Scipione Ardoino Alcontres

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scipione Ardoino Alcontres
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato2 febbraio 1715 a Messina
Nominato vescovo19 dicembre 1768 da papa Clemente XIII
Consacrato vescovo5 marzo 1769 dall'arcivescovo Giovanni Maria Spinelli, C.R.
Elevato arcivescovo17 giugno 1771 da papa Clemente XIV
Deceduto5 maggio 1778 a Messina
 

Scipione Ardoino Alcontres (Messina, 2 febbraio 1715Messina, 5 maggio 1778) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Messina il 2 febbraio 1715, l'8 marzo 1732 entra a far parte dell'ordine dei Chierici regolari teatini.

Il 19 dicembre 1767 è nominato 45º prelato alla guida della prelatura nullius di Santa Lucia del Mela; l'incarico di nomina regia è conferito da re Ferdinando IV. In qualità di cappellano maggiore di Sua Maestà, di consigliere regio, di referendario apostolico, fa riconoscere l'importanza della diocesi "luciese" dalla commissione presieduta dagli eminenti cardinali della Sacra Congregazione del Concilio Tridentino. Il riconoscimento vere nullius è decretato per mezzo di bolle pontificie emanate rispettivamente da papa Clemente XIII e in seguito da papa Clemente XIV.

Il 5 marzo 1769 è consacrato vescovo titolare di Zenopoli di Licia nella chiesa di San Vito di Barcellona Pozzo di Gotto da Giovanni Maria Spinelli, arcivescovo di Messina, coconsacranti Carlo Mineo, vescovo di Patti, e Gaetano Galbato, vescovo titolare di Amatunte di Palestina.

Il 17 giugno 1771 succede a Giovanni Maria Spinelli come arcivescovo di Messina.

È morto a Messina il 5 maggio 1778.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]