Sartù di riso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sartù di riso
Sartù di riso alla napoletana-3.jpg
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Campania
Dettagli
Categoria primo piatto
 
Sartù una volta sformato

Il sartù di riso è un piatto tipico della cucina napoletana.

Si prepara con riso condito con ragù, piselli, pancetta, funghi, fior di latte o provola, polpettine di carne, salsicce, uova sode e, tradizionalmente, con fegatini di pollo. Il tutto viene infornato e quindi sformato prima di essere servito.

Si può presentare in sia nella versione al sugo, con ragù, che in bianco, senza[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il riso, prodotto importato dagli Aragonesi nel Regno di Napoli[2], non riscontrò successo a Meridione - tranne in Sicilia, dove venne introdotto dagli Arabi. Venne adottato dalla Scuola Salernitata di Medicina e prescritto come cura per gli ammalati, ma non dal popolo, che gli preferiva la pasta. Il sartù nacque probabilmente dalla necessità di adattare questa pietanza al gusto di corte, sotto l'influenza della regina austriaca Maria Carolina. I monsù, cuochi francesi di corte, crearono nel Settecento questo piatto, arricchendo il riso con numerosi ingredienti[3] e mascharnadone il sapore con la salsa di pomodoro[4]. Il nome stesso del piatto verrebbe dal francese surtout, il centrotavola che venne in uso nel Settecento e che poteva anche essere usato per portare in tavola il sartù, cucinato come un timballo[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeanne Caròla Francesconi, La cucina napoletana, 3ª edizione, Napoli, Fausto Fiorentino Editore, 1974 [1965], pp. 168-170.
  2. ^ a b Fausto Cantarelli, I tempi alimentari del Mediterraneo, vol. 1, FrancoAngeli, 2005, pp. 142-143, ISBN 9788846459442. URL consultato il 30 agosto 2017.
  3. ^ Vincenzo Corrado, Il cuoco galante, 1773, pp. 165-166.
  4. ^ (EN) Lorenza De' Medici Stucchi, The Heritage of Italian Cooking, Random House, 1990, p. 70, ISBN 9780394588766.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]