Scipione Errico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Scipione Errico (Messina, 1592Messina, 18 settembre 1670) è stato un poeta, scrittore e drammaturgo italiano.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scipione Errico nacque nel 1592 a Messina:[2] il padre (nobile napoletano) e la madre muoiono quando Scipione è ancora in tenera età:

"Nacque Scipione Errico l’anno 1592, in Messina Città principalissima del Regno di Sicilia di Padre nobile Napoletano, da cui, e insieme dalla Madre abbandonato Fanciullo per haver’eglino cangiata con la morte la vita…"[3]

Rimasto orfano si dedica agli studi ecclesiastici, ottenendo la laurea in Teologia.[4]

Ma insieme agli studi filosofici e teologici si applica alla poesia, pubblicando, poco più che ventenne, nel 1613, due idilli, L’Endimione (un’edizione in pochi fogli volanti e dedicata a don Luigi Carraffa, principe di Stigliano) e L’Ariadna (sempre fogli volanti).[5][6] Il successo di queste due brevi opere spinge il libraio Gioseppe Matarozzi a stampare un volume intitolato Madrigali di Scipione Herrico.[7]

La parabola ascendente dell’Errico culmina con la pubblicazione, nel 1614, del poemetto La Via Lattea, dedicato al cardinale Scipione Borghese: nel nuovo volume sono contenute anche altre poesie.[8]

L’Errico sembra comunque non partecipare alla stampa delle sue opere. [9] Nel 1619, sempre a Messina, viene stampato il volume Rime di Scipione Herrico, contenente sonetti, madrigali ed altre opere (Ode al monte Etna, Il ritratto di bella donna). [10] In queste prime opere è evidente l’ispirazione al Marino come afferma il Santangelo:

"Un centro di fervida cultura marinista fu Messina, dove l’Accademia della Fucina promosse un largo movimento d’idee e di stampa che testimonia anche nell’Isola una profonda esigenza di rinnovamento... In questa temperie letteraria si maturerà la produzione di Scipione Errico, che aveva sentito già, sin dal suo primo noviziato poetico, l’influsso del Marino, il quale tuttavia non era valso a soffocare particolari atteggiamenti di una sua delicata sensibilità lirica, che lo colloca al disopra degli altri marinisti dell’accademia, né a sopprimere in lui la esigenza di obiettività, nel giudicare i difetti di quell’arte, che gli derivava da sani principi sulla natura della poesia."[11]

Si conclude qui quella che può essere definita la prima parte della vita dell’Errico: è una scansione determinata anche dalla produzione poetica, visto che fino al 1619 il poeta messinese si dedica quasi esclusivamente alla lirica, poi, come conferma il libraio Rodella, scrivendo la dedicatoria a don Giuseppe Balsamo nel volume delle Rime, attende alla composizione di un poema eroico. [12] E il poema in questione è La Babilonia distrutta, pubblicato a Messina nel 1623 (anche se alcuni fanno risalire la prima edizione al 1624). [13] Intanto l’Errico entra in contatto con alcune tra le maggiori personalità culturali del suo secolo come Michele ed Angelico Aprosio ed Francesco Loredano. [14] Il successo delle sue poesie gli permette di far parte delle più prestigiose accademie: l'Accademia degli Umoristi di Roma, l'Accademia degli Oziosi di Napoli, l'Accademia degli Incogniti di Venezia.[15]

Nel 1626 viene pubblicata a Venezia la commedia Le Rivolte di Parnaso, con la quale l’Errico s’inserisce nella polemica sul Marino e sul poema epico.[16]

Continua però a scrivere idilli, come Il Nettuno dolente, per la morte di Filiberto di Savoia (1624)[17] e L’Austria vittorioso, un epitalamio (1624). [18] Mentre infuria la polemica su L’Adone, l’Errico stampa Il cannocchiale appannato (1629), opera con la quale prende le difese del Marino contro lo Stigliani. [19]

La vita dell’Errico si svolge intanto tra Messina e Roma, dove conosce Leone Allacci, primo custode della Biblioteca Vaticana e frequenta il cardinale Spada.[20] [21]

Anche la tragicommedia Le liti di Pindo, pubblicato nel 1634, è dedicata alla polemica su L’Adone.[22]

La polemica sul poema epico, affrontata ne Le Rivolte di Parnaso, spinge l’Errico a scrivere un’altra epopea, questa volta di argomento classico: il poema Della Guerra troiana è pubblicato a Messina nel 1640.[23]

Il decennio che va dal 1640 al 1650 l’Errico lo trascorre a Venezia:[24] nella città lagunare il messinese pubblicherà varie opere: Le Guerre di Parnaso (1643),[25] romanzo allegorico incentrato sul problema dell’aristotelismo in poesia, La Deidamia (1644), dramma musicale di grande successo,[26] e un volume di Poesie liriche (1646), che raccoglie un po’ tutte le opere principali del messinese.[27]

A Venezia però l’Errico compone molte opere, numerose delle quali, a carattere encomiastico, sono intimamente legate alla vita culturale, e non solo, della città di S. Marco (l’Ibrahim deposto, i poemetti per il doge Erizzo e per l’Antenori, L’Adria festante e La Croce stellata, dedicati ad Alvise da Mosto). Di tutte queste opere non è facile stabilire con precisione la data in cui vennero composte: vanno però collocate tutte nel decennio veneziano del poeta.Tornato a Messina viene eletto canonico della cattedrale e, dal 1652 al 1656, risulta docente di teologia, poi anche di filosofia morale, nel locale Studio.[28]

Nel 1653 l’Accademia messinese della Fucina, per rivendicare alle patrie lettere il vanto di un talento ormai riconosciuto in tutta Italia, pubblica una silloge delle opere errichiane: un volume molto ampio che contiene, oltre a vari sonetti, componimenti di ogni genere (poemetti, idilli, un panegirico) ed il poema epico La Babilonia distrutta. [29]

L’Errico continua però l'attività, la terza fase della sua produzione, che si divide tra la poesia epica e la prosa. Infatti, il poeta messinese rivedrà il poema Della Guerra troiana, che aveva suscitato non poche discussioni, pubblicandone nel 1661 il rifacimento, intitolato L’Iliade overo L’Achille innamorato.[30] Qualche anno prima aveva invece composto due opere di carattere storico e religioso, la Censura teologica et historica adversus P. Soavi Polani de Concilio tridentino pseudo historiam (1654)[31] e la De tribus scriptoribus historiae Concilii Tridentini (1656).[32]

Negli ultimi anni l’Errico sembra arrestare la sua penna: rifiutato il vescovado di Messina per l’insorgere di una malattia agli occhi,[33] muore, ormai cieco, nella sua città natale, il 18 settembre del 1670.[34]
Fu poi a lungo dimenticato dalla critica, e la sua riscoperta si deve all'opera di Benedetto Croce.[35]

Aveva l'abitudine di firmarsi Herrico.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • L’Endimione Idillio di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, 1613.
  • L’Ariadna Idillio di Scipione Herrico Messinese, In Messina, 1613. Nella stamparia di Pietro Brea.
  • Madrigali di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, 1613. Ad instanza di Gioseppe Matarozzi.
  • La via Lattea Poemetto di Scipione Herrico. Con un Hinno, e altre Rime del medesimo, in Messina, Per Pietro Brea, 1614.
  • Rime di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, Ad instanza di Francesco Rodella, nell’anno 1619.
  • Le Rivolte di Parnaso, Venezia, per Bartolomeo Fontana, 1626.
  • Il Cannocchiale appannato, Messina, presso Gio. Francesco Bianco, 1629.
  • Le Liti di Pindo, tragicommedia in commedia, Messina, presso Gio. Francesco Bianco, 1634.
  • Della guerra troiana, presso la Stamperia Camerale per la vedova di Bianco, Messina, 1640.
  • Le Guerre di Parnaso, Venezia, presso Matteo Leone e Giovanni Vecchio, 1643.
  • La Deidamia, dramma musicale, Venezia, presso Matteo Levi e Giovanni Vecchi, 1644.
  • Poesie liriche di Scipione Herrico, In Venetia, 1646, Appresso Giacomo Hertz.
  • Antisquitinio, apologia di Scipione Errico, In Messina, Per Pietro Brea, 1650.
  • La Babilonia distrutta, poema heroico con altre poesie di Scipione Herrico Nell’Academia della Fucina detto l’Occupato, In Messina, Nella stamperia di Iacopo Mattei, 1653, Con licenza de’ superiori.
  • L’Iliade overo l’Achille innamorato, poema eroico di Scipione Herrico, per Francesco Moneta, in Roma, 1661.
  • Le Rivolte di Parnaso commedia in cinque atti, a cura di Giorgio Santangelo, Società di Storia patria per la Sicilia Orientale, Catania, 1974.
  • Sonetti e madrigali e altre rime dalle raccolte giovanili, Edizioni RES, San Mauro Torinese, 1993.

