Scuola di Notre-Dame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce è parte della serie
Music lesson Staatliche Antikensammlungen 2421.jpg
Storia della musica

Categoria:Storia della musica
Categoria:Musica per anno


Musica nel mondo antico · medievale · rinascimentale · barocca · classica · romantica · moderna · contemporanea

Preistoria e antichità

Musica nel mondo antico - ca. XXXV sec. a.C. - V sec. d.C.
Musica preistorica - ante XXXV sec. a.C.
Musica mesopotamica - ca. XXXIII-V sec. a.C.
Musica egizia - ca. XXVII-XVI sec. a.C.
Musica greca - ca. X sec. - 146 a.C.

Musica romana - VIII sec. a.C. - V sec. d.C.

Medioevo

Musica medievale - VI-XV sec.
Canto gregoriano - VIII-XII sec.
Scuola di Notre-Dame - 1150-1320
Ars antiqua - XI-XIV sec.
Ars nova - 1310-1370

Ars subtilior - 1370 - fine XIV sec.

Rinascimento

Musica rinascimentale - XV-XVI sec.
Scuola franco fiamminga - 1420-1620
Scuola romana - XVI-XVII sec.

Scuola veneziana - 1550-1610

Seicento e Settecento

Musica barocca (ca. 1600-1760)
Musica del Classicismo (ca. 1730-1820)
Scuola organistica tedesca - XVII sec.
Scuola organistica francese - XVII-XVIII sec.
Scuola bolognese - 2ª metà del XVII sec.
Scuola napoletana - XVIII sec.
Musica rococò o galante - ca. 1720-1780
Prima scuola viennese - ca. 1749-1828
Scuola di Mannheim - 2ª metà del XVIII sec.
Empfindsamer Stil - XVIII sec.

Sturm und Drang - ca. 1750-1780

Ottocento

Musica romantica - ca. 1780-1910
Musica nazionalista - XIX-XX sec.
Gruppo dei Cinque - 1856-1870
Musica tardoromantica - 2ª metà del secolo
Musica impressionista - ca. 1870-1925

Giovane Scuola - ca. dal 1880 a inizio XX sec.

Novecento

Musica moderna (ca. 1890-1975)
musica contemporanea (ca. dal 1975)
Musica postromantica - 1ª metà del secolo
Musica espressionista - ca. dagli anni '00
Seconda scuola viennese - 1903-1925
Musica futurista e rumorista - ca. dagli anni '10
Musica seriale - ca. dagli anni '20
Neue Sachlichkeit - ca. dagli anni '20
Musica microtonale - ca. dagli anni '20
Musica neoclassica - ca. 1923-1950
Musica concreta - ca. dagli anni '30
Musica elettronica ed elettroacustica - ca. dagli anni '40
Musica sperimentale - ca. dagli anni '50
Musica aleatoria - ca. dagli anni '50
Musica minimalista - ca. dagli anni '60
Drone music - ca. dagli anni '60
Musica postmoderna - ca. dagli anni '60
Musica d'ambiente - ca. dagli anni '70
Musica neoromantica - ca. dagli anni '70
Musica spettrale - ca. dagli anni '70
Musica totale - ca. dagli anni '80

Musica postminimalista - ca. dagli anni '80

La Scuola di Notre-Dame o Scuola di Parigi fu una scuola musicale al servizio della cattedrale di Notre-Dame di Parigi, nella quale tra il XII secolo e gli inizi del XIV, si sviluppò la polifonia.

Gli unici due nomi che conosciamo di questa scuola (Léonin, compositore di organa e Pérotin, compositore di discantus), sono citati in un breve trattato, di qualche tempo posteriore, di uno studente inglese dell'Università di Parigi, a cui è stato dato il nome di Anonimo IV. Si tratta dei primi nomi conosciuti di compositori nella musica occidentale.

Altre notizie sulla musica dell'epoca ci sono fornite da un editto del 1198 del vescovo Oddone di Sully, che dettava i criteri per le composizioni polifoniche da eseguirsi nella cattedrale (senza tuttavia citare i due maestri). Neppure nelle composizioni musicali che ci sono giunte viene citato il nome degli autori: tuttavia la rispondenza delle musiche con le descrizioni dell'anonimo inglese e con quanto prescritto nell'editto vescovile, rende possibile l'attribuzione di alcune composizioni ai due maestri.

  • Léonin (1135-1201 ca.) raccolse il Magnus Liber Organi ("Grande libro dell'organum", raccolta di canti per il servizio liturgico) e introdusse l'organum duplum, nel quale la voce superiore (duplum) e quella inferiore (tenor) svolgevano a tratti melodie separate,
  • Pérotin (1160-1230), rielaborò le composizioni presenti nel Magnus Liber Organi e creò nuove composizioni a tre o quattro voci (organum triplum e quadruplum).

La scuola di Notre-Dame raccolse tuttavia probabilmente molti altri musicisti che furono insieme cantori e teorici. Fu abbandonata l'improvvisazione a favore di una maggiore elaborazione delle composizioni musicali, che vennero organizzate nella loro totalità, liberandosi da una stretta dipendenza dal testo. La complessità del canto a più voci richiese lo sviluppo della notazione, nella quale vennero anche introdotti valori di tempo (notazione modale).

Nella scuola era conosciuta anche la forma del conductus, nata come accompagnamento per le processioni sacerdotali, venne successivamente in molti casi modificata, abbellendo le composizioni esistenti con l'aggiunta di nuove voci.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]