Segoveso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Segoveso (ante 600 a.C. – ...) è stato un principe gallo.

Nipote del re Ambigato e fratello di Belloveso, secondo il racconto di Livio partì dalla terra dei Biturigi, ormai divenuta insufficiente per sfamare tutta la popolazione, e si diresse verso la Selva Ercinia, seguendo gli auspici divini.
Al suo seguito aveva una moltitudine (circa 130.000 persone), pronta ad iniziare il grande viaggio verso una nuova, ricca terra. Vi erano indovini, sacerdoti e bardi, al contrario del fratello Belloveso che aveva portato con sé la parte guerriera della tribù.
Era l'epoca in cui i popoli gallici iniziavano ad espandersi quando la popolazione aumentava troppo: in tal caso, i più giovani, quelli che non avevano ricchezze, ed i più deboli, erano le prime categorie sociali destinate ad abbandonare la tribù per cercare miglior fortuna altrove.

Tum Segoveso sortibus dati Hercynei saltus, Belloveso haudpaulo laetiorem in Italiam viam di dabant (Livio, Ab Urbe condita, lib. V, 34).
Dunque, mentre Belloveso il guerriero si apprestava a fondare in mezzo alla pianura, il suo Mediolanum, Segoveso partì dalla Gallia Transalpina, si avviò lungo il corso del Rodano; risalì lungo il Reno fino ad arrivare (presumibilmente) alla Selva Nera. Si insediò infine nella Selva Ercinia, come re di una popolazione celtica di origine transalpina.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]