Scritti religiosi[modifica | modifica wikitesto]

  • Censura teologica et historica adversus P. Soavi Polani de Concilio tridentino pseudo historiam, Dilinguae, 1654.
  • De tribus scriptoribus historiae Concilii Tridentini, Amstelodami, et Anverpiae, 1656.

Citazione[modifica | modifica wikitesto]

«Canto l'arme di Scitia, e d'un Guerriero
La pietà, la virtù, che il feo costante
Contra l'ira amorosa, e l'amor fiero
D'una più bella, e più superba amante;
Quando alla possa del suo brando altiero,
Cint'ei di zelo, e d'arme invitte, e sante,
La superba Babel, come al Ciel piacque,
Tra le ceneri sue sepolta giacque.»

(Scipione Errico, La Babilonia distrutta, inizio del poema: canto I, strofa prima.[36])

«Così diss’egli e chini, e riverenti
Imi abissi tremar, tremar le sfere i
Veggonsi in ciel di fiamme, e d’or lucentii
Le donzelle poggiar ratte, e leggiere;i
S’alzan tra l’aria, e tra le nubi, e i ventii
Sparivan già, ma all’hor che in vesti nerei
Dal bel terrestre sen la notte usciai
N’apparve impressa in ciel la Lattea Via.»

(Scipione Errico, La Via Lattea (strofa XVIII))

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esaustive informazioni bio-bibliografiche e un'ampia scelta antologica delle opere si trovano in Pietro Chierichetti, L'opera poetica di Scipione Errico, Università degli Studi di Milano (tesi di laurea), anno accademico 2001-2002.
  2. ^ Angelico Aprosio,, Le glorie de gli Incogniti, Venezia, presso Francesco Valvasense, 1647.
  3. ^ Angelico Aprosio, Le glorie de gli Incogniti, presso Francesco Valvasense, 1647, p. 397.
  4. ^ Bibliografia siciliana ovvero Gran dizionario bibliografico delle opere edite e inedite, antiche e moderne di autori siciliani o di argomento siciliano stampate in Sicilia e fuori opera indispensabile ai cultori delle patrie cose non che ai librai ed agli amatori di libri, Palermo, Ufficio tipografico diretto da G. B. Gaudiano, 1875.
  5. ^ Giorgio Santangelo, Un capitolo del barocco marinistico meridionale: Scipione Errico, Manfredi, Palermo, 1976, pag. 96: Iniziò la sua formazione e la sua carriera letteraria, ancor giovanissimo, in quel fervoroso ambiente culturale da cui fiorì l’Accademia della Fucina, a Messina, che fu centro rigoglioso di cultura umanistica e rinascimentale.
  6. ^ Luisa Mirone, Nota bibliografica, in Scipione Errico, Sonetti e madrigali e altre rime dalle raccolte giovanili, Edizioni RES, San Mauro Torinese, 1993, pagg. 99-100. Scipione Errico, L’Endimione Idillio di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, 1613. Scipione Errico, L’Ariadna Idillio di Scipione Herrico Messinese, In Messina, 1613. Nella stamparia di Pietro Brea.
  7. ^ Luisa Mirone, pag. 100. Scipione Errico, Madrigali di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, 1613. Ad instanza di Gioseppe Matarozzi
  8. ^ Scipione Errico, Rime di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, Ad instanza di Francesco Rodella, nell’anno 1619
  9. ^ Luisa Mirone, pag. 101: L’attestazione è degna di fede: neppure questa edizione, pur tipograficamente più preziosa, fu sorvegliata dall’autore.
  10. ^ Scipione Errico, Rime di Scipione Herrico, In Messina, Per Pietro Brea, Ad instanza di Francesco Rodella, nell’anno 1619
  11. ^ Giorgio Santangelo, ivi, pag. 30:
  12. ^ Luisa Mirone, cit., pag. 101: Ad essa ancora si riferisce il libraio Francesco Rodella, responsabile della successiva raccolta di Rime dell’Errico, scrivendo nella dedicatoria a Giuseppe Balsamo: “Gradisca la prego la fatica che ho fatta in raccogliere queste operette, delle quali alcune scritte a mano, e alcun’altre stampate in varie parti, divise, e mal corrette vagavano, perché l’Auttore intento a più degna composizione d’un suo Poema Heroico, poca cura di esse prendeva.”
  13. ^ Cfr. Dizionario biografico degli italiani, Istituto della enciclopedia italiana, fondata da G. Treccani, Roma, 1968, pag. 262; cfr. Bibliografia siciliana…, cit., pag. 325: Scipione Errico, La Babilonia distrutta, poema eroico, in 24°. Venezia, presso Missirino, 1624.
  14. ^ Bibliografia siciliana…, cit., pag. 325: Si diede indi allo studio delle belle lettere, coltivando ancora la poesia, e progredì in modo in tali studi, che si attirò l’ammirazione, e la venerazione dei letterati dell’epoca, e segnatamente del cavaliere Francesco Loredano e di Pietro, Michele e Angelico Aprosio.
  15. ^ Bibliografia siciliana…, cit., pag. 325: Venne ascritto a molte celebri accademie, tra le quali in quella degli Umoristi a Roma, tra gli Otiosi a Napoli, tra gl’Incogniti di Venezia ecc. Giorgio Santangelo, ivi, pag. 21: Questo letterato, che fu famoso ai suoi tempi, tanto da essere celebrato nelle più illustri accademie italiane come teologo, poeta, critico ed erudito, non è stato fortunato presso i suoi posteri più immediati, né presso quelli a lui più lontani…
  16. ^ Scipione Errico, Le Rivolte del Parnaso, Venezia, per Bartolomeo Fontana, 1626. Giorgio Santangelo, Scipione Errico critico e “Le Rivolte del Parnaso”, in Scipione Errico, Le Rivolte del Parnaso commedia in cinque atti, a cura di Giorgio Santangelo, Società di Storia patria per la Sicilia Orientale, Catania, 1974, pag. 13: La prima opera che ci è dato di esaminare nello svolgimento del suo autorevole intervento nella polemica pro e contro l’Adone, è quella assai fortunata commedia Le Rivolte del Parnaso (la prima edizione è del 1626) …
