Serpentine Galleries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serpentine Galleries
SERPENTINE REGULAR BLACK RGB.jpg
Serpentine Gallery and 2008 Pavilion.jpg
Ubicazione
StatoRegno Unito Regno Unito
LocalitàKensington Gardens
IndirizzoSerpentine South Gallery, Kensington Gardens, London W2 3XA e Serpentine North Gallery, West Carriage Drive, London W2 2AR
Coordinate51°30′16.92″N 0°10′30.18″W / 51.5047°N 0.17505°W51.5047; -0.17505
Caratteristiche
Tipoarte moderna
Periodo storico collezioniNovecento
Istituzione1970
FondatoriArts Council of Great Britain
DirettoreJulia Peyton-Jones
Visitatori952 518 (2019)
Sito web

Le Serpentine Galleries sono due gallerie d'arte contemporanea a Kensington Gardens presso Hyde Park, nel centro di Londra. Si tratta della Serpentine Gallery e della Sackler Gallery, che si trovano a cinque minuti a piedi l'una dall'altra, collegate dal ponte sul Serpentine Lake da cui prendono il nome. Le loro mostre, architettura, istruzione e programmi pubblici attraggono fino a 1,2 milioni di visitatori all'anno. L'ingresso ad entrambe le gallerie è gratuito.

Galleria della Serpentine[modifica | modifica wikitesto]

La Serpentine Gallery è stata fondata nel 1970 ed è ospitata in un ex padiglione del tè classificato di Grado II, costruito nel 1933-34 dall'architetto James Gray West. Artisti importanti le cui opere sono state esposte includono Man Ray, Henry Moore, Jean-Michel Basquiat, Andy Warhol, Paula Rego, Sondra Perry, Bridget Riley, Allan McCollum,[1] Anish Kapoor, Christian Boltanski, Philippe Parreno, Richard Prince, Wolfgang Tillmans, Gerhard Richter, Gustav Metzger, Damien Hirst, Maria Lassnig, Jeff Koons e Marina Abramović. Sul terreno all'ingresso della galleria si trova un'opera permanente realizzata da Ian Hamilton Finlay in collaborazione con Peter Coates e dedicata a Diana, Principessa del Galles, ex mecenate della galleria.

Galleria Sackler[modifica | modifica wikitesto]

Sackler Gallery presso la Serpentine

Nel 2013 la Sackler Gallery, con un ampliamento progettato da Zaha Hadid Architects, è stata aperta al pubblico, dando nuova vita a The Magazine, un ex deposito di polvere da sparo classificato Grade II * costruito nel 1805. Situato a cinque minuti a piedi dalla Serpentine Gallery al di là del Serpentine Bridge, comprende 900 metri quadrati occupati da galleria, ristorante, negozio e spazio pubblico. Il Magazine Restaurant è adiacente alla galleria.

In un'anteprima della sua mostra alla Serpentine Gallery, Hito Steyerl si è espressa contro il finanziamento della Galleria da parte della famiglia Sackler, i cui membri possiedono Purdue Pharma che è dietro l'antidolorifico OxyContin. La Galleria ha successivamente rilasciato una dichiarazione che affermava: "Le donazioni alla Serpentine dal Sackler Trust sono storiche e non abbiamo piani futuri per accettare finanziamenti dai Sackler".[2]

Marina Abramović nel progetto "512 ore" (2014)

Padiglioni[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno dal 2000 la Serpentine Gallery ha commissionato un padiglione estivo temporaneo a un importante architetto. L'iniziativa promuove il lavoro di un architetto o di un team di progettazione internazionale che non abbia già completato un edificio in Inghilterra al momento dell'invito a realizzare il padiglione. Ogni padiglione viene completato entro sei mesi e installato sul prato della Galleria per tre mesi affinché il pubblico possa esplorarlo. Cecil Balmond è stato il principale promotore del progetto Serpentine Pavilion.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Liam Gillick, "Allan McCollum at the Serpentine", Artscribe, Summer 1989
  2. ^ Joanna Walters, Serpentine Gallery shuns Sacklers after artist likens family to a ‘serial killer’, in The Guardian, 12 April 2019, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 12 aprile 2019. Ospitato su www.theguardian.com.
  3. ^ Jonathan Glancey, Now you see it: Toyo Ito's pavilion in Hyde Park, London, The Guardian, 8 July 2002. URL consultato il 16 December 2013.
  4. ^ Jonathan Glancey, Oscar Niemeyer's Serpentine pavilion, London, The Guardian, 25 June 2003. URL consultato il 16 December 2013.
  5. ^ ludwig abache & Carolin Hinne, letushearfromyou@0lll.com, http://www.0lll.com, Copia archiviata, su 0lll.com. URL consultato il 16 December 2013 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2013).
  6. ^ Steve Rose, Steve Rose on Rem Koolhaas's Serpentine Pavilion, London, The Guardian, 3 July 2006. URL consultato il 16 December 2013.
  7. ^ Fiona Sibley, Pavilions mushroom thanks to Hadid's magic, London, The Guardian, 13 July 2007. URL consultato il 16 December 2013.
  8. ^ Shehani Fernando, Olafur Eliasson pavilion, London, Guardian, 4 September 2007. URL consultato il 16 December 2013.
  9. ^ The Guardian: Serpentine Pavilion 2008: Frank Gehry, 22 July 2008
  10. ^ Jonathan Glancey: Sanaa unveils enchanting Serpentine pavilion in The Guardian, 2 April 2009
  11. ^ Jean Nouvel's Serpentine gallery pavilion, London, The Guardian, 6 July 2010. URL consultato il 16 December 2013.
  12. ^ Jonathan Glancey: Swiss-made Serpentine pavilion presents garden of tranquility in The Guardian, 27 June 2011
  13. ^ Joanna Fortnam, Piet Oudolf's garden at the Serpentine Gallery pavilion, The Telegraph, 29 June 2011. URL consultato il 24 May 2016.
  14. ^ BBC News ''Ai Weiwei to create underground design for Serpentine '', Bbc.co.uk, 7 February 2012. URL consultato il 16 December 2013.
  15. ^ "Serpentine Gallery Pavilion 2013 by Sou Fujimoto" 1 June - 20 October 2013
  16. ^ Wainwright, Oliver: "Chilean architect Smiljan Radic to design 2014 Serpentine pavilion" in The Guardian, 12 March 2014
  17. ^ Wainwright, Oliver: "Magic mushroom maze: this summer's Serpentine pavilion will be a psychedelic trip" in The Guardian, 25 March 2015
  18. ^ "Serpentine Galleries Pavilion 2016 by Bjarke Ingels" 10 June - 9 October 2016
  19. ^ (EN) Oliver Wainwright, Francis Kéré becomes first African architect of Serpentine pavilion, in The Guardian, 21 febbraio 2017, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 21 maggio 2017.
  20. ^ Wainwright, Oliver: "Serpentine Pavilion 2018 review – cement tiles, shade and a paddling pool" in The Guardian, 11 June 2018
  21. ^ Serpentine Galleries: "Serpentine Pavilion 2019 designed by Junya Ishigami" 27 February 2019

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN127478552 · ISNI (EN0000 0001 2154 0370 · BAV 494/40308 · ULAN (EN500254652 · LCCN (ENn80009032 · GND (DE2053110-2 · BNE (ESXX107593 (data) · BNF (FRcb122135781 (data) · J9U (ENHE987007605010505171 (topic) · NSK (HR000573270 · WorldCat Identities (ENlccn-n80090322