Scambio (economia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Uno scambio, nel lessico dell'economia, indica la cessione di un bene o servizio che si possiede in cambio di moneta. Lo scopo di ogni scambio è soddisfare i bisogni delle parti che, di conseguenza, decidono di instaurare tra loro un accordo di compravendita.

Tipologie e classificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo scambio è semplificando un do ut des (dare qualcosa per avere qualcosa), e può essere:

  • denaro contro denaro (scambio finanziario),
  • denaro contro beni (scambio economico, e di tipo commerciale),
  • beni contro beni (baratto).

Il denaro scambiato può essere moneta, valuta, divisa o titoli.

Il bene scambiato può essere un bene materiale o tangibile:

o un bene immateriale (brevetto, diritto d'autore di un'opera di ingegno digitale).

Può essere un bene mobile oppure, un bene immobile (una casa). Esiste anche in economia una classificazione dei beni: bene primario, bene rifugio, bene succedaneo.

Lo scambio di denaro contro beni può essere assistito da una garanzia reale da una parte a favore dell'altra:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]