Satiro di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la chiesa del Bramante a Milano, vedi Chiesa di Santa Maria presso San Satiro.
San Satiro
9909 - Milano - S. Ambrogio - Tiepolo - Naufragio di S. Satiro (1737) - Foto Giovanni Dall'Orto 25-Apr-2007.jpg
G.B. Tiepolo, Naufragio di san Satiro. Milano, Basilica di Sant'Ambrogio, cappella di San Satiro
Nascita 339 / 340
Morte 378
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 17 settembre
Patrono di Sacrestani dell'arcidiocesi di Milano

Satiro (Treviri, 339 o 340Milano, 378) era fratello di sant'Ambrogio e di santa Marcellina ed è anch'egli venerato come santo dalla Chiesa cattolica.[1]

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque probabilmente a Treviri, fu avvocato, prefetto provinciale e amministratore dei beni di famiglia. Di lui abbiamo qualche notizia solo attraverso alcuni discorsi commemorativi del fratello Ambrogio. Con buona probabilità era fratello gemello di Ambrogio[2].

Fu sepolto, per volontà del fratello, nella cappella di San Vittore in Ciel d'Oro della basilica ambrosiana, accanto alle reliquie del martire.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa cattolica lo festeggia il 17 settembre.

A lui è dedicata la chiesa di Santa Maria presso San Satiro a Milano, risalente al IX secolo, ricostruita nel 1478 dal Bramante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ San Satiro in Santi e Beati, su santiebeati.it.
  2. ^

    « L'ipotesi [...] appare rafforzata dall'analisi dei reperti osteologici: entrambi sembrano alti circa 1,62-1,63, di costituzione esile, caratterizzati da una lieve asimmetria nel volto, sotto lo zigomo sinistro »

    (Franco Cardini, 7 dicembre 374. Ambrogio vescovo di Milano in I giorni di Milano, Roma-Bari, 2010, p.36.)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Cardini, 7 dicembre 374. Ambrogio vescovo di Milano, in I giorni di Milano, Roma-Bari, 2010, pp. 21–40.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • San Satiro, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.