È il comune con il più alto valore di gradi giorno in Italia, che raggiungono un valore di 5 165.[11]

Sestriere in inverno
Mese Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) −1,5−1,11,44,69,112,815,915,212,37,52,4−0,3−1,05,014,67,46,5
T. min. mediaC) −8,1−7,7−5,5−2,91,14,57,26,94,81,0−3,6−6,6−7,5−2,46,20,7−0,7
Albergo Duchi d'Aosta
Chiesa di Sant'Edoardo.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Sestriere" deriva da Petra Sextreria ovvero la sesta pietra che veniva utilizzata, come punto trigonometrico di riferimento, per misurare la distanza in miglia da Torino.[12]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Sestriere sono molto recenti: il comune sorse infatti per regio decreto il 18 ottobre 1934 sui terreni dell'ex comune di Champlas du Col, che diventò una frazione, su quelli della frazione Borgata, separata dal comune di Pragelato, e su quelli di Sauze di Cesana, separata dal comune di Cesana e in seguito ricostituita come comune autonomo.[13]

A partire dal 1930 Giovanni Agnelli, il fondatore della FIAT, che aveva acquistato per 40 centesimi al metro quadrato i terreni, fece costruire, su progetto di Vittorio Bonadè Bottino[14], due alberghi (noti come le torri), che seguono i temi del Razionalismo italiano dell'epoca, tre funivie, costruite dall'impresa tedesca Adolf Bleichert & Co.[15] di Lipsia e dirette ai monti Sises (1931), Banchetta (1933) e Fraiteve (1938).[16]

La vita amministrativa del nuovo comune iniziò il 1º gennaio 1935: fu ideato lo stemma, una banda nera ed una verde ed in mezzo un paio di sci a rappresentare la vocazione di stazione invernale di Sestriere, e il primo podestà fu Paolo Frà.[17]

Nel corso degli anni trenta vennero costruiti anche una nuova strada, un trampolino per il salto con gli sci, un altro albergo, il "Principi di Piemonte" e un prestigioso campo da golf a 18 buche (il più alto d'Europa).[18]

Questo sviluppo venne interrotto dalla seconda guerra mondiale, che bloccò il turismo e danneggiò gli impianti. Negli anni cinquanta iniziò la ricostruzione, guidata da Giovanni Nasi (nipote del senatore Agnelli e sindaco dal 1948 al 1980) e vennero costruite nuove sciovie e seggiovie.[19]

Dal 1967 si svolsero le gare di Coppa del Mondo di sci alpino, nel 1997 è stata sede dei mondiali di sci, e nel febbraio 2006 ha ospitato le gare di sci alpino dei XX Giochi olimpici invernali.[20][21]

Nel 1966 è stata inoltre sede della IV Universiade invernale.[22]

Sestriere, per analogie costruttive con la località sciistica cuneese Prato Nevoso, sita nel comune di Frabosa Sottana (CN) (entrambe le località sono infatti nate intorno al business dello sci, non esistevano precedentemente) è anche definita "la Prato Nevoso del Torinese"

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Monte Motta (a sinistra), la cima più elevata raggiunta dagli impianti di risalita di Sestriere.
Epigrafe poetica.

La chiesa parrocchiale di Sant'Antonio Abate, a Champlas du Col, risale al XII secolo, ma venne ricostruita nel 1839 e restaurata completamente all'inizio del Novecento: al suo interno si trovano un pulpito del 1747 e un retablo in legno del XVII secolo.[23]

La chiesa di Sant'Edoardo, a Colle Sestriere, fu voluta da Giovanni Agnelli in memoria del padre Edoardo, morto in un incidente aereo nel 1935. Progettata da Vittorio Bonadè-Bottino in stile pseudo-romanico e costruita in gneiss dioritico, ha un portale in bronzo massiccio di Arturo Dazzi sul quale sono raffigurati i sette figli di Edoardo Agnelli; nell'interno si trovano un Crocifisso e un'Addolorata scolpiti in marmo da Edoardo Rubino, una statua di Sant'Edoardo in porfido rosso ed una Via Crucis in bronzo dorato di Francesco Messina, ed una statua della Vergine dell'Accoglienza di Tonino Scuccimarra.[24]

