Scarpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Scarpa (disambigua).
Scarpa femminile con tacco alto.

La scarpa è un accessorio del vestiario, che riveste e protegge il piede e permette a chi lo indossa di camminare più facilmente su ogni superficie. È solitamente realizzata in pelle, stoffa, cuoio o vari materiali sintetici ed è costituita da una parte inferiore che poggia a terra, la suola, e da una parte superiore più o meno estesa, detta tomaia, che ricopre il dorso del piede fino all'altezza del malleolo. Una scarpa può avere la suola piatta o essere dotata di un tacco, che rende la camminata più agevole e conferisce una maggiore altezza a chi la indossa. La tomaia può essere dotata di una stringatura, la quale permette alla calzatura di aderire più strettamente al piede che la indossa.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "scarpa" deriva dall'antico francese escarpe (da escarpin, "zoccolo"), che trova corrispondenze nell'inglese antico scarp, dal germanico skarpr, dal sassone scearp, a loro volta dalla radice skar(p)- ("tagliare"); un utilizzo della radice si può ritrovare anche nell'islandese skrapa, nel sassone screpan, nell'inglese to scrape (lett. "raschiare"), nell'alto-tedesco antico scrëvon, nei latini scalpere ("incidere") e sculpere ("scolpire"). "Scarpa" riguarda, quindi, qualcosa di "acuto", quasi "tagliente", in riferimento alla parte finale della calzatura (cioè la "punta").[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime scarpe furono fatte in epoca preistorica con pelli di perazo animale o con legno[2]; il più antico paio di scarpe finora ritrovato risale a circa 9000 anni a.C.: fu reperito negli Stati Uniti ed è in materiale vegetale.[senza fonte] Nelle regioni temperate le scarpe erano molto semplici (simili a moderni sandali), mentre nelle regioni fredde si usavano scarpe rivestite.

In epoca storica le scarpe divennero di uso comune: la prima attestazione, di cui si abbia testimonianza, risale al periodo egizio e, più precisamente, all'Antico Regno; è visibile nella cosiddetta "tavoletta di Narmer", che prende nome dal faraone (mitologico) Narmer; su uno dei due lati della tavoletta, di scisto verde scuro, si nota un servo che porge al faraone un paio di sandali; la tavoletta è datata intorno al 3000 a.C. Intorno al 1300 a.C. gli Ittiti inventarono il sandalo a punta ricurva, mentre è risaputo che i popoli del deserto avessero già sandali infradito, con suola molto larga per non affondare nella sabbia.

Gli antichi greci usavano i "sandali" e gli ὑποδήματα ("hypodémata": suole che si allacciavano sotto il piede)[3].

Quanto agli antichi Romani, come si vede in dipinti ed affreschi, le scarpe più diffuse erano i sandali; le fonti iconografiche e storiche ci hanno tramandato che essi potevano sfoggiare più di una ventina di tipi di calzature differenti e già seguivano le tendenze della moda[4].

Nel medioevo la popolazione comune portava scarpe di legno (zoccoli), di pelle oppure semplici pezze di stoffa, che venivano avvolte intorno al piede.

Nel XIV secolo, in Inghilterra e Francia, si affermarono le poulaine, scarpe della nobiltà con la punta di lunghezza superiore ai 15 cm; la punta era tanto più lunga, quanto più nobile era la persona che le indossava. Questa moda si dice sia tramontata alla fine del XV secolo con Carlo VIII di Valois, Re di Francia, in quanto, avendo sei dita, egli doveva portare scarpe dalla punta tronca. Si diffusero così le calzature "a piede d'orso" e "a becco d'anatra"[5], la cui punta poteva giungere a 15 cm di larghezza[6].

Tra il XIV secolo e il XVII secolo furono molto diffuse in Europa le pianelle (o chopine), calzature a forma di pantofola con zeppa, di sughero o legno, che poteva raggiungere uno spessore anche di 50 cm.

Nel XVII secolo in Europa le scarpe vennero disegnate con tacchi alti, sia per gli uomini che per le donne, essendo state portate in auge dal Re Sole, che era piccolo di statura. Il tacco alto è rimasto fino ad oggi nelle calzature femminili, restando invece talvolta solo di misura bassa in quelle maschili.

Nel XVIII secolo a Venezia si affermò invece la scarpa "col pattìno" [7], una sorta di ciabatta-involucro, che serviva per non sporcare la scarpa vera e i tragitti da casa a casa; una volta giunti a destinazione, questo veniva sfilato e riutilizzato solo al momento dell'uscita. Con l'inizio dell'Industrializzazione nel XIX secolo, le scarpe furono prodotte in serie in fabbrica; in questo periodo nacque anche la moda degli stivali corti. Oggi buone scarpe sono alla portata della maggior parte della popolazione nei paesi industrializzati.

Utilità[modifica | modifica wikitesto]

Scarpa da golf

La scarpa serve per vari scopi:

  • protezione: questa è la funzione principale, poiché la scarpa deve proteggere dal contatto diretto con il suolo e coprire il piede, mantenendo il calore in inverno;
    Scarpa sportiva
  • estetica: essa può far apparire il piede più curato ed attraente;
  • funzionalità: essa può aumentare l'aderenza in particolari condizioni o permettere particolari azioni (scarpa sportiva, da lavoro, da ballo, ecc.).

Parti[modifica | modifica wikitesto]

Buffalo Boots scarpe anni 90

La scarpa è formata comunemente da più parti:

  • la suola, ovvero la parte a contatto con il suolo, in cuoio (pelle), gomma o plastica; questa parte della scarpa può contraddistinguere anche un determinato tipo di scarpa, la zeppa, dove l'intera suola è rialzata di diversi centimetri; oppure la suola può essere arricchita da:
    • plateau, nel caso la scarpa sia munita di tacco alto;
    • tacco: un rialzo presente sotto la suola, a livello del tallone;
  • la soletta, cioè la parte interna, che fa da intercapedine tra la suola e la tomaia;
  • la tomaia, parte che copre il piede, la quale può avere diversi ornamenti o diverse colorazioni.

Misure[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Misura delle scarpe.

La scarpa può essere misurata in vari modi:

  • Punto francese o Europea: il punto francese è equivalente a di centimetro;
  • Koreana: è un tipo di scala lineare molto semplice, in cui la misura è riportata in mm (millimetri);
  • Americana & Canadese: si usa una scala non proporzionale a quella Europea e le taglie maschili sono più piccole, rispetto a quelle femminili, di una misura e mezza;
  • Australiana: la scala è uguale a quella americana e anche qui si hanno due misure diverse tra maschi e femmine; in essa, la misura femminile è più grande di quella maschile, inoltre la taglia femminile coincide con la taglia maschile Americana;
  • Inglese: questa misura utilizza la stessa scala delle precedenti, con misure diverse tra uomo e donna; in essa, la misura maschile è di mezza taglia più grande della femminile e coincide con la misura maschile Australiana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scarpa ("etimo.it"), etimo.it. URL consultato il 28 novembre 2015.
  2. ^ Eugenia Girotti, La calzatura : storia e costume, Milano, BE-MA, 1987
  3. ^ Jonathan Walford, Scarpe : storia di una meravigliosa ossessione, Novara, De Agostini, 2008; F. Schenkl, F. Brunetti, Dizionario greco-italiano italiano-greco, La Spezia, F.lli Melita, 1991
  4. ^ Giorgio Riello, Peter McNeil, Scarpe : dal sandalo antico alla calzatura d'alta moda, Costabissara, A. Colla, 2007
  5. ^ Michele Vocino, Storia del costume: venti secoli di vita italiana, Roma, Libreria dello Stato, 1952
  6. ^ Henry VIII's shoe, su sito inglese
  7. ^ Sorta di ciabatta o d’altra calzatura simile: E chi si cava pattìn, chi pianelle (Pulci); v.: http://www.treccani.it/vocabolario/pattino2/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Marco r. E scarpe

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh85121735 · GND: (DE4053430-3 · BNF: (FRcb11955690j (data)
Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda