Segugio della Westfalia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il segugio della Westfalia è una razza canina antichissima, originaria della Westfalia, il cui sviluppo è stato favorito dalle corti reali germaniche. Deriverebbe dall'incrocio tra cani da muta di taglia media e bassotti. Il primo standard fu fissato nel 1910[1]

RAZZE MEDIE: - SEGUGI - PAESE DI ORIGINE - NOME ORIGINALE - ALTRO NOME -

    ↓                      ↓                   ↓               ↓

da 10 a 25 kg Germania Westfälische Dachsbracke

                                          Dachsbracke

TESTA: Stretta, allungata, nobile. Stop poco accentuato. Canna nasale leggermente arcuata. Labbra moderatamente pendenti. Il tartufo presenta sulla parte mediana una fascia di colore chiaro. Dentatura estremamente forte. OCCHI:A mandorla di colore scuro. ORECCHIE: Di lunghezza media, larghe, ben aderenti alla testa, l'estremità è arrotondata e smussata. CORPO: Allungato. Collo moderatamente lungo, senza giogaia. Torace lungo, più stretto rispetto ai Teckel. Dorso leggermente bombato, con una leggera pendenza dietro il garrese. Rene largo e fortemente sviluppato. Groppa obliqua. Ventre poco retratto. ARTI: Asciutti, ossatura solida. Piedi forti. Dita corte, serrate. CODA: Con attaccatura molto forte, terminante a spiga senza frangia, pelo folto a brossa sulla parte inferiore. Portata alta a sciabola o pendente. PELO: Ruvido, molto fitto. Corto sulla testa, sulle orecchie e sulla parte inferiore degli arti. È più lungo sul collo, sul dorso e sulla parte inferiore della coda. MANTELLO: Da rosso a giallo con sella o pezzature nere e tracce bianche tipiche dei segugi: lista bianca sul capo, bianco, bianco intorno al muso al collare, sul petto, sugli arti e sulla estremità della coda. Indesiderati i cani bicolori come pure quelli con del nero sulla testa. Il colore bruno cioccolato è considerato un difetto. TAGLIA: Da 30 a 38 cm. PESO: Circa 15 kg.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esemplare di segugio della Westfalia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]