Servizio centrale operativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Servizio Centrale Operativo
Descrizione generale
Attiva1989 - oggi
NazioneItalia Italia
ServizioStemma della Polizia di Stato 2007.svg Polizia di Stato
TipoServizio della Polizia di Stato
RuoloIndagini investigative
SedeRoma-Stemma.png Roma
Parte di
Reparti dipendenti
Comandanti
Comandante attualeAlessandro Giuliano
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Servizio centrale operativo è un servizio della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato. Coordina le squadre mobili delle questure italiane e l'attività investigativa sulla criminalità organizzata.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Viene istituito nel novembre 1989 per coordinare le squadre mobili.[2] Confermato con il decreto legge 13 novembre 1990, n. 324 e il decreto legge 13 maggio 1991, n.152, convertito dalla legge 12 luglio 1991, che prevedeva l'istituzione di "Servizi centrali ed interprovinciali di polizia giudiziaria della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri (Raggruppamento Operativo Speciale) e della Guardia di finanza (GICO)" al fine di assicurare il collegamento delle attività investigative relative ai delitti di criminalità organizzata. Le attuali competenze, che prevedono anche operazioni all'estero, sono state definite dal decreto interministeriale 25 ottobre 2000.

Tra i direttori dello SCO vi sono stati futuri capi della polizia come Antonio Manganelli, Gianni De Gennaro,[3] Alessandro Pansa, ma anche dei condannati per i fatti del G8 di Genova come Francesco Gratteri e Gilberto Caldarozzi.

Il servizio nel 2008 ha ricevuto la medaglia d'oro al merito civile alla bandiera.[4]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio è organizzato in tre divisioni, cui fanno capo diverse sezioni:

  • I Divisione: attività investigative svolte dalle Squadre mobili e dai servizi interprovinciali in materia di criminalità organizzata; rapporti con DIA, ROS, SCICO.
  • II Divisione: attività investigative svolte dalle Squadre mobili e dalle squadre di Polizia giudiziaria non attinenti al crimine organizzato.
  • III Divisione: Affari generali, settore informatico, delle tecnologie, della logistica e delle comunicazioni; qualificazione e aggiornamento professionale.[5]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale dirigente è l'ex Questore di Lucca, Alessandro Giuliano.[6]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«Il Servizio Centrale Operativo, istituito in particolare per la lotta alle associazioni di tipo mafioso, è divenuto nel tempo fulcro del coordinamento nazionale di tutte le indagini che hanno consentito di assicurare alla giustizia i più efferati criminali in Italia ed all'estero. Il Servizio, avvalendosi della collaborazione delle Squadre Mobili, ha sempre dimostrato esemplare perizia professionale, encomiabile dedizione ed altissimo senso di solidarietà umana, collaborando anche con organismi di Polizia estera. Gli eccezionali risultati raggiunti hanno rafforzato la mirabile tradizione di valore ed efficienza, nonché di prestigio della Polizia di Stato, anche in campo internazionale, suscitando, ancora una volta, la riconoscenza della Nazione tutta, 1989-2008.»
— Territorio Nazionale[7]
— 2 maggio 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]