Sclerofillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con sclerofillo s'intende un tipo di vegetazione che ha foglie dure, coriacee e internodi (la distanza tra le foglie sul rametto) corti. La parola viene dal greco antico: σκληρός, sklerós («duro») e φύλλον, phýllon («foglia»). Sebbene in generale le piante sclerofille siano anche sempreverdi, "sclerofillo" e "sempreverde" non sono sinonimi, ma sono piante che resistono in terreni semiaridi, le piante xerifite, e anche in posizioni soleggiate, le piante eliofile.

Le piante sclerofille occorrono in tutto il mondo ma sono più comuni in Australia e bacino del Mediterraneo, dal momento che sono particolarmente adatte a climi con siccità stagionale. Queste sono presenti anche nei boschi californiani, nel Matorral cileno e nella Provincia del Capo sudafricana.

Alcuni esempi di piante tipiche sono: il leccio (Quercus ilex), il mirto (Myrtus communis), il corbezzolo (Arbutus unedo), l'olivastro (Olea europaea), l'alloro (Laurus nobilis), l'ilatro (Phillyrea latifolia), l'alaterno (Rhamnus alaternus), ecc...

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente