Sempervivum tectorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sempervivum tectorum
Sempervivum tectorum plants.jpg
Sempervivum tectorum
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
Ordine Saxifragales
Famiglia Crassulaceae
Sottofamiglia Sempervivoideae
Genere Sempervivum
Specie S. tectorum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Crassulaceae
Genere Sempervivum
Specie S. tectorum
Nomenclatura binomiale
Sempervivum tectorum
L., 1753
Nomi comuni

Semprevivo maggiore

Sempervivum tectorum (L., 1753), comunemente noto come semprevivo maggiore, barba di Giove, guardacasa o semprevivo dei tetti, è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, originaria dell'Europa centro-occidentale[1].

Caratteri morfologici[modifica | modifica wikitesto]

Pianta erbacea perenne, succulenta, stolonifera, con fusto alto 20–50 cm e rosette fogliari sterili, verde scuro, larghe 3–8 cm. Le foglie sono acute. Quelle cauline superiori sono alterne, lanceolate, pubescenti su entrambe le facce e leggermente più lunghe. L'infiorescenza è un denso corimbo apicale, che porta 10-40 fiori larghi circa 3 cm, i quali fioriscono da giugno ad agosto. La corolla è formata da 12-15 petali. I frutti sono dei follicoli eretti.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi rocciosi, rupi, pendii aridi e muri soleggiati, fino ai 2800 m di altitudine.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Diffusa in una vasta parte dell'Europa occidentale e, nello specifico, in Italia è presente sulle Alpi e sugli Appennini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sempervivum tectorum L., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 7 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica