Sassafras albidum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sassafrasso)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Sassofrasso" rimanda qui. Se stai cercando la canzone dei Nomadi, vedi La settima onda.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sassofrasso
Sassafras albidum Koeh-260.jpg
Sassafras albidum (dal Koehler's Medicinal-Plants 1887)
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Magnoliidi
Ordine Laurales
Famiglia Lauraceae
Genere Sassafras
Specie S. albidum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Magnoliidae
Ordine Laurales
Famiglia Lauraceae
Genere Sassafras
Specie S. albidum
Nomenclatura binomiale
Sassafras albidum
(Nutt.) Nees
Sinonimi

Laurus albidus
Nutt.
Laurus sassafras
L.
Sassafras albidum var. molle
(Raf.) Fern.
Sassafras officinale
Nees & Eberm.
Sassafras sassafras
(L.) Karst.
Sassafras variifolium
(Salisb.) Kuntze

Il sassofrasso[1] o sassafrasso[2] (Sassafras albidum L. ex Nees) è una pianta arbustiva della famiglia delle Lauracee[3], diffusa in America settentrionale

Dalla sua radice si ricava un olio essenziale di colore giallo arancio, contenente safrolo, usato per profumare saponi, aromatizzare bevande e in preparati farmaceutici. Viene utilizzato per la fabbricazione della MDMA, droga semisintetica nota come ecstasy.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Devoto, Gian Carlo Oli, Dizionario della lingua italiana, Firenze, Le Monnier, 1971.
  2. ^ Nicola Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana, 11ª ed., Bologna, Zanichelli, 1988.
  3. ^ (EN) Sassafras albidum, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 23 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica