Seksmisja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Seksmisja
Seksmisja Logo.png
Titolo originaleSeksmisja
Lingua originalepolacco
Paese di produzionePolonia
Anno1984
Durata117 min
Generecommedia, fantascienza, avventura
RegiaJuliusz Machulski
SceneggiaturaJuliusz Machulski
Casa di produzioneZespól Filmowy "Kadr"
FotografiaJerzy Łukaszewicz
MontaggioMirosława Garlicka
Effetti specialiZdzislaw Sowinski
MusicheHenryk Kuzniak
ScenografiaJanusz Sosnowski
CostumiMałgorzata Braszka
Interpreti e personaggi

Seksmisja è un film commedia fantascientifica del 1984 diretto dal regista polacco Juliusz Machulski.

Il film è molto popolare in Polonia, tanto da essere considerato un cult.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Maximilian Paradys e il biologo Albert Starski si offrono volontari per un esperimento di criogenia. Uno dei due è un papà separato che lascia la figlia di pochi anni con una madre alienante. Per un errore si risvegliano solo nel 2044, dopo 53 anni di ibernazione, in un mondo in cui gli esemplari maschi della razza umana si sono auto-distrutti in una guerra nucleare e le donne vivono passivamente sotto terra e sotto un regime femminista. Gli viene detto che la superficie della terra è radioattiva e che le donne riescono a tenere in vita la specie umana attraverso la partenogenesi.

Capiscono presto che qualcosa non torna, quando vedono la scuola di indottrinamento in cui le femministe insegnano alle donne che i maschi praticavano la violenza di genere uccidendo le donne con i cavatappi.

Esprimendo la propria mascolinità, i due disobbediscono alle leggi del regime femminista.

Vengono sottoposti ad un processo, in cui le femministe sostengono che Copernico ed Einstein erano donne oppresse dagli uomini. Provano a sostenere le ragioni degli uomini, ma nessuno gli crede.

Le femministe li condannano alla castrazione. Una specie di dottoressa Mengele del femminismo si incarica di compiere l'operazione: il papà riconosce sua figlia, che, diventata adulta vittima di alienazione genitoriale (PAS) è caduta nella misandria femminista.

Una scienziata riscopre l'amore e li aiuta a fuggire. Piuttosto che vivere nella dittatura femminista scelgono di morire da uomini liberi: escono in superficie. Scoprono che non è vero che la terra è radioattiva.

In una villa con giardino incontrano la dittatrice, che confessa la grande menzogna femminista: dopo aver ucciso gli uomini, fanno vivere le donne sotto terra ingannandole con la storia delle radiazioni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte in Polonia: a Łeba, a Łódź (le riprese della casa di Sua Eccellenza) e nella miniera di sale di Wieliczka.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Date di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono riportate le date di uscita e i titoli son cui il film è stato distribuito:[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, attraverso i risultati dei sondaggi delle riviste cinematografiche polacche Cinema e Esensja e il sito Stopklatka.pl è stato votato dal pubblico come il miglior film polacco degli ultimi trent'anni.[1] Tuttavia, questa valutazione da parte del pubblico è in disaccordo con le classifiche di film polacchi fatte dai critici cinematografici professionisti.[1]

Su Rotten Tomatoes il film ha ricevuto il 91% di giudizi positivi da parte del pubblico.[4]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«Lo spunto del film non è nuovo: l'ipotesi di una società dominata dalle donne appare già negli anni '20 e '30 in commedie a sfondo fantastico (The Last Man on Earth, It's Great to be Alive) impostate generalmente ad una più o meno dichiarata polemica antifemminista. Qui il tema può essere letto come brillante satira politica di un regime oscurantista, ma anche quale parabola [...] di un processo storico dominato dall'uomo dal cui esito distruttivo occorre riconquistare una nuova libertà in armonia con le leggi del sentimento e della ragione.»

(Fantafilm[5])

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 ha ricevuto il premio Zlota Kaczka per il miglior film.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il DVD è stato pubblicato il 25 gennaio 2005 dalla Polart.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (PL) Najlepszy polski film 30-lecia, su stopklatka.pl, 19 agosto 2005. URL consultato il 7 marzo 2015.
  2. ^ (EN) Seksmisja (1984) - Filming Locations, IMDb. URL consultato il 7 marzo 2015.
  3. ^ (EN) Seksmisja (1984) - Release Info, IMDb. URL consultato il 7 marzo 2015.
  4. ^ (EN) Seksmisja, Rotten Tomatoes. URL consultato il 7 marzo 2015.
  5. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Seksmisja, in Fantafilm.
  6. ^ (EN) Sex Mission (1984) - Releases, AllMovie. URL consultato il 7 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]