  17. ^ Scipione Errico, Il Nettuno dolente, idilio funebre Nella morte del Serenissimo Principe Filiberto di Savoia Generalissimo del Mare, per la Maestà Cattolica, in Scipione Errico, Poesie liriche di Scipione Herrico, In Venetia, 1646, Appresso Giacomo Hertz.
  18. ^ Scipione Errico, L’Austria vittorioso Epitalamio Nelle felicissime nozze dell’Illustrissimi ed Eccellentissimi Signori Don Federico Colonna Principe di Paltano, & c. e Donna Margherita d’Austria et Branciforte Principessa di Butera, & c., in Scipione Errico, Poesie liriche di Scipione Herrico, In Venetia, 1646, Appresso Giacomo Hertz. Cfr. Bibliografia siciliana…, cit., pag. 325.
  19. ^ Scipione Errico, Il Cannocchiale appannato, Messina, presso Gio. Francesco Bianco, 1629. Dizionario biografico degli italiani, ivi, pag. 263: Nel Cannocchiale appannato (Messina 1629), composto in forma di dialogo fra G. Trissino e C. B. Arbora, egli appare preoccupato di far rientrare l’Adone entro gli schemi di un certo aristotelismo critico, ma nello stesso tempo deciso a confutare le acri censure dello Stigliani, che cercava, secondo lui, con “lanternino”, i plagi e le imitazioni.
  20. ^ Giorgio Santangelo, Un capitolo del barocco marinistico meridionale: Scipione Errico, ivi, pag. 97: L’Errico visse a lungo a Roma e a Venezia…
  21. ^ Dizionario biografico degli italiani, ivi, pag. 263: Del resto egli soggiornò a Roma, dove conobbe L. Allacci e fu amico e commensale del cardinale B. Spada…
  22. ^ Scipione Errico, Le Liti di Pindo, tragicommedia in commedia, Messina, presso Gio. Francesco Bianco, 1634. Dizionario biografico degli italiani, ivi, pag. 263: La polemica contro lo Stigliani proseguì anche, ma incidentalmente, nella commedia Le liti di Pindo (Messina 1634), un’opera di complicata struttura, che si voleva ispirata a Luciano e in cui vengono inserite l’altra commedia Del maritaggio di Venere e la tragicommedia Della Cariclea.
  23. ^ Scipione Errico, Della guerra troiana, presso la Stamperia Camerale per la vedova di Bianco, Messina, 1640.
  24. ^ Dizionario Bompiani degli autori di tutti i tempi e di tutte le letterature, Bompiani, Milano, 1987, pag. 717: …tra il 1640 e il 1650 soggiornò a Venezia…
  25. ^ Scipione Errico, Le Guerre di Parnaso, Venezia, presso Matteo Leone e Giovanni Vecchio, 1643.
  26. ^ Scipione Errico, La Deidamia, dramma musicale, Venezia, presso Matteo Levi e Giovanni Vecchi, 1644. Dizionario biografico degli italiani, ivi, pag. 263: Novissimo il melodramma Deidamia con musica di P. F. Caletti detto Cavalli, che venne accolto “con meraviglioso applauso” e fu replicato a Firenze.
  27. ^ Scipione Errico, Poesie liriche di Scipione Herrico, In Venetia, 1646, Appresso Giacomo Hertz.
  28. ^ Dizionario biografico degli italiani, ivi, pag. 263: Ritornato a Messina, l’Errico compare come docente di teologia nel locale Studio dal 1652 al 1656 e di filosofia morale nel 1665-66…
  29. ^ Scipione Errico, La Babilonia distrutta, poema heroico con altre poesie di Scipione Herrico Nell’Academia della Fucina detto l’Occupato, In Messina, Nella stamperia di Iacopo Mattei, 1653, Con licenza de’ superiori.
  30. ^ Scipione Errico, L’Iliade overo l’Achille innamorato, poema eroico di Scipione Herrico, per Francesco Moneta, in Roma, 1661.
  31. ^ Scipione Errico, Censura teologica et historica adversus P. Soavi Polani de Concilio tridentino pseudo historiam, Dilinguae, 1654.
  32. ^ Scipione Errico, De tribus scriptoribus historiae Concilii Tridentini, Amstelodami, et Anverpiae, 1656.
  33. ^ Dizionario biografico degli italiani, ivi, pag. 263: …sembra che abbia rifiutato il vescovado che gli era stato offerto, per l’insorgere di una malattia agli occhi.
  34. ^ Ivi, pag. 264: L’Errico morì ormai cieco a Messina il 18 sett. 1670.
  35. ^ Sacco Messineo, Poesia e cultura nell'età barocca, op. cit.
  36. ^ Tratta dall'edizione del 1681, edita in Bassano per i tipi di Giovanni Antonio Remondini

