Scusa ma ti voglio sposare (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scusa ma ti voglio sposare
AutoreFederico Moccia
1ª ed. originale2009
Genereromanzo
SottogenereRosa
Lingua originale italiano
AmbientazioneRoma
PersonaggiAlex, Niki, O.N.D.E.
Preceduto daAmore 14

Scusa ma ti voglio sposare è un romanzo di Federico Moccia, pubblicato il 1º luglio 2009 dalla casa editrice Rizzoli.

È il seguito del romanzo Scusa ma ti chiamo amore pubblicato nel 2007.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alex e Niki tornano dalla loro vacanza sull'Isola del Faro innamorati più che mai. Ma la favola si interrompe bruscamente perché Alex deve tornare a lavorare per una nuova pubblicità e Niki deve iniziare a studiare all'Università. Alex decide di sposare Niki, ma non sa come dirglielo. Decide di farle una bellissima sorpresa portandola a Parigi. Dopo due giorni tra shopping e lussi, Alex, aiutato da un amico, fa apparire una enorme scritta, "Scusa ma ti voglio sposare". Niki felicissima accetta e così iniziano i preparativi per il matrimonio. Intanto le O.n.d.e, le migliori amiche di Niki, sono cambiate e maturate. Olly sta seguendo uno stage massacrante per diventare stilista e finalmente si innamora, Erika sta recuperando il tempo perso con giò frequentando nuovi ragazzi. Diletta rimane incinta e Filippo la prende bene: il problema è che non sa come dirlo alle amiche. Intanto per Alex e Niki, dopo aver informato i genitori della loro intenzione di sposarsi, arriva la prova più difficile: resistere ai preparativi stressanti del matrimonio. Qui inizieranno i veri problemi perché Alex è sempre al lavoro e le sue sorelle stressano Niki perché vogliono essere loro a consigliarla e scegliere per lei i dettagli delle nozze, e lei non riesce a dire di no. In questo frangente si inserisce Guido, un compagno di università di Niki infatuato di lei, con il quale la ragazza rivive le passioni della sua adolescenza: le scappatelle in moto, il surf, le feste con gli amici. Mentre Guido tenta un approccio diretto con Niki, lei è molto più restia a lasciarsi andare, sia perché non è completamente convinta dal ragazzo, sia perché è sentimentalmente legata ad Alex. È tuttavia la crescente pressione del matrimonio, con la paura di non volere una vita "da sposata" ma piuttosto di volere vivere ancora le esperienze della sua età, a far maturare in Niki la decisione di lasciare Alex, tramite una lettera lasciata a casa sua. Alex è distrutto e si rende conto degli errori che ha commesso lasciando Niki in balia degli eventi e proponendogli una vita non adatta a lei. Nel frattempo, Niki si rende conto che l'unica persona con cui può essere veramente felice è solo Alex. Alex quindi va a casa dei genitori di Niki per parlare con la ragazza, che è partita per una vacanza con le amiche di sempre, le O.n.d.e. Alex decide di partire a bordo di una moto (di cui ha sempre avuto paura a causa di un incidente), simbolo di giovinezza, e raggiunge Niki, a Fuerteventura, dove si dichiara interrompendo un concerto. I due si ricongiungono e decidono quindi di sposarsi sull'Isola del Faro, luogo del loro amore.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 febbraio 2010 esce nelle sale cinematografiche il film intitolato Scusa ma ti voglio sposare, tratto dal libro e scritto e diretto dallo stesso Federico Moccia, con protagonista sempre Michela Quattrociocche e Raoul Bova e con le musiche originali di Emanuele Bosi e degli Zero Assoluto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura