Scuola bolognese di pittura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con scuola bolognese si intende quel movimento pittorico fiorito a Bologna tra il XVI e il XVII secolo, che contendeva a Firenze il primato della pittura italiana. Gli artisti più rappresentativi di questa corrente furono i cugini Carracci: Ludovico, Agostino e Annibale. Successivamente altri grandi pittori barocchi ne fecero parte: Domenichino e Lanfranco, attivi principalmente a Roma, così come il Guercino e Guido Reni.

Elenco di artisti[modifica | modifica wikitesto]

Periodo di attività: 1501-1600[modifica | modifica wikitesto]

1601-1650[modifica | modifica wikitesto]

1650-1700 e oltre[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Nell'età di Correggio e dei Carracci: Pittura in Emilia dei secoli XVI e XVII, Nuova Alfa Editoriale, Bologna, 1986
  • M. Troilo, Tra capolavori e falsi. Considerazioni economiche sul mercato dell’arte nella Bologna del Settecento in «Strenna Storica Bolognese», anno LVII, 2007, pp. 449-465.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura