Scene da un matrimonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scene da un matrimonio
Sscenematrimonio.jpg
Erland Josephson e Liv Ullmann
Titolo originale Scener ur ett äktenskap
Lingua originale svedese
Paese di produzione Svezia
Anno 1973
Durata 167 min
Colore colore (Eastmancolor)
Audio sonoro (mono)
Rapporto 1,37:1
Genere drammatico
Regia Ingmar Bergman
Soggetto Ingmar Bergman
Sceneggiatura Ingmar Bergman
Produttore Lars-Owe Carlberg
Casa di produzione Cinematograph AB
Fotografia Sven Nykvist
Montaggio Siv Lundgren
Musiche Owe Svenson
Scenografia Björn Thulin
Costumi Inger Pehrsson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Scene da un matrimonio (Scener ur ett äktenskap) è un film del 1973 scritto e diretto da Ingmar Bergman. Inizialmente girato in sei episodi per la televisione della durata complessiva di 300 minuti, fu successivamente proposto anche per il cinema in una versione di 167 minuti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marianne e Johan sono sposati da dieci anni, hanno due bambine e apparentemente sono una coppia felice, ma qualche crepa nel loro matrimonio esiste anche se sembrano non rendersene conto. Johan ha quarantadue anni e insegna in un istituto psicotecnico mentre Marianne ha trentacinque anni e lavora in un istituto legale. Lui dichiara di essere un egoista, mentre lei dice di credere nell'amore per il prossimo. Si vedono poi i due coniugi a cena con un'altra coppia che litiga violentemente e una volta a casa essi si rallegrano per essere "l'eccezione che conferma la regola".

Nella seconda scena Marianne e Johan discutono se andare al pranzo domenicale dai genitori e intanto si viene a sapere, da un colloquio di Johan con una collega di lavoro, che ha fatto leggere a lei, e non alla moglie, le sue poesie. Marianne nel frattempo è al lavoro e presta consulenza alla signora Jacobi che è decisa a divorziare. Marianne e Johan vanno poi a teatro a vedere Casa di bambola di Ibsen e ritornano a casa di malumore, anche se non vogliono darlo a vedere.

Nella terza scena Johan confessa a Marianne che si è innamorato di una studentessa di nome Paula e malgrado lei tenti di dissuaderlo lui è deciso a partire l'indomani anche se ammette di essere stato ingiusto con lei e le dice: "Credo di amarti di più da quando ho incontrato Paula. Non accuso te. Tutto è andato all'inferno chissà perché"[1]. Marianne lo tratta con dolcezza nella speranza di trattenerlo ma il mattino seguente Johan parte. Marianne telefona a degli amici per raccontare quanto successo e viene a sapere che tutti, tranne lei, erano a conoscenza della relazione che durava già da parecchio tempo.

Dopo sei mesi Marianne e Johan si incontrano nella loro casa dove lei lo accoglie con gentilezza, ma nasce subito una discussione riguardo alla mancanza di disponibilità di Johan nei confronti delle bambine. Marianne lo invita a rimanere a cena e i due si baciano. Johan confessa di essersi stancato della relazione con Paula e Marianne gli racconta dei rapporti avuti con altri e del suo amore-odio nei suoi confronti. Johan cerca di abbracciarla ma Marianne si allontana respingendolo. Lo invita però a rimanere a dormire ed egli accetta, ma nel pieno della notte si sveglia preso dall'angoscia, si veste e va via.

Marianne va all'ufficio di Johan per controllare alcuni documenti del divorzio e, seduti sul divano, sentono rinascere l'attrazione fisica ma l'amplesso che segue lascia indifferente Marianne. Si rinfacciano i reciproci errori, si insultano e Johan percuote Marianne e non vuole farla uscire. Alla fine essi firmano i documenti del divorzio.

Sono ormai trascorsi sette anni e i due, entrambi risposati, si incontrano per un fine settimana e dicono di essere felici. Si recano nella loro casa di campagna dove tutto è rimasto come un tempo e Johan le propone di festeggiare quel momento ma Marianne gli risponde che preferisce festeggiare il ventesimo anniversario di matrimonio. La casa però è troppo piena di ricordi e la coppia decide di andare in un cottage messo a disposizione da amici. Sono emozionati e si scambiano impressioni e confidenze, come mai avevano fatto. Vanno a letto. Marianne ha un incubo in cui crede di sprofondare nella sabbia e dice a Johan: "Credi che viviamo in una totale confusione? Credi che dentro di noi si abbia paura perché non sappiamo dove aggrapparci? Non si è perso qualcosa di importante? Credo che in fondo c'è il rimpianto di non aver amato nessuno e che nessuno mi abbia amato"[2]. Il film termina con i due che dopo essersi detti "Buona notte amore" si addormentano.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • "Scene da un matrimonio è un film di grande verbosità, un lunghissimo, interminabile dialogo a due voci. È la meticolosa radiografia di una coppia analizzata fin nei minimi particolari per cercare la risposta a una domanda: perché tanti matrimoni falliscono? Come in tutti gli altri film di Bergman la risposta non c'è, ma c'è una miriade di spunti di riflessione sull'amore, sul rapporto tra i sessi, sulla vita, sull'egoismo. [...] In Scene da un matrimonio l'assenza di Dio corrisponde al trionfo dell'egoismo e all'angoscia della solitudine. Il coniuge non è che la materializzazione più immediata e tangibile del "prossimo tuo" che il Vangelo impone di amare." - Sergio Trasatti, Ingmar Bergman, Il Castoro Cinema
  • "Il racconto è lineare e intenso, il linguaggio è semplice e adatto al piccolo schermo (molti primi piani, pochi movimenti di macchina, prevalenza di dialoghi e totale assenza di colonna sonora), l'ambientazione è tutta giocata sugli interni. Paolo Mereghetti, Dizionario dei Film, Baldini & Castoldi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Titoli con cui è stato distribuito[modifica | modifica wikitesto]

  • Cenas da Vida Conjugal, Portogallo
  • Cenas de um Casamento, Brasile
  • Escenas de la vida conyugal, Argentina
  • Kohtauksia eräästä avioliitosta, Finlandia, 11 settembre 1981
  • Scènes de la vie conjugale, Francia, 22 gennaio 1975
  • Scener fra et ægteskab, Danimarca
  • Scenes from a Marriage, USA, 15 settembre 1974
  • Scenes uit een huwelijk, Paesi Bassi, 27 marzo 1975
  • Secretos de un matrimonio, Spagna
  • Skines apo ena gamo, Grecia, (nuova edizione) 23 agosto 2007
  • Szenen einer Ehe, Germania Ovest, 20 settembre 1976

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1975 - National Society of Film Critics Awards
    • Miglior film
    • Miglior attrice protagonista a Liv Ullmann
    • Migliore attrice non protagonista a Bibi Andersson
    • Migliore sceneggiatura a Ingmar Bergman

Impatto sulla cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 Gabriele Lavia girò una versione italiana del film interpretata da lui stesso e Monica Guerritore.

La sociologa statunitense Laura Kipnis citò Scene da un matrimonio tra gli esempi di «film antiamore», nel suo saggio Contro l'amore.

Il comico Daniele Luttazzi mise in scena una parodia del film con la commedia teatrale Scene da un adulterio (1997).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ingmar Bergman, Scene da un matrimonio, 1973
  2. ^ op.cit.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema