Serpente marino (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il vero serpente marino, vedi Hydrophiinae.
Un serpente marino nell'atto di divorare alcuni marinai

I serpenti marini sarebbero enormi creature acquatiche presenti in numerose mitologie. Questi animali, molto spesso feroci e distruttivi, terrorizzavano i naviganti dell'antichità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto generale di questo essere è di un mostro marino serpentiforme, con testa simile a quella di un serpente normale, di un drago o di un cavallo senza orecchie.

Non vanno confusi con i serpenti di mare (Hydrophiinae), animali noti alla zoologia e ben diversi e più piccoli dei loro giganteschi e mitologici omonimi.

Significato metaforico[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua francese il "serpente marino" (serpent de mer) è anche una metafora per indicare un progetto che non si conclude mai (o un soggetto) che tuttavia ricompare periodicamente senza però mai concretizzarsi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei più famosi avvistamenti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giancarlo Costa, Misteri e leggende del mare, Milano, Mursia, 1994, ISBN 88-425-1731-3.
  • Maurizio Mosca e Giancarlo Costa, Mostri del mare, Milano, Mursia, 1999, ISBN 88-425-2546-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]