Serie A 2016-2017 (hockey su ghiaccio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 2016-2017
CampionatoSerie A
SportIce hockey pictogram.svg Hockey su ghiaccio
Durata21-22 gennaio 2017
Numero squadre4 (8 alle qualificazioni)
Regular season AHL
Prima classificataRitten-Renon
Scudetto.svg Finale scudetto
Campione italianoRitten-Renon
FinalistaAsiago

La Serie A di hockey su ghiaccio 2016-2017, di fatto l'83º campionato italiano della massima serie, subì un cambiamento rispetto il passato: a contendersi il titolo di Campione d'Italia si sfidarono difatti 4 squadre in una Final Four disputata in sede unica. Le contendenti vennero scelte tra le migliori squadre classificate al termine della regular season della neonata Alps Hockey League, un torneo a carattere sovranazionale nel quale confluirono i team della Serie A italiana con l'obiettivo di rilanciare il movimento italiano.
Il torneo di Serie A venne, come le passate edizioni, organizzato dalla Federazione Italiana Sport del Ghiaccio e dalla LIHG.

La Final Four venne ufficialmente presentata a Vicenza il 19 gennaio 2017 nella sede de Il Giornale di Vicenza.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre partecipanti furono, come la precedente stagione, 8, ma si deve segnalare l'autoretrocessione del Valpellice (che si iscrive in Serie C per problemi finanziari) e l'iscrizione al campionato dell'Egna (che si era autoretrocesso l'anno prima in Serie B).

Squadre in Serie A nella stagione 2016-2017
Club Regione Città Arena Capacità Presenze in Serie A
Asiago Hockey Veneto Veneto Asiago-Stemma.png Asiago (VI) Hodegart 3.000 53
SG Cortina Veneto Veneto Cortina d'Ampezzo-Stemma.png Cortina d'Ampezzo (BL) Stadio Olimpico del Ghiaccio 2.700 69
HC Neumarkt Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Egna-Stemma.png Egna (BZ) WürthArena 1.200 3
HC Pustertal Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Brunico-Stemma.png Brunico (BZ) Rienzstadion 2.050 43
Ritten Sport (Campione in carica) Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Renon-Stemma.png Collalbo (BZ) Arena Ritten 1.200 21
HC Fassa Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Canazei-Stemma.png Alba di Canazei (TN) Gianmario Scola 3.500 32
WSV Sterzing Broncos Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Vipiteno-Stemma.png Vipiteno (BZ) Weihenstephan Arena 1.700 11
HC Gherdëina Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige Selva di Val Gardena-Stemma.png Selva di Val Gardena (BZ) Pranives 2.000 50

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Si classificano per la Final Four i 4 team meglio classificati, al termine della stagione regolare, nel torneo di Alps Hockey League 2016-2017 (le 8 compagini italiane si sfideranno al nuovo campionato sovranazionale con altre 8 squadre straniere, 7 austriache ed 1 slovena).

Semifinali: la squadra italiana prima classificata nel campionato di AHL al termine del girone andata/ritorno, giocherà contro la squadra italiana quarta classificata al medesimo torneo, mentre la seconda classificata sfiderà la terza.

Finale: in gara unica, da disputare tra le vincenti delle semifinali.

Sede[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 dicembre 2016 la Federazione comunicò di aver scelto la pista dell'Hodegart di Asiago (nonostante il team veneto non fosse ancora sicuro della qualificazione) per la disputa della Final Four[1].

Classifica stagione regolare AHL[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Alps Hockey League 2016-2017.

Classifica al termine della regular season di Alps Hockey League.

Pos. Squadra Pt V P VOT POT GF GS DR
1. Ritten Sport 77 24 3 2 1 117 63 +54
2. HC Pustertal 76 23 3 3 1 103 55 +48
3. HDD Jesenice 63 20 8 1 1 120 66 +54
4. EHC Lustenau 56 17 9 1 3 106 77 +29
4. Asiago Hockey 56 16 10 4 0 102 64 +38
6. VEU Feldkirch 55 18 11 0 1 112 89 +23
7. SG Cortina 51 14 9 2 5 100 76 +24
8. EK Zell am See 38 11 15 1 3 85 96 -11
8. HC Neumarkt 38 10 15 3 2 87 97 -10
8. EC Red Bull Salzburg 2 38 10 15 3 2 85 87 -2
11. HC Gherdëina 36 9 15 3 3 84 104 -20
11. WSV Sterzing Broncos 36 10 17 3 0 78 90 -12
13. EC Kitzbühel 32 9 18 2 1 72 115 -43
14. HC Fassa 26 6 18 2 4 79 126 -47
15. EHC Bregenzerwald 25 7 19 0 4 76 118 -42
16. EC KAC 2 17 3 22 3 2 60 143 -83

Legenda:

      Squadre italiane qualificate alla Final Four
      Squadre italiane

Final Four[modifica | modifica wikitesto]

Si qualificarono alla Final Four:

  1. Ritten-Renon
  2. Val Pusteria
  3. Asiago
  4. Cortina

La Federazione scelse di far disputare la finale ad Asiago.

  Semifinali Finale
           
1  Ritten-Renon 5  
4  Cortina 2  
    1  Ritten-Renon 3
  3  Asiago 2
2  Val Pusteria 1
3  Asiago 3  

†: partita terminata ai tempi supplementari
‡: partita terminata ai tiri di rigore

La prima partita ad essere giocata sul ghiaccio di Asiago è la semifinale Renon-Cortina: dopo un sostanziale equilibrio nel primo drittel, nel secondo periodo si fa prevalere il gioco degli altoatesini che schierano sul ghiaccio 4 linee (contro le 3 del Cortina che deve tra l'altro sopperire all'assenza dell'infortunato Riley Brace) e che si conclude sullo parziale di 1-0. Il terzo tempo si apre subito con un gol del Renon che si porta in doppio vantaggio, gli ampezzani non riescono a reagire e il Renon cala il poker. Solo più tardi il Cortina accorcia le distanze (tiro di Caletti deviato da una stecca altoatesina) ma è un fuoco di paglia: il Renon chiude la gara centrando anche il quinto sigillo con un tiro di Markus Spinell che passa sotto le gambe del goalie biancoceleste.

La seconda semifinale vede ancora scontrarsi Asiago e Val Pusteria, una sfida ricorrente degli ultimi anni. Il match si gioca a ritmi assai più veloci dell'altra semifinale. L'Asiago sfrutta il primo powerplay della serata e all'ottavo minuto di gioco passa in vantaggio con un gol di Nigro che, dopo la deviazione con la spalla di Tragust, si infila sotto al sette. Nel secondo periodo i gialloneri premono sull'acceleratore in cerca del pari, è però una sortita offensiva del neoacquisto giallorosso Krys Kolanos a cambiare il risultato: con un gran tiro dalla linea blu l'attaccante canadese beffa ancora Tragust e l'Asiago si porta così sul 2-0. Gli ospiti hanno in seguito la grande opportunità di accorciare le distanze, viene infatti fischiata una doppia penalità ai danni dei giocatori dell'Asiago, ma, pur giocando 2 minuti interi di 5 contro 3, gli altoatesini non riescono a segnare, i brunicensi riescono tuttavia a sfruttare (allo scadere) una successiva superiorità numerica e quindi il secondo tempo termina sul 2-1 per l'Asiago. Nel terzo periodo Scandella lanciato a rete viene messo giù da un difensore avversario: è tiro di rigore per l'Asiago, alla battuta va Nigro a causa di un problema al pattino dello stesso Scandella. Protesta il Val Pusteria che però viene graziato da Nigro che coglie il palo interno della gabbia difesa da Tragust. La partita scorre via veloce, il Val Pusteria tenta quindi la carta del sesto uomo di movimento ma viene punito da un tiro di Lutz che dalla parte opposta del campo riesce a siglare la rete del definitivo 3-1.

La finale scudetto vede scontrarsi quindi Renon ed Asiago. L'avvio di partita è sorprendente: dopo soli 6 secondi infatti, l'Asiago con un'azione che taglia in due le linee altoatesine si porta subito in vantaggio (rete di Kolanos). A breve segue il raddoppio con una deviazione sottoporta del giovane Conci, che devia un tiro dalla blu di Marchetti. L'Asiago sfiora pure la terza marcatura (traversa di Scandella) ma in seguito esce il maggior tasso tecnico avversario, ben evidenziato dalla miglior posizione in classifica nel campionato di AHL. Alex Frei accorcia per i suoi, il Renon preme ancora ma il primo tempo termina sul 2-1 per i giallorossi. Nel secondo tempo l'Asiago non sfrutta due buone occasioni per riportarsi sul doppio vantaggio ed arriva così il pari della squadra di Collalbo con un tiro di Traversa che, grazie a una fortunosa carambola, termina lentamente alle spalle di Cloutier (ex portiere proprio del Renon). Il gol dà morale al team bolzanino che trova pure la terza marcatura grazie a un altro gol di Frei che si ritrova il disco sulla stecca dopo un ingaggio in fase d'attacco. Nel terzo tempo il Renon controlla ancora la partita con l'Asiago che non riesce a creare grosse occasioni salvo quella che al minuto 53:40 vede Casetti colpire un clamoroso palo interno. L'Asiago al termine prova pure a togliere il portiere ma tutti i tentativi d'attacco s'infrangono contro Killeen e il portiere del Renon alla sirena viene sommerso dagli abbracci dei compagni.

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Asiago
21 gennaio 2017, ore 16.30
Renon 600px Rosso Blu e Bianco.svg 5 – 2
(1:1; 1:0; 3:1)
referto
Cortina Hodegart (500 spett.)
Arbitri Alex Lazzeri
Turo Samuel Virta

Asiago
21 gennaio 2017, ore 20.30
Val Pusteria Giallo e Nero.png 1 – 3
(0:1; 1:1; 0:1)
referto
Asiago Hodegart (1800 spett.)
Arbitri Andrea Benvegnù
Andrea Moschen

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Asiago
22 gennaio 2017, ore 18.00
Renon 600px Rosso Blu e Bianco.svg 3 – 2
(1:2; 2:0; 0:0)
referto
Asiago Hodegart (1800 spett.)
Arbitri Luca Cassol
Claudio Pianezze

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra
1 Ritten-Renon
2 Asiago
3 Val Pusteria
4 Cortina
5 Neumarkt-Egna
6 Gherdëina-Gardena
7 Vipiteno Broncos
8 Fassa

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Scudetto.svg Ritten Sport (3º titolo)

Campioni d'Italia 2016-2017

600px Rosso Blu e Bianco.svg

Ritten Sport

Portieri: Hannes Treibenreif, Roland Fink, Patrick Killeen

Difensori: Ivan Tauferer, Maximilian Ploner, Fabian Ebner, Andreas Alber, Christoph Vigl, Daniel Spimpolo, Christian Borgatello (C), Roland Hofer, Stefan Mair

Attaccanti: Matthias Fauster, Jānis Sprukts, Julian Kostner , Alexander Eisath, Johannes Fauster, Daniel Tudin (A), Alex Frei, Markus Spinell, Simon Kostner, Kevin Fink, Hanno Tauferer, Victor Ahlström, Philipp Pechlaner, Oscar Ahlström, Tommaso Traversa, Thomas Spinell (A)

Staff Tecnico: Riku-Petteri Lehtonen (Allenatore), Erwin Kostner (Ass. allenatore)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su fisg.it. URL consultato il 13 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Hockey su ghiaccio Portale Hockey su ghiaccio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hockey su ghiaccio