Nel 1914 è stato eretto un obelisco che commemora la strada fatta costruire cent'anni prima da Napoleone per mettere in comunicazione il Piemonte e l'Alta Savoia. L'obelisco fu distrutto nel 1950 per fare spazio ad altri edifici ma fu poi ricostruito nel 1987 in via Pinerolo.[25][26]

La Cappella della Regina Pacis fu costruita tra il 1922 e il 1924 per ricordare i caduti della Val di Susa e della Val Chisone nella prima guerra mondiale.[27]

I due alberghi a torre con rampe interne elicoidali sono tra i primi del genere e costituiscono un interessante esempio di architettura moderna.[28]

Per rendere onore al fatto di aver ospitato nel 2006 i XX Giochi olimpici invernali e i IX Giochi paralimpici invernali, in particolare le gare di sci alpino, presso la via Louset, nel 2022 è stata affissa dall'amministrazione comunale una epigrafe poetica incisa su targa in ottone donata dall'autore recante la lirica "Sestriere".[29]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Panorama della conca dal Monte Motta.
Vista panoramica.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[30]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 97 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Albania 48 5,41%

Romania 42 4,74%

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Sciatori sul Monte Sises

L'economia di Sestriere dipende quasi esclusivamente dal turismo, che si avvale di un'attrezzatura alberghiera di prim'ordine. Fa parte, insieme alle località di Claviere, Sauze d'Oulx, Cesana, San Sicario e Pragelato del comprensorio sciistico della Via Lattea. Le sue piste più interessanti, sede anche di competizioni internazionali, sono:

  • Banchetta
  • Fraiteve
  • Sises

Complessivamente le piste sono 212, servite da 70 impianti di risalita, per una lunghezza di 400 km, 120 dei quali innevati artificialmente.[31]

Il complesso degli impianti di risalita del Sestriere, di proprietà fino ad ora della Sestriere s.p.a., società che faceva capo alla famiglia Agnelli, è stato ceduto nel 2022 all'inglese Icon Infrastructure.[32][33]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Oulx-Cesana-Claviere-Sestriere.
Sestriere in estate.

Il paese è servito dalle seguenti reti stradali:

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è servito dalla stazione di Oulx-Cesana-Claviere-Sestriere, posta sulla linea del Frejus.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella stagione invernale è presente una navetta gratuita che collega Sestriere con Pragelato.[34]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gonfalone civico
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1948 1980 Giovanni Nasi lista civica Sindaco
... ... ... ... ...
26 giugno 1985 29 maggio 1990 Bruno Strazzabosco lista civica Sindaco [35]
29 maggio 1990 24 aprile 1995 Francesco Jayme Partito Repubblicano Italiano Sindaco [35]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Francesco Jayme lista civica Sindaco [35]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Francesco Jayme lista civica Sindaco [35]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Andrea Maria Colarelli lista civica Sindaco [35]
8 giugno 2009 18 gennaio 2010 Valter Marin lista civica Sindaco [35]
18 gennaio 2010 30 marzo 2010 Laura Ferraris Comm. pref. [35]
30 marzo 2010 31 maggio 2015 Valter Marin lista civica Sindaco [35]
31 maggio 2015 22 Settembre 2020 Valter Marin lista civica: più Sestriere Sindaco [35]
22 Settembre 2020 in carica Giovanni Cesare Poncet lista civica Sindaco [35]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune faceva parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Sestriere è rinomata soprattutto come sede di sport invernali: appuntamento fisso di Coppa del Mondo di sci alpino sin dalla primissima edizione, ha ospitato i Mondiali di Sci Alpino del 1997. Nel febbraio 2006 Sestriere è stata una delle sedi dei XX Giochi olimpici invernali e dei IX Giochi paralimpici invernali per i quali ha ospitato le gare di sci alpino; è stata anche sede di uno dei tre villaggi olimpici. Inoltre ha ospitato dal 23 maggio al 5 giugno 2010 il ritiro pre-mondiale della Nazionale italiana di calcio per poter fare abituare i giocatori in vista del clima e dell'altitudine che avrebbero trovato in Sudafrica durante la Coppa del Mondo.[36]

A Sestriere è presente una delle principali sedi di Sleddog italiane, la pratica delle escursioni con i cani da slitta nordici Siberian Husky[37][38].

Sestriere è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia e del Tour de France:.[39]

Giro d'Italia:

Anno Tappa Partenza km Vincitore di tappa Maglia rosa
1991 13ª Savigliano 192 Spagna Eduardo Chozas Italia Franco Chioccioli
1993 19ª Pinerolo (cron. individuale) 55 Spagna Miguel Indurain Spagna Miguel Indurain
1994 21ª Les Deux Alpes (FRA) 121 Svizzera Pascal Richard Russia Evgenij Berzin
2000 20ª Briançon (FRA) (cron. individuale) 32 Rep. Ceca Jan Hruška Italia Stefano Garzelli
2005 19ª Savigliano 190 Venezuela José Rujano Italia Paolo Savoldelli
2011 20ª Verbania 242 Bielorussia Vasil' Kiryenka Spagna Alberto Contador[40]

Italia Michele Scarponi

2015 20ª Saint-Vincent 199 Italia Fabio Aru Spagna Alberto Contador
2020 20ª Alba 181[41] Gran Bretagna Tao Geoghegan Hart Australia Jai Hindley

Tour de France:

Per quanto concerne l'atletica leggera, il Sestriere fu teatro di 9 edizioni del Meeting Internazionale del Sestriere, disputate dal 1988 al 1996, che vide la realizzazione di diversi record del mondo, favoriti dall'altura, tra cui quello del salto con l'asta outdoor del 31 luglio 1994 di Sergey Bubka[42] con 6,14 m, rimasto imbattuto per venti anni, e quello non convalidato per eccesso di vento nel salto in lungo di 8,96 m di Iván Pedroso[43].