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Il secentismo, a cura di G. Santangelo, collana Storia della critica, diretta da G. Petronio, Palumbo Editore, Palermo, 1958
  • AA. VV., Enciclopedia Garzanti, Garzanti, Milano, 1959.
  • AA. VV., Barocco e Arcadia, a cura di Ettore Mazzali, Nuova Accademia Editrice, Milano, 1964.
  • AA. VV., Dizionario critico della letteratura italiana, a cura di Vittore Branca, UTET, Torino, 1974.
  • AA. VV., Dizionario Bompiani degli autori di tutti i tempi e di tutte le letterature, Bompiani, Milano, 1987.
  • AA. VV., Storia della civiltà letteraria italiana, diretta da Giorgio Barberi Squarotti, UTET, Torino, 1990.
  • AA. VV., Enciclopedia Garzanti della Letteratura, Garzanti, Milano, 1997..
  • Anceschi Luciano, Barocco e Novecento, con alcune prospettive fenomenologiche, Rusconi e Paolazzi editori, Milano, 1960.
  • Belloni Antonio, Il poema epico e mitologico, Vallardi, Milano, 1910.
  • Belloni, Antonio «ERRICO, Scipione» la voce nella Enciclopedia Italiana, Volume 14, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1932.
  • Belloni Antonio, Il Seicento, Vallardi, Milano, 1955.
  • Beltrami Pietro G., Gli strumenti della poesia, Società editrice il Mulino, Bologna, 1996.
  • Contarino Rosario, «ERRICO (Enrico), Scipione» in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 43, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1993.
  • Conte Giuseppe, La Metafora barocca, saggio sulle poetiche del Seicento, Mursia, Milano, 1972.
  • Croce Benedetto, Saggi sulla letteratura italiana del ‘600, Bari, 1924.
  • Croce Benedetto, Storia dell’età barocca in Italia, Adelphi, Milano, 1993.
  • Croce Franco, Le poetiche del Barocco in Italia, in AA. VV., Momenti e problemi di storia dell’estetica, Milano, 1959.
  • Croce Franco, Tre momenti del barocco letterario italiano, Sansoni, Firenze, 1966.
  • De Sanctis Francesco, Storia della letteratura italiana, Grandi tascabili economici Newton, Roma, 1993.
  • D’Ors Eugenio, Del Barocco, a cura di Luciano Anceschi, Milano, SE, 1999.
  • Elwert, W. Theodor, La poesia lirica italiana del Seicento. Studio sullo stile barocco, Leo S. Olschki Editore, Firenze, 1967.
  • Ferrero Giuseppe Guido, Introduzione, in G. G. Ferrero Marino e i Marinisti, Ricciardi, Milano-Napoli, 1954.
  • Finocchiaro Chimirri Giovanni, Il Parnaso a teatro, in "Cinque pretesti sul teatro", Acireale, 1985.
  • Flora Francesco, Storia della letteratura italiana, Milano, Mondadori, 1942.
  • Getto Giovanni, Introduzione, in G. Getto, Opere scelte di Giovan Battista Marino e dei Marinisti, UTET, Torino, 1954.
  • Getto Giovanni, La polemica del Barocco in Italia, in AA. VV., Letteratura Italiana, Le Correnti, Milano, 1956.
  • Getto Giovanni, Barocco in prosa e in poesia, Rizzoli Editore, Milano, 1969.
  • Guglielminetti Marziano, Manierismo e Barocco, in AA. VV., Storia della civiltà letteraria italiana, diretta da Giorgio Barberi Squarotti, UTET, Torino, 1990.
  • Gustarelli Andrea, Il Seicento, Antonio Vallardi Editore, Milano, 1956.
  • Jannaco Carmine, Il Seicento, in AA. VV., Storia letteraria d’Italia, Vallardi, Milano, 1963.
  • Lazaro Carreter Ferdinando, Stile barocco e personalità creatrice, Il Mulino, Bologna, 1991.
  • Marzot Giulio, L’ingegno e il genio del ’600, La Nuova Italia, Firenze, 1944.
  • Montano Rocco, L’estetica del Rinascimento e del Barocco, Quaderni di Delta, Napoli, 1962.
  • Morpurgo Tagliabue Guido, Aristotelismo e Barocco, in AA. VV., Retorica e Barocco, Atti del III Congresso di studi umanistici, Roma, 1955.
  • Morpurgo Tagliabue Guido, Anatomia del Barocco, Palermo, Aesthetica, 1987.
  • Petrini Domenico, Dal Barocco al Decadentismo, studi di letteratura italiana raccolti da Vittorio Santoli, vol. I, Le Monnier, Firenze, 1957.
  • Raimondi Ezio, Introduzione, in AA. VV., Trattatisti e narratori del Seicento, a cura di E. Raimondi, Ricciardi, Milano-Napoli, 1960.
  • Raimondi Ezio, Letteratura barocca, studi sul Seicento italiano, Olschki, Firenze, 1961.
  • Razzoli Roio Anna Maria, Stazioni della madrigalistica siciliana, in AA. VV., La Fucina poetica. Madrigalisti siciliani del Seicento, a cura di A. M. Razzoli Roio, Università di Parma, Parma, 1987.
  • Sacco Messineo Mario, Poesia e cultura nell'età barocca, in "Storia della Sicilia", Napoli, 1980.
  • Santangelo Giorgio, Lineamenti di storia della letteratura siciliana, dal secolo XIII ai nostri giorni, Edizioni Bodoniane, Palermo, 1952.
  • Santangelo Giorgio, La poetica del “secentismo” e la polemica dei contemporanei, in AA VV., Il secentismo, a cura di G. Santangelo, collana Storia della critica, diretta da G. Petronio, Palumbo Editore, Palermo, 1958
  • Santangelo Giorgio, Scipione Errico critico e “Le Rivolte di Parnaso”, in Scipione Errico, Le Rivolte di Parnaso commedia in cinque atti, a cura di Giorgio Santangelo, Società di Storia patria per la Sicilia Orientale, Catania, 1974.
  • Santangelo Giorgio, Un capitolo del barocco marinistico meridionale: Scipione Errico, Manfredi, Palermo, 1976.
  • Santangelo Giorgio, La “siepe” Sicilia: poeti e scrittori di Sicilia dal ’500 al ’900, Flaccovio, Palermo, 1985.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56651872 · ISNI (EN0000 0000 6133 0186 · SBN IT\ICCU\SBLV\192646 · LCCN (ENn90607680 · GND (DE123056101 · BNF (FRcb12174757x (data) · BAV ADV10229346 · CERL cnp00463057