Senario giambico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il senario giambico è un verso della poesia latina formato da sei metra giambici, ciascuno formato a sua volta da un piede giambico. Derivato dal trimetro giambico greco, fu in prevalenza utilizzato nel teatro latino arcaico tragico e comico (Terenzio e Plauto), dove fu poi sostituito dal trimetro giambico latino. In epoca classica fu adoperato da Fedro nella stesura delle sue Fabulae, per poi scomparire quasi definitivamente; è infatti attestato solo in un passo di Apuleio e nel Ludus septem sapientium di Decimo Magno Ausonio.[1] Lo schema metrico è il seguente:[2]

x — | x — | x — | x — | x — | ∪ x

A differenza del trimetro giambico, il senario è formato da sei metra costituiti da un unico piede giambico, ed è dunque definibile come un verso costruito κατὰ πόδα (katà pòda).[1]

Nei primi cinque piedi la sillaba breve del giambo ovvero l'elemento dispari, è ancipite, rappresentata dal simbolo X, e pertanto può essere sostituita da una lunga "irrazionale" o da due brevi; la lunga del giambo (elemento pari) invece può essere risolta solo dalle due brevi equivalenti (sostituzione razionale). Gli elementi pari guidano il ritmo del verso "di tipo ascendente", e corrispondono ai cosiddetti tempi forti.

Pertanto ognuno dei primi cinque piedi del senario può assumere uno di questi aspetti:

  • ∪ —′: giambo puro
  • — —′: giambo con lunga irrazionale in posizione debole (apparente spondeo)
  • ∪∪ ∪′∪: giambo con lunga irrazionale in posizione debole, risolta in due brevi e con lunga in posizione forte risolta in due brevi (schema "proceleusmatico"); è una soluzione rara, in Fedro ricorre solo in prima sede.
  • ∪ ∪′∪: giambo con lunga in posizione forte, risolta in due brevi - schema apparente tribraco
  • — ∪′∪: giambo con la breve in posizione debole allungata irrazionalmente, e con la lunga in posizione forte sciolta in due brevi - schema apparente dattilo.
  • ∪∪ —′: giambo con la breve di posizione debole allungata irrazionalmente, e poi sciolta in due brevi - schema apparente anapesto.

Particolarmente rigide sono le regole metriche adottate, nell'utilizzo del senario giambico, da Fedro, che si rifece alle regole della versificazione giambico-trocaica cui aggiunse alcune particolari restrizioni supplementari e l'uso diffuso della cesura semiquinaria, raramente sostituita dalla semisettenaria.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ceccarelli, p. 45.
  2. ^ x indica un elemento indifferens, ovvero una sillaba che può essere, a discrezione del poeta, breve o lunga; indica sillaba lunga; ∪ indica sillaba breve. L'accento cade su tutte le sillabe lunghe e sull'ultimo elemento indifferens.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]