Sergio Rampini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sergio Rampini
Nazionalità Italia Italia
Altezza 167 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1953 - giocatore
Carriera
Giovanili
1932-1934 non conosciuta Monticellese
Squadre di club1
1934-1940 Cremonese 107 (25)
1940-1941 Alessandria 16 (8)
1941-1943 Salernitana 43 (16)
1945-1947 Alessandria 33 (11)
1947-1949 Palermo 19 (1)
1949-1950 Parma 29 (6)
1950-1953 Piacenza 48 (10)
Carriera da allenatore
1953-1955 Piacenza Giovanili
1955-1956 Asti
1956-1957 Acqui
1958-1959 Piacenza
1959 Piacenza
1959-1961 Piacenza Giovanili
1961 Piacenza
???? Alessandria Giovanili
???? non conosciuta S. Salvatore Monferrato
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sergio Rampini (Monticelli d'Ongina, 18 gennaio 1917Alessandria, 28 agosto 1997[1]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come mezzala ed era un calciatore agile e dotato di buona tecnica individuale[2]. Per queste sue caratteristiche, il rendimento diminuiva nelle partite agonisticamente più accese[2]. Pur non essendo di alta statura, eccelleva nel gioco aereo e acrobatico[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Monticellese[3] e poi nella Cremonese, vi disputò quattro campionati tra Serie C e Serie B, esordendo nella serie cadetta il 4 ottobre 1936 contro la Pro Vercelli[3]. Nel 1940 passò all'Alessandria[4][5], richiesto dall'allenatore Otto Krappan[1]. Con i grigi realizzò 8 reti in 16 partite nel campionato di Serie B 1940-1941.

Nel 1941, a causa del servizio militare[1], scese in Serie C passando alla Salernitana, dove rimase per due stagioni realizzando 16 reti, di cui 12 nella sola stagione 1942-1943[6], l'ultima prima della sospensione bellica. Finita la guerra ritornò per altre due stagioni nell'Alessandria; con 11 reti contribuì alla promozione in Serie A al termine del campionato 1945-1946, ed esordì in Serie A il 22 settembre 1946, in Alessandria-Modena (1-3). In quella stagione disputò in tutto 7 partite, a causa di un grave infortunio[3].

Passò poi al Palermo, con cui giocò in Serie B nella stagione 1947-1948 (17 presenze) e in Serie A nella stagione 1948-1949 (2 presenze).

Dopo una stagione al Parma (29 presenze e 6 reti), disputò tre stagioni nel Piacenza[7], con cui ottenne il primo posto nel campionato di Serie C 1951-1952, mancando la promozione in Serie B dopo gli spareggi. Frenato da un grave infortunio[1][8], disputò un'unica partita nel campionato 1952-1953, l'ultimo della sua carriera.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro rimase nello staff tecnico del Piacenza, allenando fino al 1955 le giovanili da cui uscirono diversi giocatori approdati poi alla Serie A (Piero Ferri, Stefano Bernini, Giancarlo Cella)[1][8]. Allenò poi l'Asti[8][9] e l'Acqui[8], prima di tornare al Piacenza. Ha guidato a più riprese la prima squadra: nella stagione 1957-1958 (subentrando a gennaio 1958 a Oreste Barale)[10], in quella successiva (alternandosi a Alfredo Notti)[11] e nel 1960-1961, subentrando nel finale di stagione a Dario Cozzani[12].

Lasciata Piacenza, tornò ad Alessandria occupandosi anche in questo caso delle squadre giovanili della società piemontese[1]. Concluse l'attività di allenatore nel San Salvatore Monferrato[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cremonese: 1935-1936
Salernitana: 1942-1943
Piacenza: 1951-1952
Alessandria: 1945-1946
Palermo: 1947-1948

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h L'addio a Rampini, l'"acrobata", La Stampa, 30 agosto 1997, pag.34
  2. ^ a b Profilo su Enciclopediadelcalcio.it
  3. ^ a b c P.Gentilotti, G.Rubini, Dal Farnese a Barriera Genova, ed.Libertà, vol.3, pag.157
  4. ^ Giocatori del Cremona all'Alessandria e al Brescia, Il Littoriale, 20 agosto 1940, pag.3
  5. ^ Agendina del Calcio Barlassina 1940-1941, pag.105
  6. ^ Statistiche su Salernitanastory.it
  7. ^ Rosa 1950-1951 Storiapiacenza1919.it
  8. ^ a b c d L'allenatore Barale sostituito con l'ex biancorosso Sergio Rampini, Libertà, 28 gennaio 1958, pag.5
  9. ^ A Fossano il derby della "provincia grande", La Stampa, 19 novembre 1955, pag.4
  10. ^ Stagione 1957-1958 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Stagione 1958-1959 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ Stagione 1960-1961 Storiapiacenza1919.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Fontanelli, Unione Sportiva Cremonese! oltre un secolo di storia, Geo Edizioni, 2005.
  • Gianfranco Bellè, 90 anni del Parma Calcio 1913-2003, Azzali Editore S.n.c.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Sergio Rampini, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.