Serdar Ferhad Pascià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serdar Ferhad Pascià
Ferhat Pasha.png

Gran visir dell'Impero ottomano
Durata mandato 1º agosto 1591 –
4 aprile 1592
Monarca Murad III
Predecessore Koca Sinan Pascià (II mandato)
Successore Kanijeli Siyavuş Pascià (III mandato)

Durata mandato 16 febbraio 1595 –
7 luglio 1595
Monarca Mehmet III
Predecessore Koca Sinan Pascià (III mandato)
Successore Koca Sinan Pascià (IV mandato)

Serdar Ferhad Pascià (1530Istanbul, 1595) è stato un politico ottomano di ascendenza albanese.Fu due volte Gran Visir dell'Impero Ottomano tra il 1 ° agosto 1591 e il 4 aprile 1592 e tra il 16 febbraio 1595 e il 7 luglio 1595.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Divenne un agha dei giannizzeri nel 25 febbraio 1582 ma lasciò la sua posizione per l'effetto di Koca Sinan Pascià. Nel 1582 fu nominato quarto visir dal Grand Visier Siyavuş Pascià e si unì alle forze ottomane durante la guerra ottomano-safavide dove divenne presto secondo comandante (serdar). Fece di Tebriz la sua base militare e catturò Ganja. Ha partecipato a negoziati pacifici con Shah Abbas I e ha trasformato Istanbul con l'ambasciata Sefavide.[2] Il trattato di Ferhad Pascià del 1590 che pone fine alla guerra ottomano-safavide (1578-1590) (chiamato anche trattato di Costantinopoli) gli è stato intitolato.

La sua campagna militare di successo durante le guerre Sefavidi lo portò alla posizione di Grand Visier il 1 ° agosto 1591, ma lasciò nuovamente la sua posizione il 4 aprile 1592 per l'intrigo di Koca Sinan Pascià.

Türbe di Serdar Ferhad Paşa nella Moschea di Eyup Sultan

Durante il suo secondo mandato in carica, iniziò una campagna militare contro Michele il Coraggioso, il sovrano di Valacchia che si ribellò all'Impero. Ordinò di costruire un ponte tra Ruse e Giurgiu per attraversare il fiume Danubio. Durante i preparativi, dovette affrontare una rivolta militare in evoluzione alle porte di Divan-ı Hümayun. Più di 1000 kuloğulları (soldati del corpo dei giannizeri) hanno richiesto l'ulufe (stipendio) al Gran Visier per la loro campagna durante guerre ottomano-safavide, ma egli respinse tale richiesta. Pertanto si infiltrarono all'interno dei bölüks (divisioni) dell'esercito e li si organizzarono contro il gran visir, dicendo ad alta voce "Non accetteremo alcun ulufe fino a quando Ferhad Pascià non sarà decapitato per averci insultato". Ferhad Pascià incolpò Koca Sinan Pascià e Cığalazade Yusuf Sinan Pascià per quella provocazione e ordinò una severa punizione per entrambi. Ma fu convinto per una punizione attenuata ed esiliò Koca Sinan Pascià a Malkara e Cığalazade a Karahisar-ı Şarki.[3]

Ibrahim Pascià, il secondo visir, che ha nominato governatore distrettuale della Porta, incitò il sultano Murad III a licenziare Ferhad Pascià. Il 7 luglio 1595, mentre Ferhad Pascià cercava di costruire un ponte a Ruse, fu costretto a perdere di nuovo la sua posizione, e Koca Sinan Pascià divenne di nuovo un grande visir quel giorno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lazzaro Soranzo, L'Ottomano, Ferrara 1599.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (TR) İsmail Hâmi Danişmend, Osmanlı Devlet Erkânı, İstanbul, Türkiye Yayınevi, 1971.
  2. ^ (TR) FERHAD PAŞA, su islamansiklopedisi.org.tr.
  3. ^ (TR) Hasan Beyzade Ahmet, -1636 or 1637. e Atatürk Kültür, Dil, ve Tarih Yüksek Kurumu (Turkey), Hasan Bey-zâde târîhi, Türk Tarih Kurumu Basımevi, 2004, ISBN 975-16-0999-2, OCLC 57346667. URL consultato il 20 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]