Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio
Paese di produzioneItalia
Anno2010
Durata96 min
Generecommedia
RegiaIsotta Toso
SoggettoAmara Lakhous
SceneggiaturaMaura Vespini, Isotta Toso, Andrea Cotti
ProduttoreSandro Silvestri, Maura Vespini
Distribuzione (Italia)Bolero Film
FotografiaFabio Zamarion
MontaggioPatrizio Marone
Interpreti e personaggi

Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio è un film del 2010 diretto da Isotta Toso, uscito nelle sale cinematografiche il 14 maggio 2010.

Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Amara Lakhous

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma, rione Esquilino. In un condominio in Piazza Vittorio, nei pressi della stazione centrale, convive una comunità multietnica. Le vicende del gruppo multietnico, residente nel palazzo ottocentesco, sono segnate da profonde differenze culturali, religiose e di modi di intendere la vita. Nella quotidianità lo scontro di civiltà emerge dando vita a malintesi, incomprensioni, provocazioni e diffidenze. In un contesto così teso e difficile le vite di personaggi molto diversi da loro si intrecciano in un unico racconto. I percorsi di vita dei vari personaggi sono segnati dalla solitudine e dall'esaltazione delle differenze. Tuttavia, un omicidio rompe l'equilibrio condominiale. Tutti potrebbero essere gli assassini, ma solo mettendo da parte i contrasti i protagonisti riusciranno a svelare il mistero che si cela dietro al delitto.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ottenuto le candidature come miglior film, miglior regia, miglior attore e miglior attrice 47° International Antalya Golden Orange Film Festival.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema