Sergio Sega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergio Sega
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
1942-1945 Bianco e Blu.png Cadidavid
Squadre di club1
1946-1952 Verona 205 (69)
1952-1954 SPAL 47 (12)
1954-1955 Verona 19 (4)
1955-1958 Treviso 56 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sergio Sega (Cadidavid, 17 febbraio 1927Verona, 20 marzo 1988) è stato un calciatore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante di razza, dotato di grande senso del goal, cresce nella squadra dilettantistica del suo paese, il Cadidavid e nel 1946, viene ceduto al Verona dove si impone giovanissimo in Serie B divenendo per tre anni consecutivi, nel 1947, 1948 e 1949, il capocannoniere gialloblù. Arrivato secondo in classifica nel 1950 dopo Guido Tavellin, Sega torna ad essere capocannoniere del Verona nel 1951.

Stranamente per questo calciatore emergente la Serie A stenta ad arrivare, dovrà attendere fino al 1952, quando viene acquistato dalla SPAL di Paolo Mazza[1] e raggiunge il suo ex compagno di squadra al Verona Lucchi e l'altro veronese ed ex gialloblu, l'ormai anziano Pellicari. Il primo anno è molto positivo: Sega esordisce in Serie A il 14 settembre 1952 a Firenze e segna il suo primo goal nella massima serie il 19 ottobre del medesimo anno in casa con il Torino. In tutto per Sega un bilancio di 24 partite disputate e 11 centri, con questo bottino è il capocannoniere della SPAL davanti all'idolo locale Fontanesi I e Bülent, solo Morbello con 12 reti nel 1960 e Massei nel 1961 con 13 riusciranno a superarlo.

Mazza conferma i veronesi, convinto che il prossimo anno gli daranno molte soddisfazioni. Stavolta però il mago di campagna si sbaglia, Pellicari è ormai molto avanti con gli anni e Sega inspiegabilmente non si ripete, segnando solamente 1 goal, il 14 febbraio del 1954, decisivo per il pareggio di 2 a 2 contro l'Inter. Il solo Lucchi si salva, come del resto la SPAL riesce a malapena a farla franca andando agli spareggi. L'avventura di Sega in Serie A finisce qui: 47 gare disputate più una partita di spareggio e con 12 goal fatti complessivamente.

Torna nel 1954 al Verona assieme al giovane Stefanini I per tentare il rilancio ma ormai per lui è il canto del cigno: solo 19 presenze e 4 centri in Serie B. Scende di nuovo di categoria, stavolta al Treviso in Serie C, ma anche con la squadra della marca non convince giocando in due campionati 52 partite e segnando solamente 4 reti. Nel 1957 pertanto abbandona il calcio a soli 30 anni.

Con 224 gare e 73 reti segnate in 7 stagioni, è il più grande realizzatore di tutti i tempi del Verona, l'unico inoltre che per ben quattro volte ne sia stato il capocannoniere (anche Tavellin lo fu ma comprendendo il campionato di guerra).

È morto nel 1988, all'età di 61 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]