Saw V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Saw V
SAWV - Scene.png
Una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2008
Durata92 min
95 min (unrated)
Rapporto1.85 : 1
Genereorrore, thriller
RegiaDavid Hackl
SceneggiaturaPatrick Melton, Marcus Dunstan
ProduttoreOren Koules, Mark Burg, Daniel Jason Heffner, James Wan, Leigh Whannell, Stacey Testro, Peter Block, Jason Constantine, Troy Begnaud, Kym Crepin, Tom Vencelides
Casa di produzioneTwisted Pictures
Distribuzione (Italia)01 Distribution
FotografiaDavid A. Armstrong
MontaggioKevin Greutert
Effetti specialiJeff Skochko
MusicheCharlie Clouser
ScenografiaLiesl Deslauriers
CostumiAlex Kavanagh
TruccoIantha Goldberg, Colin Penman e Sean Sansom
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Per ogni enigmista che se ne va ce n'è uno pronto a prendere il suo posto »

(Tagline del film)

Saw V è un film horror del 2008 diretto da David Hackl,[1] quinto capitolo della saga di Saw. Il film ha debuttato negli USA in prima mondiale il 24 ottobre 2008[2] ed è uscito nelle sale italiane il 5 dicembre 2008.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Seth Baxter, un assassino condannato all'ergastolo per omicidio, dopo aver scontato soli 5 anni di prigione per un cavillo legale, è incatenato a un tavolo con sopra un gigantesco pendolo sul quale è montata una enorme lama. Un video messaggio gli indica che l'unica via per evitare di essere ucciso dal pendolo è quella di disintegrarsi le mani mettendole dentro a delle presse e premendo il bottone al loro interno. Nonostante Seth faccia ciò che gli era stato indicato il pendolo non si ferma e lo taglia a metà.

L'agente speciale Peter Strahm, dopo aver ucciso Jeff Reinhart, viene chiuso dal detective Hoffman nella camera dove John è morto. Qui trova un passaggio segreto e una registrazione di Jigsaw che lo avvisa di non procedere e di aver fiducia in lui, ma l'agente ignora l'avvertimento e si addentra nel passaggio segreto dove una misteriosa figura con una maschera da maiale lo aggredisce e lo seda. Al suo risveglio Strahm si ritrova in una trappola costruita per giustiziarlo: intorno alla sua testa è stata fissata una teca di vetro alla quale sono attaccati due tubi che immettono gradualmente acqua nella stessa. Per evitare l'annegamento, l'uomo si fa un buco in gola con una penna praticandosi una rudimentale tracheotomia per poter respirare e riesce a resistere fino all'arrivo dei soccorsi. All'arrivo di questi, Hoffman esce dal complesso con in braccio Corbett, la figlia di Jeff, venendo acclamato come un eroe, stupendosi però nel vedere l'agente Strahm sopravvissuto alla trappola dell'enigmista dopo aver dichiarato che all'interno tutti erano morti. Viene dichiarata ufficialmente la morte di Jigsaw e Hoffman viene promosso di grado come ricompensa per aver seguito e risolto il caso.

Tuttavia, dopo essere stato dimesso dall'ospedale, il detective Strahm comincia a sospettare che Hoffman sia il complice di Jigsaw e comincia ad indagare sul suo conto: scopre che Seth Baxter era il fidanzato e assassino della sorella di Hoffman e sospetta che la sua morte sia una vendetta personale del detective; nel frattempo le sue indagini si vanno a intrecciare con la vicenda di cinque nuovi prigionieri dell'Enigmista sottoposti ad una serie di prove.

Intanto Jill Tuck, ex moglie di John Kramer, si reca dall'avvocato esecutore delle ultime volontà del marito e dal quale riceve una scatola che lei apre senza mostrarne il contenuto. In una serie di flashback viene rivelato che Hoffman era un emulatore dell'Enigmista che questi accettò di prendere come suo apprendista, oltre agli avvenimenti che lo vedevano coinvolto nelle vicende narrate nei precedenti episodi.

Nel frattempo i cinque prigionieri, sorvegliati da Hoffman, sono sottoposti ad una serie di prove: nell'ultima, i due sopravvissuti devono farsi tagliare da una sega circolare per recuperare cinque litri di sangue dal loro corpo per poter sbloccare la porta e uscire dalla prigione in cui sono rinchiusi.

