Schizophyllum commune

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Schizophyllum commune
Fuzzy Fungi (Schizophyllum commune).jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Schizophyllaceae
Genere Schizophyllum
Specie S. commune
Nomenclatura binomiale
Schizophyllum commune
Fr.
Caratteristiche morfologiche
Schizophyllum commune
[[File:|35px]]
Cappello mensoliforme
[[File:|35px]]
Imenio pseudolamelle
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
White spore print icon.png
Sporata bianca
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Nofoodlogo.svg
Non commestibile

Schizophyllum commune Fr.

Lo Schizophyllum commune è un fungo appartenente alla famiglia delle Schizophyllaceae.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Corpo fruttifero[modifica | modifica wikitesto]

A forma di piccola conchiglia o di ventaglio; superficie superiore di colore grigio o biancastro e finemente villosa; leggermente peduncolato, 1–3 cm di larghezza.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Superficie inferiore formata da lamelle rosate o biancastre, con tagliente a doppio filo, cioè trasversalmente biforcate.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Appena accennato.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Brunastra o biancastra.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Bianche in massa, cilindriche, 3-4 x 1-1,5 µm.

Il sesso nello Schizophyllum commune[modifica | modifica wikitesto]

Come molti funghi, lo Schizophyllum commune ha vari sessi; e detiene il primato mondiale con oltre 28.000 sessi diversi; questo perché durante la riproduzione, non si scambiano organelli, ma solo il DNA del nucleo. Quindi non c'è ragione che i sessi siano limitati a due.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce sui tronchi morti o vivi e su ceppaie, quasi tutto l'anno.

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Può essere confusa solamente con Schizophyllum commune var. genome o con Schizophyllum amplum.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

È generalmente considerato non commestibile e senza valore in Europa. Nelle regioni tropicali, per esempio in Messico[1][2], è invece molto diffuso come fungo medicinale e alimentare, nonostante la sua consistenza coriacea e gommosa[3]. È infatti ampiamente commercializzato in alcune aree dello Stato di Veracruz, ma anche in quelli di Oaxaca e Tabasco[4][5]. È inoltre apprezzato come fungo commestibile nell'India nord-orientale, in particolare negli Stati del Mizoram e di Manipur[3].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino communis, comune, per la sua comune diffusione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gastón Guzmán, Diversity and Use of Traditional Mexican Medicinal Fungi. A Review, in International Journal of Medicinal Mushrooms, 10(3), 2008.
  2. ^ (EN) Miroslava Quiñónez-Martínez, Felipe Ruan-Soto e Ivonne Estela Aguilar-Moreno, Knowledge and use of edible mushrooms in two municipalities of the Sierra Tarahumara, Chihuahua, Mexico, in Journal of Ethnobiology and Ethnomedicine, vol. 10, n. 1, 17 settembre 2014, pp. 67, DOI:10.1186/1746-4269-10-67. URL consultato il 14 febbraio 2019.
  3. ^ a b Schizophyllum commune : Common Porecrust | NBN Atlas, su species.nbnatlas.org. URL consultato il 14 febbraio 2019.
  4. ^ Felipe Ruán-Soto, Roberto Garibay-Orijel e Joaquín Cifuentes, Process and dynamics of traditional selling wild edible mushrooms in tropical Mexico, in Journal of Ethnobiology and Ethnomedicine, vol. 2, 5 gennaio 2006, p. 3, DOI:10.1186/1746-4269-2-3. URL consultato il 14 febbraio 2019.
  5. ^ Felipe Ruán-Soto, Roberto Garibay-Orijel e Joaquín Cifuentes, Process and dynamics of traditional selling wild edible mushrooms in tropical Mexico, in Journal of Ethnobiology and Ethnomedicine, vol. 2, n. 1, 5 gennaio 2006, p. 3, DOI:10.1186/1746-4269-2-3. URL consultato il 14 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia