Sara Cunial

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sara Cunial
Sara Cunial 2018.jpg

Deputata della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle (fino al 17/04/2019)
Gruppo Misto (dal 17/04/2019)[1]
Circoscrizione Veneto 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico M5S (2018-2019)
Indipendente (dal 2019)
Titolo di studio Laurea in chimica industriale
Università Università degli Studi di Padova
Professione Imprenditrice agricola

Sara Cunial (Roma, 8 luglio 1979) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma da famiglia di origine veneta, risiede a Bassano del Grappa ed è laureata in chimica industriale all'Università di Padova.

Entra in politica nel 2018 venendo eletta alla Camera dei Deputati per il Movimento 5 Stelle come capolista nella circoscrizione Veneto 2. È membro della XIII Commissione Agricoltura.

Il 17 aprile 2019 viene espulsa dal gruppo parlamentare del M5S dopo aver definito la linea del Movimento circa la questione della fitopatologia OQDS-xylella, che ha colpito gli ulivi pugliesi dal 2008-2010, "uno scempio in nome e per conto delle agromafie".[2][3] Iscrittasi al Gruppo Misto, il 22 aprile rende nota l'espulsione dal partito.

Il 13 maggio presenta una mozione che impegna il governo a porre fine alle sperimentazioni e installazioni della rete 5G[4], ma viene respinta dal voto alla Camera l'8 ottobre.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Vaccini[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 gennaio 2018 viene momentaneamente sospesa dal Movimento 5 Stelle in seguito a un post pubblicato su Facebook dove paragona le vaccinazioni a un “genocidio gratuito”. In seguito viene riammessa alle liste ed eletta[5].

Tra le più convinte no-vax, il 22 gennaio 2019 torna al centro delle polemiche per aver organizzato alla Camera dei Deputati una conferenza stampa sulla pericolosità dei vaccini[6]. Lo stesso giorno il Ministro della Salute Giulia Grillo (dello stesso partito della Cunial) si è dichiarata "assolutamente contraria", mentre il capogruppo alla Camera del Movimento 5 Stelle Francesco D'Uva ha affermato a riguardo “Prendiamo le distanze dall’iniziativa della deputata Sara Cunial, nell’organizzare una conferenza stampa alla Camera dei deputati dell’associazione vicina ai no-vax Corvelva. Cunial ha prenotato la sala in completa autonomia e a titolo personale, senza informare il Movimento 5 Stelle, che sulle politiche vaccinali ha già avuto modo di chiarire la sua posizione. Abbiamo infatti detto più volte che il M5S è favorevole alle vaccinazioni e chi, al suo interno, mette in dubbio il valore della scienza, non rispecchia il comune sentire”[7][8].

COVID-19[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2020, il giorno di Pasquetta, è stata fermata dalla polizia locale di Roma nell'ambito dei controlli per l’emergenza coronavirus mentre percorreva in auto la strada statale 8 Via del Mare e sanzionata nonostante avesse il tesserino di parlamentare[9], spiegando ai vigili che era li per ragioni di lavoro[10].

Pochi giorni dopo, il 24 aprile, al termine di un duro intervento alla Camera verso la condotta del governo, accusato di "aver distrutto i diritti fondamentali, naturali e costituzionali", straccia platealmente i DPCM del presidente Giuseppe Conte[11].

Il 13 maggio 2020, durante la dichiarazione di voto sul dl Covid, ha suscitato polemiche per aver chiamato in causa l'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affermando "[...] lo scientismo dogmatico -protetto dal nostro pluripresidente della Repubblica- che è la vera epidemia culturale di questo Paese [...]".[12] Nello stesso discorso difende varie teorie del complotto,[13][14] fra cui quella del Nuovo ordine mondiale, sui vaccini, gli OGM e la tecnologia 5G.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sara Cunial, su Camera.it - XVIII legislatura, Parlamento italiano.
  2. ^ Ingrid Feltrin Jefwa, Parla di agromafie in Parlamento, Sara Cunial espulsa dal M5S, su oggitreviso.it, 23 aprile 2019. URL consultato il 18 aprile 2020 (archiviato il 29 ottobre 2019).
  3. ^ Sara Cunial espulsa dal gruppo M5S: «Partito vicino alle agromafie», su corrieredelveneto.corriere.it, 17 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2020 (archiviato il 18 aprile 2019).
  4. ^ https://parlamento18.openpolis.it/atto/documento/id/189439
  5. ^ Marco Scorzato, Nuovo Parlamento con nove vicentini Quattro i leghisti | Vicenza, Il Giornale di Vicenza, 6 marzo 2018 (archiviato il 19 aprile 2019).
  6. ^ Vaccini, polemiche per conferenza no-vax alla Camera: M5s prende le distanze. La ministra Grillo: ‘Assolutamente contraria’, il Fatto Quotidiano, 23 gennaio 2019.
  7. ^ Charlotte Matteini, La deputata Sara Cunial organizza una conferenza stampa no-vax alla Camera, Open, 23 gennaio 2019. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 14 ottobre 2019).
  8. ^ Bufera sulla deputata M5S per un incontro No Vax alla Camera. La ministra Grillo si dissocia, La Stampa, 23 gennaio 2019. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 15 dicembre 2019).
  9. ^ Federica Angeli, "Vado al mare, sono una parlamentare". L'ex grillina no vax multata sulla strada per Ostia, la Repubblica, 13 aprile 2020. URL consultato il 26 aprile 2020 (archiviato il 16 maggio 2020).
  10. ^ Alessandro Trocino, Sara Cunial, la deputata espulsa dai 5 Stelle, fermata mentre andava verso il mare a Ostia: «Vado al lavoro», Corriere della Sera, 14 aprile 2020. URL consultato il 15 maggio 2020 (archiviato il 19 maggio 2020).
  11. ^ Coronavirus, la deputata Sara Cunial: “Questi provvedimenti sono incostituzionali”. E strappa i dpcm in Aula: “Ora scaricatevi le vostre app”, su ilfattoquotidiano.it, 25 aprile 2020. URL consultato il 19 maggio 2020.
  12. ^ Camera, Cunial rischia il vilipendio per l'attacco complottista contro "pluripresidente della Repubblica". Lei: "Napolitano, non Mattarella", il Fatto Quotidiano, 14 maggio 2020. URL consultato il 17 maggio 2020.
  13. ^ a b David Puente, Coronavirus. L’intervento della deputata Sara Cunial e i numerosi complotti sul Covid-19 (e non solo), Open, 15 maggio 2020. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 16 maggio 2020).
  14. ^ Aldo Grasso, Cunial, l'eguaglianza (fanatica) dei diseguali, Corriere della Sera, 17 maggio 2020. URL consultato il 19 maggio 2020 (archiviato il 19 maggio 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]