Script for a Jester's Tear

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Script for a Jester's Tear
Artista Marillion
Tipo album Studio
Pubblicazione marzo 1983
Durata 44:09
Dischi 1
Tracce 6
Genere Neoprogressive
Etichetta EMI
Produttore Nick Tauber
Registrazione dicembre 1982-febbraio 1983, Marquee Studios, Londra (Regno Unito)
Formati LP, MC, CD, 2 CD, download digitale
Certificazioni
Dischi di platino Regno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 300 000+)
Marillion - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1984)
Singoli
  1. He Knows You Know
    Pubblicato: gennaio 1983
  2. Garden Party
    Pubblicato: giugno 1983

Script for a Jester's Tear è il primo album in studio del gruppo musicale britannico Marillion, pubblicato nel marzo 1983 dalla EMI.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del primo di una quadrilogia di dischi di cui fanno parte i successivi Fugazi (1984), Misplaced Childhood (1985) e Clutching at Straws (1987). Il personaggio che lega gli album è Jester, ossia il giullare interpretato dal cantante Fish durante i concerti dal vivo a supporto del disco.

È inoltre l'unico album dei Marillion che figura il batterista Mick Pointer, che fu allontanato dal gruppo al termine del tour promozionale dell'album svoltosi nel Regno Unito.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Fish, musiche dei Marillion.

Lato A
  1. Script for a Jester's Tear – 7:40
  2. He Knows, You Know – 5:05
  3. The Web – 8:39
Lato B
  1. Garden Party – 7:00
  2. Chelsea Monday – 7:45
  3. Forgotten Sons – 8:00
CD bonus nella riedizione del 1997
  1. Market Square Heroes (Battle Priest Version) – 4:17
  2. Three Boats Down from the Candy – 4:30
  3. Grendel (Fair Deal Studios Version) – 19:08
  4. Chelsea Monday (Manchester Square Demo) – 6:52
  5. He Knows You Know (Manchester Square Demo) – 4:28
  6. Charting the Single – 4:51
  7. Market Square Heroes (Alternative Version) – 4:48

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Pete James – effetti sonori
Produzione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 26 dicembre 2015. Digitare "Marillion" in "Keywords", dunque premere "Search".
  2. ^ (EN) Dave Ling, Fish interview, Classic Rock, ottobre 2001. URL consultato il 26 dicembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo