Scandalo politico sudcoreano del 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo Scandalo politico sudcoreano del 2016 (박근혜·최순실 게이트?) (Park Geun-hyeChoi Soon-sil) riguarda l'influenza di Choi Soon-sil, figlia della sciamana leader Choi Tae-min, sulla presidente Park Geun-hye.[1][2][3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine di ottobre 2016 si viene a conoscenza dello scandalo politico della Corea del Sud.[5][6]

Il 29 novembre 2016, Park si offrì di cominciare il processo della sua rimozione dalla carica[7] Il 9 dicembre, Park è stata messa in stato d'accusa, ed infine il primo ministro Hwang Kyo-ahn diventò il presidente in carica.[8] Il 21 dicembre, una squadra speciale per l'accusa guidata da Park Young Soo comincia a investigare allo scandalo di Choi Soon-sil[9][10] Il 10 marzo 2017, la Corte costituzionale della Corea del Sud ha deciso di sostenere lo stato di accusa nei confronti di Park Geun-Hye.

Tutti gli 8 giudici convennero che la presidente Park abusò del suo potere. Venne così indetta una nuova elezione, 60 giorni dopo con Moon Jae-in, un membro del partito democratico coreano, vincendo con oltre il 41% dei voti[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'Rasputin-like' friend of South Korean president returns amid protests, in The Guardian, 30 ottobre 2016.
  2. ^ Cult leader’s daughter may upend South Korea presidency, in CBS NEWS, 30 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  3. ^ Park Geun-hye and the friendship behind S Korea's presidential crisis, in BBC News, 31 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  4. ^ All the Queen's men and women, su The Straits Times. URL consultato il 21 marzo 2017.
  5. ^ Jennifer Williams, The bizarre political scandal that just brought down South Korea's president, in Vox. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  6. ^ Investigations into 'Choi Soon-sil gate' widening, su The Korea Times, 23 ottobre 2016.
  7. ^ South Korea's embattled president offers to relinquish power, in Reuters, 29 novembre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.
  8. ^ After impeachment, South Korea prime minister urges calm, vigilance, in Reuters, 9 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  9. ^ Special Prosecutor pledges to figure out bribery, question President Park, 3 dicembre 2016. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  10. ^ (EN) Independent counsel to officially launch probe into influence-peddling scandal, in Yonhap News Agency. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  11. ^ Paula Hancocks and Euan McKirdy CNN, South Korea: Constitutional court upholds President Park's impeachment, su CNN. URL consultato il 10 marzo 2017.