See-Saw Films

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
See-Saw Films
StatoAustralia Australia
Altri statiFlag of the United Kingdom.svg Regno Unito
Forma societariaAzienda privata
Fondazione2008 a Sydney[1]
Fondata da
Sede principaleLondra e Sydney[2]
Persone chiave
SettoreTerziario avanzato
ProdottiProduzione cinematografica
Sito webwww.see-saw-films.com

See-Saw Films è una casa di produzione cinematografica britannico-australiana[5][6] fondata nel 2008.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda è stata fondata nel 2008 dai produttori Iain Canning e Emile Sherman, conosciutisi durante la produzione del film Paradiso + Inferno (2006).[7] Il suo primo progetto è stato Il discorso del re, che ha prodotto da indipendente con un budget di 12 milioni dollari in meno di un anno da quando ne aveva acquisito la sceneggiatura;[5] il film ha finito per incassare oltre 400 milioni di dollari e vincere l'Oscar al miglior film nel 2011, diventando il film indipendente britannico di maggior successo di sempre.[6]

Tra gli altri film della See-Saw ci sono poi stati Shame di Steve McQueen, di cui Canning aveva prodotto esecutivamente Hunger,[1] e Lion - La strada verso casa (2016), che ha ottenuto un'altra candidatura agli Oscar.[3][7] A partire da Top of the Lake - Il mistero del lago di Jane Campion del 2013, l'azienda è attiva anche nella produzione televisiva.

Nel 2018, See-Saw ha stretto un contratto per il finanziamento e la co-produzione dei loro film con la New Regency, che si farà carico anche della loro distribuzione globale attraverso il proprio partner commerciale, 20th Century Fox.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Diana Lodderhose, ‘Hunger’ duo reunite in ‘Shame’, su Variety, 8 settembre 2010. URL consultato il 17 maggio 2021.
  2. ^ (EN) Patrick Frater, Picking Scabs Production Venture Formed by See-Saw Films and Samantha Strauss (EXCLUSIVE), su Variety, 22 settembre 2020. URL consultato il 17 maggio 2021.
  3. ^ a b c (EN) Dave McNary, New Regency, See-Saw Films Partner for First-Look Deal, su Variety, 18 gennaio 2018. URL consultato il 17 maggio 2021.
  4. ^ (EN) Ben Dalton, See-Saw Films promotes Simon Gillis, makes three new hires, su screendaily.com, 11 marzo 2021. URL consultato il 17 maggio 2021.
  5. ^ a b (EN) Pamela McClintock e Diana Lodderhose, ‘Speech’ exemplifies agile indies, su Variety, 6 novembre 2010. URL consultato il 17 maggio 2021.
  6. ^ a b (EN) MediaGuardian 100 2011 1-100: 90. Iain Canning and Emile Sherman, su The Guardian, 24 luglio 2011. URL consultato il 17 maggio 2021.
  7. ^ a b (EN) Jazz Tangcay, Interview: Iain Canning Discusses What’s Coming From See-Saw Films and Talks Widows, su awardsdaily.com, 2 dicembre 2018. URL consultato il 17 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170080132 · LCCN (ENno2011062945 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011062945