Dal 1961 ospita anche l'arrivo della gara automobilistica Cesana-Sestriere[44], una cronoscalata di oltre 10 km che nel corso degli anni è stata altresì considerata come gara valida per il Campionato Europeo ed Italiano della Montagna.[45][46]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Sestriere - Scheda del comune, su comune.sestriere.to.it. URL consultato il 22 agosto 2018 (archiviato il 5 novembre 2018).
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2019.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Sestriere", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2016, ISBN 978-88-397-1478-7.
  6. ^ Valter Bruno, Sestriere com'era, LAReditore, 2017, ISBN 9788898345724.
  7. ^ Comuniverso: i 100 Comuni più alti (m.s.l.m.), su comuniverso.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2019).
  8. ^ Touring club italiano, Piemonte (non compresa Torino), Touring Editore, 1976, p. 378, ISBN 9788836500017.
  9. ^ Ada Quazza, Piemonte, Valle d'Aosta: Torino, Alpi, Monferrato, Verbano, Langhe, Ossola, Touring Editore, 1996, p. 91, ISBN 9788836510184.
  10. ^ Storico neve - Sestrière, su skiinfo.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  11. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), su efficienzaenergetica.acs.enea.it, ENEA. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  12. ^ Sestriere - Territorio e storia, su comune.sestriere.to.it. URL consultato il 23 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2019).
  13. ^ Il decreto che costituice il Comune di Sestrieres, in La Stampa, n. 279, 1934, p. 2.
  14. ^ Vincenzo Fontana, Profilo di architettura italiana del Novecento, Marsilio, 1999, p. 316, ISBN 9788831771825.
  15. ^ Kohlernbahn - Bozen, su vonbleichert.eu, Adolf Bleichert & Co.. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato il 28 marzo 2017).
  16. ^ Le bianche piste del Sestriere, in La Stampa, n. 280, 1968, p. 11.
  17. ^ Sestriere: la guida completa e aggiornata, su paesionline.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  18. ^ Il più alto campo di golf d'Europa sugli ondulati declivi del Sestrieres, in La Stampa, n. 175, 1934, p. 4.
  19. ^ Giovanni Nasi, addio all'ingegnere gentiluomo, in La Stampa, n. 259, 1995, p. 12.
  20. ^ Nel '31 la scommessa che rivoluzionò lo sci, in La Stampa, n. 343, 1998, p. 11.
  21. ^ L'Italia dello sci, Touring Editore, 2004, pp. 47-48, ISBN 9788836530557.
  22. ^ Universiadi: un bilancio positivo, in La Stampa, n. 38, 1966, p. 12.
  23. ^ Chiesa di Sant′Antonio Abate (Champlas du Col, Sestriere), su Le chiese delle diocesi italiane, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  24. ^ Chiesa di Sant'Edoardo a Sestriere, su paesionline.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato il 22 dicembre 2019).
  25. ^ Storia di Sestriere, su alpcub.com. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  26. ^ A Sestriere per l'obelisco, in Torinosette, n. 8, 1987, p. 28.
  27. ^ Arte a Sestriere: Cosa visitare, su tourvacanze.com. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  28. ^ Le torri di Sestriere, due macinapepe sulle piste da sci, su iconmagazine.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  29. ^ Redazione ValsusaOggi, SESTRIERE, UNA TARGA CON LA POESIA DI SILVANO BORTOLAZZI, su ValsusaOggi, 23 maggio 2022. URL consultato il 24 maggio 2022.
  30. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  31. ^ Vialattea - Sestriere, su dovesciare.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  32. ^ La Repubblica - Acquisizione de La via Lattea
  33. ^ Il Giornale del 24 gennaio 2022, p. 17, "Sestriere, creato dagli Agnelli diventa una gemma inglese".
  34. ^ Navetta gratuita Sestriere - Pragelato e Pragelato - Sestriere, su comune.pragelato.to.it. URL consultato il 23 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2019).
  35. ^ a b c d e f g h i j Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, su amministratori.interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2017).
  36. ^ Gli Azzurri in ritiro a Sestriere. Lippi: “Tutti e 28 sono sotto esame”, su figc.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  37. ^ Centro sleddog Sestriere, su lucachiarelli.net, Centro sleddog. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2013).
  38. ^ Marco Accossato, Sulla neve trainati da un Husky: non solo sci sulle montagne olimpiche, su lastampa.it, La Stampa, 4 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2018 (archiviato il 4 gennaio 2016).
  39. ^ La storia del Giro d'Italia, su ilnuovociclismo.com. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).
  40. ^ In seguito alla squalifica di Contador per doping, in base alla sentenza del Tribunale Arbitrale dello Sport, allo spagnolo sono stati annullati tutti i risultati ottenuti dal 25 gennaio 2011. Si veda (EN) Press release: CAS decision in Contador case, in Uci.ch, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012)., (EN) Alberto Contador case: the consequences of the CAS ruling, in Uci.ch, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2012).
  41. ^ La 20ª tappa, a causa del divieto di assembramento imposto dal comune di Briançon per l'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di COVID-19 in Francia, è stata modificata. Inizialmente prevista per 198 km con passaggi sul Colle dell'Agnello, sul Colle dell'Izoard e infine sul Sestriere, è stata ridotta di 17 km con la cancellazione dei passaggi sul Colle dell'Agnello e sul Colle dell'Izoard, sostituiti da tre passaggi sulla salita del Sestriere, cfr. Giro d'Italia, cambia il percorso della 20ª tappa, tre volte il Sestriere per una frazione tutta italiana, su gazzetta.it, 21 ottobre 2020. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  42. ^ Bubka aggiunge un centimetro al suo record, in La Stampa, n. 208, 1994, p. 1.
  43. ^ Record del lungo (con giallo) al Sestriere, in La Stampa, n. 204, 1995, p. 1.
  44. ^ Centoventi piloti alla Cesana-Sestriere, in Stampa Sera, n. 184, 1961, p. 7.
  45. ^ Cesana-Sestriere - La manifestazione, su cesanasestriere.com. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato il 22 dicembre 2019).
  46. ^ Stefano Peroni trionfa alla 38ª Cesana - Sestriere, su acisport.it. URL consultato il 22 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Città e paesi d'Italia, vol. I, De Agostini, 1966
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di arte religiosa alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2009
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2010
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina, Piana di Oulx e Valli di Cesana, Borgone Susa 2013
  • Sestriere. Una montagna di sport. 80 anni di grandi eventi, Graphot, 2014

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN244729748 · GND (DE4518461-6