Nel frattempo Strahm scopre che Hoffman ha partecipato a tutte le inchieste che hanno riguardato le vittime di Jigsaw e quindi i suoi sospetti crescono sempre più. Dal suo canto Hoffman, resosi conto che Strahm sospetta di lui, cerca di costruire prove per incriminare il collega e a tal fine, dopo aver rubato un cellulare appartenuto a Strahm, lo nasconde nella postazione di controllo dove sorvegliava i cinque prigionieri. In seguito al ritrovamento dei due sopravvissuti, il capo della polizia Erickson ordina l'arresto di Strahm sulla base dei gravi indizi a suo carico.

Intanto Strahm, sulle tracce di Hoffman, trova un nuovo messaggio di Jigsaw all'interno di un grande contenitore in plexiglass ricoperto da cocci di vetro sul fondo, già visto in Saw IV, in cui l'Enigmista lo esorta nuovamente ad aver fiducia in lui ed entrare nella teca per salvarsi. Poco dopo appare Hoffman e i due danno vita ad una colluttazione al termine della quale Strahm riesce a chiudere il collega nella teca. Contemporaneamente la porta della stanza si chiude e quando Strahm chiede come sbloccarla, Hoffman gli indica di continuare ad ascoltare la registrazione. Mentre il messaggio gli dice di aver fallito la sua prova dato che non ha avuto fiducia in Jigsaw, Strahm osserva con orrore che le pareti della stanza si stanno avvicinando per stritolarlo, mentre il contenitore con all'interno Hoffman scompare nel sottosuolo con Hoffman che lo guarda morire senza batter ciglio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato scritto da Patrick Melton e Marcus Dunstan; entrò in pre-produzione nel corso del dicembre 2007, dopo Natale.[3] Le riprese iniziarono il 17 marzo 2008 a Toronto e si conclusero il 2 maggio 2008.[4]

Il regista David Hackl ha dichiarato che alcune trappole erano potenzialmente in grado di uccidere l'attore coinvolto in essa; per questo motivo numerosi paramedici sono stati presenti sul luogo delle riprese. Hackl, scherzando, ha dichiarato che le trappole sarebbero veramente come le vorrebbe l'Enigmista, se esistesse davvero.[5]

Il 24 luglio 2008, Saw V è stato ufficialmente presentato al concorso Comic-con, tenutosi a San Diego: sono stati trasmessi 4 minuti del film e il Trailer Ufficiale.[6]

Anticipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'uscita del film nelle sale, erano state rivelate delle anticipazioni, alcune delle quali rivelatesi poi infondate. Nel corso di un'intervista a IGN, Patrick Melton ha rivelato che il film spiegherà ciò che è accaduto a Corbett, la figlia di Lynn Denlon e Jeff Reinhart, in seguito alla conclusione di Saw III - L'enigma senza fine in cui viene menzionato che lei è rimasta con una riserva di aria limitata.[7] Questo capitolo infatti non si presenta come ultimo della saga ma è, come i precedenti, una successione di flashback, nei quali verrà spiegata la vita dell'Enigmista, che ormai morto non sarà presente se non in alcune scene. Sarà il detective Hoffman a continuare i giochi. Corbett viene salvata proprio da Hoffman, che finge di scampare alle trappole di Jigsaw per passare da eroe eliminando ogni scomodo testimone del suo operato.

In un'intervista Tobin Bell (John Kramer) ha rivelato che Saw V avrebbe raccontato le origini di Billy, la marionetta a bordo del triciclo rosso apparsa anche durante Saw III[8], ma il mistero sul fantoccio è rimasto insoluto.

In un'intervista del 13 giugno 2007, Tobin Bell ha dichiarato che non sarebbe sorpreso se dovesse essere narrata, di nuovo, la vicenda di Cecil Adams, magari sotto altri aspetti. Si pensa anche ad una spiegazione approfondita sui pezzi di carne prelevati da vittime in forma di un puzzle[9], anche se l'unico riferimento ipotizzabile è quello nel quale il riabilitatore dichiara, in una scena del film, che tutti i personaggi fanno parte di un disegno preciso, come i pezzi che compongono appunto un puzzle.

Il regista ha inoltre rivelato che Scott Patterson, ossia l'agente Strahm, potrebbe essere collocato in una trappola che Hackl ha definito "la più pericolosa e la più elegante nella sua semplicità".[10] Strahm viene difatti ucciso nel finale del film in una camera le cui mura sono composte da una pressa.

Ci saranno, comunque, un totale di sette trappole in questo film[10], in seguito ridotte a sei.

Nel DVD di Saw IV, Darren Lynn Bousman ha dichiarato che la trappola della cassa di vetro, che è stata originariamente prevista per il film precedente, sarà ulteriormente filmata in Saw V. La trappola di vetro è stata solo mostrata, come assaggio, ma non utilizzata in Saw IV: comporrà la scena finale del film.

Il film è molto violento: sono presenti infatti numerose scene splatter e horror molto forti ed esplicite, tanto che il film è stato vietato ai minori di 14 anni.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto da recensioni negative. Sul sito Rotten Tomatoes ottiene il 13% delle recensioni professionali positive, basato su 75 recensioni,[11] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 20 su 100.[12]

Saw VI e Saw 3D[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Saw VI e Saw 3D - Il capitolo finale.

Il successivo capitolo della saga, Saw VI, è stato diretto da Kevin Greutert, il montatore di tutti i film della serie e regista anche del settimo capitolo Saw 3D - Il capitolo finale, anch'esso uscito come tutti i film precedenti nel giorno di Halloween.

Gli sceneggiatori sono stati ancora Marcus Dunstan e Patrick Melton, gli stessi di Saw IV e Saw V.

Su MTV è andato in onda un programma, Scream Queens, in cui fu scelta una dei personaggi del nuovo capitolo della saga, ruolo poi vinto da Tanedra Howard.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La tortura inflitta a Seth Baxter all'inizio del film è in parte tratta da un'idea di un celeberrimo racconto di E. A. Poe, Il pozzo e il pendolo. Nel racconto di Poe, il protagonista non può però scegliere di sacrificare le mani, e riesce a liberarsi con una mossa insieme d'astuzia e di fortuna. Il richiamo al racconto di Poe si può inoltre ritrovare anche nel finale, poiché ne "Il pozzo e il pendolo", in caso il protagonista fosse miracolosamente riuscito a scampare alla lama, era destinato a perire schiacciato dalle pareti che si sarebbero chiuse addosso a lui. La stessa tortura è presente nell'episodio Il gatto nero del film Due occhi diabolici di Dario Argento e George A. Romero ed è stata ripresa nel film thriller The Raven di James McTeigue.
  • Un boss della serie videoludica Final Fantasy, il "Muro diabolico", riprende la tortura delle pareti-pressa: il boss è infatti un muro animato grazie alla magia e posto solitamente a guardia di tombe o luoghi importanti, che si sposta lentamente lungo un corridoio schiacciando contro la parete opposta chiunque vi transiti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) SAW V and SAW VI Director Already Signed!, Bloody-Disgusting, 17-07-2007. URL consultato il 2 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2007).
  2. ^ (EN) Saw V Product information[collegamento interrotto], Lionsgate Publicity. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  3. ^ (EN) SAW 5 Shooting This Xmas, MoviesOnline. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  4. ^ (EN) Official Saw News, su officialsawnews.com. URL consultato il 30 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2012).
  5. ^ (EN) Hackl Talks 'Saw V', Dangerous Trap!!, su bloody-disgusting.com, 12 febbraio 2008. URL consultato il 30 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2008).
  6. ^ (EN) SDCC '08: Saw V Panel, Watch the Teaser Trailer!, su shocktillyoudrop.com, 24 luglio 2008. URL consultato il 30 luglio 2008.
  7. ^ (EN) Exclusive Interview: Patrick Melton, IGN, 31 ottobre 2007. URL consultato il 30 luglio 2008.
  8. ^ (EN) Alan Stanley Blair, Saw V parla di Billy the Puppet, RabidDoll. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  9. ^ (EN) B. Alan Orange, Tobin Bell's First Interview Since Completing Saw IV!, MovieWeb, 13 giugno 2007. URL consultato il 30 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2008).
  10. ^ a b (EN) Brian Gallagher, David Hackl and Betsy Russell Talk Saw V, MovieWeb, 15 maggio 2008. URL consultato il 30 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2008).
  11. ^ http://us.rottentomatoes.com/m/saw_v/
  12. ^ http://www.metacritic.com/movie/saw-v/critic-reviews

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema