Santuzza Calì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Santuzza Calì (Pulfero, 28 marzo 1934) è una costumista e scenografa italiana.

Bozzetto di costume teatrale creato da Santuzza Calì

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote della pittrice Pina Calì[1], frequenta l'Accademia di Belle Arti di Salisburgo, dove è assistente di Oskar Kokoschka[2].

Ritorna poi in Italia per dedicarsi alla grafica, alla creazione di marionette in cartapesta e alla realizzazione di costumi e scenografie teatrali in collaborazione con Emanuele Luzzati[3]. Collabora a spettacoli di prosa, opera e teatro per bambini.

Dagli anni '70 realizza i costumi per spettacoli di Ruggero Rimini[4], Vittorio Gassman[5], Gianfranco De Bosio[6], Paolo Poli[7], Maurizio Scaparro[8], Massimo Venturiello[9].

Come illustratrice, collabora con Emme Edizioni (Gianni Rodari, Le filastrocche del cavallo parlante, 1970; Tonino Conte, L'amore delle tre melarance, 1982) e Rai Eri (Alberto Manzi, Storie senza tempo, 1971; Donatella Ziliotto, Il mondo alla rovescia, 1971; Antonella Tarquini, L'albergo della fantasia, 1971).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze e premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Gassman - I Teatranti dell'anno, 2004 - Città di Lanciano[10]
  • Premio Le Maschere del Teatro Italiano, 2011, per Il mare[11]
  • Cittadinanza onoraria del comune di Casteldaccia, 2014[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Santuzza Calì, su www.athenaeumnae.it. URL consultato il 10 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Peter Nagy e Philippe Rouyer, World Encyclopedia of Contemporary Theatre: Volume 1: Europe, Routledge, 3 ottobre 2014, ISBN 9781136118043. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  3. ^ Recensione Il furioso all’isola di San Domingo di Donizetti, su delteatro.it. URL consultato il 10 maggio 2015.
  4. ^ 27 Dicembre 1903, Puccini termina Butterfly - Verde Azzurro - Notizie [collegamento interrotto], su Verde Azzurro - Notizie. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  5. ^ Teatro del 900 - O Cesare o nessuno 75, su www.teatrodel900.it. URL consultato il 10 maggio 2015.
  6. ^ Mario Pasi, Storia della musica, Editoriale Jaca Book, 1º gennaio 1995, ISBN 9788816439160. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  7. ^ Un Pascoli mai visto rivisitato da Paolo Poli, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  8. ^ GOVERNANTE (LA) - regia Maurizio Scaparro, su www.sipario.it. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  9. ^ BORGHESE GENTILUOMO (IL) - regia Massimo Venturiello, su www.sipario.it. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  10. ^ Premio gassman: Albertazzi tra vincitori designati da pubblico | Agi Archivio, su archivio.agi.it. URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  11. ^ Le Maschere del teatro Italiano 2011 - Napoli Teatro Festival Italia, su Napoli Teatro Festival Italia. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  12. ^ leone12, Casteldaccia conferirà cittadinanza onoraria alla scenografa Santuzza Calì: l'8 marzo la cerimonia, su bagherianews.com. URL consultato il 10 maggio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marinella Fiume (a cura di), Siciliane: dizionario biografico illustrato, Emanuele Romeo Editore, 2006, ISBN 88-7428-057-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 1012 6548 · SBN IT\ICCU\RAVV\073936 · LCCN (ENno2013039036