Secondo messaggero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In biologia molecolare si definisce secondo messaggero quella famiglia eterogenea di molecole, soprattutto di origine organica e in misura minore anche inorganica, che permettono all'interno della cellula il trasferimento, o la trasmissione o la regolazione di meccanismi biochimici che hanno la funzione di regolare l'attività biologica della cellula.

Il secondo messaggero è una molecola che viene rilasciata o attivata a seguito del legame del ligando con il proprio recettore. Di solito, il legame del ligando con il recettore ne causa una variazione conformazionale che innesca una reazione a catena che attiva il secondo messaggero. Il rilascio di questo permette l'attivazione di molecole intracellulari che regolano l'attività della cellula.

Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

L'ipotesi di un messaggero intracellulare viene elaborata per la prima volta nel 1957, grazie agli studi di Earl Wilbur Sutherland che gli consentirono nel 1959 di scoprire il cAMP e di essere premiato nel 1971, per tale scoperta, con il premio Nobel.

Tipologia di secondi messaggeri[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente sono riconosciute 3 principali famiglie di secondi messaggeri:

Controllo di autoritàGND (DE4243447-6
Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia