Sequestro preventivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il sequestro preventivo, nell'ordinamento giuridico italiano, è una misura cautelare disposta:

  • quando vi sia il rischio che la libera disponibilità di una cosa possa aggravare o protrarre le conseguenze di un reato, o agevolare la commissione di nuovi reati;
  • sulle cose di cui è consentita la confisca.

Prevista dall'art. 321 codice di procedura penale italiano, è disposta dal giudice, con decreto motivato, su richiesta del pubblico ministero (PM); nel corso delle delle indagini preliminari, funzionalmente competente a disporre la misura è il giudice per le indagini preliminari (GIP).

Durante le indagini preliminari, qualora non sia possibile attendere il provvedimento del giudice in merito alla richiesta di sequestro preventivo, quest'ultimo è disposto direttamente dal PM con decreto motivato, o è effettuato dalla polizia giudiziaria di propria iniziativa; in entrambi i casi, l'atto è soggetto a convalida da parte del GIP, chiamato a disporla, con ordinanza, entro 48 ore dal provvedimento.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Diritto