Scuola di polizia 4 - Cittadini in... guardia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scuola di polizia 4 - Cittadini in... guardia
Scuola di polizia 4 - Cittadini in... guardia.png
Una scena del film
Titolo originalePolice Academy 4: Citizens on Patrol
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1987
Durata88 min
Generecommedia, azione, avventura
RegiaJim Drake
SceneggiaturaGene Quintano
ProduttorePaul Maslansky, Donald West
MontaggioDavid Rawlins
MusicheRobert Folk
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Scuola di polizia 4 - Cittadini in... guardia (Police Academy 4: Citizens on Patrol) è il quarto capitolo della fortunata serie di film comici ambientati nel mondo dei poliziotti statunitensi.

In questo film, è l'ultima apparizione di Mahoney, Sweetchuck e Zed, che si riprenderanno poi nel cartone animato.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il comandante Lassard ha una strana idea: per combattere il crimine, decide di addestrare i cittadini all'uso delle armi. Mentre egli sarà impegnato a presentare il suo programma alle polizie straniere, la scuola viene affidata ad Harris, diventato capitano. Tra i tanti aspiranti spicca l'imponente nero Thomas Conklin, un ragazzo gravemente obeso amico d'infanzia di Hightower. Si registra anche il ritorno del tenente Proctor e del sergente Copeland come fidi subalterni del capitano Harris. Sia Proctor che Harris sono assolutamente contrari al programma di Lassard, definito dal capitano stesso "un'idea imbecille" e "un aborto totale". Eppure il commissario Hurst, per rimpiazzare Lassard, partito per un convegno a Londra, nomina proprio Harris capo istruttore del programma. Ovviamente il capitano la prende molto male e dimostra di non avere alcuna intenzione di istruire i cittadini, anzi. Fa di tutto perché tale programma si riveli un fiasco totale. Non la pensano così i ragazzi di Lassard, che ce la mettono tutta per dare la migliore istruzione possibile agli aspiranti poliziotti. Il tutto, però, si dimostra un disastro, e Mahoney, diventato nel frattempo sergente, ha il compito di rimediare ai problemi creati dai cittadini capeggiati dalla signora Feldman, un'arzilla vecchietta amante delle armi e degli articoli militari, molto stimata da Tackleberry. Un intervento maldestro di tre cittadini aspiranti poliziotti fa saltare la più grande operazione di infiltrazione della storia della polizia della città e, per questo motivo, Harris sospende il programma. Tuttavia, tale manovra sbagliata non è nulla in confronto al disastro griffato Proctor, che da sempre si ritiene un esperto poliziotto, ma che dimostra tutta la sua incapacità. Infatti, durante la visita di alcuni importanti funzionari di polizia provenienti da varie parti del mondo, si fa abbindolare dai detenuti rinchiusi in un carcere di massima sicurezza. Uno di questi, attraverso un gioco, fa avvicinare il tenente alla cella di un altro detenuto che gli sottrae la pistola, le manette e le chiavi. I criminali fuggono e rinchiudono tutti i poliziotti, compresi il commissario Hurst, Harris e Proctor. Infuriato per l'accaduto, Hurst apostrofa i due subalterni e li accusa di essere i responsabili di un incidente di risonanza internazionale. Tuttavia, a liberarli ci pensa proprio la signora Feldman. Dopo uno spettacolare inseguimento, avvenuto in mongolfiera, i fuggitivi vengono di nuovo arrestati.

Seguito[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema