Scuola del Libro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scuola del Libro
Scuola del Libro Via Bramante Urbino.jpg
L'ingresso principale della sede centrale.
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàUrbino, Marche
IndirizzoVia Donato Bramante, 20[1]
Organizzazione
TipoLiceo artistico
OrdinamentoPubblico
Fondazione1861
PresideBianca Maria Pia Marrè
Sito web

La Scuola del Libro di Urbino è un liceo artistico italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sede della Scuola progettata dall'architetto De Carlo

Nacque nel 1861, come Istituto di Belle Arti per le Marche, per volere di Lorenzo Valerio, regio commissario straordinario della regione; ebbe come prima sede l'ex convento di San Benedetto (attuale Facoltà di Economia), poi nel 1889 si trasferì in un'ala del Palazzo Ducale. Questo Istituto incorporò la più antica Scuola di Disegno nata nel XVIII secolo nell'ambito dell'università cittadina.

Le tecniche, inizialmente insegnate e praticate all'interno dell'istituto, erano relative all'illustrazione e alla decorazione dei libri. Infatti nel 1923 la scuola adottò la denominazione di Istituto di Belle Arti per l'Illustrazione e la Decorazione del Libro. Inoltre, durante questi anni, la Scuola del Libro si dota di attrezzature meccaniche, laboratori per la calcografia, litografia e per la fotoincisione.[2]

Nel 1931 l'Istituto venne fuso con la Scuola di arti e mestieri, nel contempo nacque una sezione dedicata alla rilegatura del libro. Nel secondo dopoguerra tra gli anni cinquanta e sessanta la Scuola istituì una serie di laboratori: di disegno animato (1951), di grafica, di fotografia artistica, di ceramica e di grafica editoriale. In questo periodo nasce nell'istituto anche il Corso Superiore di Arte Grafica (CSAG) che acquisirà una sempre maggiore autonomia, dando origine all'Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (ISIA).[3][4]

Nel 1983 i laboratori di grafica editoriale e di grafica pubblicitaria si trasferirono nella nuova sede, fuori le mura, progettata dall'architetto Giancarlo De Carlo; successivamente, a seguito del terremoto del 1997, furono spostati nella nuova struttura anche i laboratori di ceramica, fotografia artistica e incisione. La Scuola non poté trasferirsi interamente nell'edificio decarliano in quanto la struttura non venne terminata e di conseguenza la presidenza, la segreteria, la biblioteca (con 16.000 testi) e il laboratorio di Cinema di Animazione rimasero nella sede centrale, ovvero in alcuni ambienti già del convento di San Francesco.[5][6][7]

Laboratori e materie[modifica | modifica wikitesto]

Nel liceo artistico vi sono, oltre alle materie comuni a tutti gli indirizzi (italiano, inglese, storia e geografia, filosofia, matematica, fisica, scienze naturali, storia dell'arte, scienze motorie) anche altre particolari come disegno dal vero, disegno geometrico, plastica[8] (ceramica) e tutte quelle inerenti ai singoli laboratori.[9][10]

Questi sono cinque:

  • incisione
  • design e restauro del libro
  • grafica
  • disegno animato e fumetto
  • cinema e fotografia

Direttori, insegnanti e allievi celebri[modifica | modifica wikitesto]

[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Provvisoriamente in Via Donato Bramante 54, in seguito alla dichiarazione d'inagibilità della sede centrale dopo il terremoto del 2016
  2. ^ La Scuola del libro di Urbino (PDF)
  3. ^ Alessandro Benedetti, l'Istituto del Libro in Urbino estratto da le Vie d'Italia, Milano, Touring Club Italiano, 1949.
  4. ^ Scuola del Libro di Urbino
  5. ^ Pasquale Rotondi, il Regio Istituto di Belle Arti delle Marche in Urbino, Firenze, Le Monnier, 1943.
  6. ^ storia
  7. ^ Istituto Statale d'Arte Urbino, ISA - ViViUrbino informazioni utili, eventi e manifestazioni Urbino[collegamento interrotto]
  8. ^ Discipline Plastiche
  9. ^ Corsi attivi
  10. ^ Il portale dell'Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Marche - ISTITUTO STATALE D'ARTE - SCUOLA DEL LIBRO - URBINO
  11. ^ Scuola del Libro

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pasquale Rotondi, il Regio Istituto di Belle Arti delle Marche in Urbino, Le Monnier, Firenze, 1943.
  • Alessandro Benedetti, l'Istituto del Libro in Urbino, estratto da le Vie d'Italia, Touring Club Italiano, Milano, 1949.
  • Cento anni di vita dell'Istituto d'Arte di Urbino, Francesco Carnevali (a cura di), Istituto Statale d'Arte, Urbino, 1961.
  • AA.VV., La Scuola del Libro di Urbino, catalogo mostra tenutasi all'Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen, dal 22 al 31 maggio 1986.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]