Sensori di parcheggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I sensori di parcheggio costituiscono una tecnologia che permette al guidatore di un'automobile, camion o autobus di essere messo a conoscenza della distanza tra il proprio veicolo e un altro veicolo vicino o un ostacolo in genere durante le manovre.

Esistono variazioni nel disegno, tecnologia e caratteristiche di interfaccia, ma il sistema base prevede l'installazione di sensori sui paraurti dei veicoli. Questi sensori emettono onde ultrasoniche, e alcuni prodotti recentemente anche elettromagnetiche, che intercettano l'ostacolo ad essi più vicino e inviano le informazioni a una scheda elettronica, il controller, installata all'interno del veicolo stesso. Il controller elabora le informazioni e le trasmette a un altoparlante che emette toni intermittenti con intensità e frequenza variabile per dare l'idea della variabilità della distanza e dell'approssimarsi del contatto. Oppure le trasmette a led luminosi che con lo stesso criterio si accendono progressivamente, o ancora a una combinazione dei due sistemi.

Parkradar1.jpg

Il primo brevetto dei sensori di parcheggio a onde ultrasoniche è avvenuto in Italia dall'Ing. Massimo Ciccarello e dall'Arch. Ruggero Lenci[senza fonte][1]

La presenza di due o quattro cerchietti di circa 15 mm di diametro sul paraurti delle automobili indica la presenza dei sensori di parcheggio a onde ultrasoniche.

I sensori di parcheggio vengono prodotti e installati sulle automobili di tutto il mondo, sia di serie, sia come accessori. Dal 1989 fino agli anni 2000 si sono succeduti diversi brevetti dei sensori di parcheggio, in particolar modo negli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brevetto per invenzione industriale n. 1196650 presentato a Roma al Ministero dell'Industria del Commercio e dell'Artigianato il 13 dicembre 1984 dall'Ing. Massimo Ciccarello e dall'Arch. Ruggero Lenci, e rilasciato il 16 novembre 1988) con il seguente titolo:

    « Strumento ad onde ultrasoniche in grado di calcolare e visualizzare la distanza intercorrente fra il veicolo sul quale esso è installato e l'ostacolo a lui frontalmente più vicino. »

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pagina del sito del Ministero dello Sviluppo economico relativa al brevetto n. 1196650 di Massimo Ciccarello e Ruggero Lenci [1]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili