Santuario di Nostra Signora del Mirteto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°05′12.93″N 10°03′13.4″E / 44.086925°N 10.053722°E44.086925; 10.053722

Santuario di Nostra Signora del Mirteto
Ortonovo-santuario del Mirteto (2014)-1.jpg
Stato Italia Italia
Regione Liguria
Località Ortonovo
Religione Cattolica
Diocesi Diocesi della Spezia-Sarzana-Brugnato
Consacrazione 1566
Inizio costruzione 1540
Completamento 1566
Sito web Sito ufficiale

Il santuario di Nostra Signora del Mirteto è un edificio religioso sito in salita alla Madonna ad Ortonovo, nella val di Magra in provincia della Spezia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tempietto, del 1796, di Giovanni Matteo Scalabrini.

Sul sito dove oggi sorge il santuario, presso il monte Boscaccio a sud del centro storico ortonovese, insisteva un oratorio edificato intorno al XV secolo, intitolato a "Santa Maria del Mortineto" e officiato dalla confraternita dei Disciplinanti[1].

Un evento giudicato "miracoloso" nel 1537[1] - il sgorgare di lacrime di sangue da un dipinto della Madonna ai piedi della croce di Gesù[1] - darà l'impulso per la costruzione di un nuovo edificio più ampio e adatto allo scontato afflusso di pellegrini nel piccolo oratorio. I lavori verranno affidati[1] all'architetto Ippolito Marcello di Lucca che, iniziata l'opera nel 1540, li porterà alla conclusione nel 1566[1].

Nel 1584 ai priori della confraternita subentrarono i Domenicani[1] che mantennero l'affidamento della proprietà fino alla dominazione napoleonica di fine XVIII secolo[1]. Con i padri Domenicani il santuario conobbe una nuova fase ampliativa e decorativa: nel 1601 verrà realizzata la sagrestia e un annesso convento, un nuovo coro dietro la sacra edicola nel 1650 e il centrale tempietto di Giovanni Matteo Scalabrini di Carrara nel 1796[1].

Con la Repubblica Ligure, inserita nel Primo Impero francese di Napoleone Bonaparte, l'ordine religioso verrà espulso dal santuario e dal paese di Ortonovo, nel 1800[2], lasciando la gestione dell'edificio a pochi componenti. Sarà durante la dominazione d'oltralpe che la denominazione antica "Mortineto" tramuterà nell'odierno "Mirteto", forse per un errore di trascrizione dalla lingua italiana al francese[2].

Abbandonato dopo la caduta di Napoleone, e con una chiusura che perdurò oltre la nascita del Regno d'Italia, solamente nel 1888[2] un decreto del vescovo Giacinto Rossi riaffidò la cura del santuario ai padri Domenicani[2] che subito si prodigarono per la riapertura del sito religioso dopo la riparazione e il ripristino dei locali danneggiati dall'incuria. Dal 1933 a settembre dell'anno 2003 il Santuario è stato custodito dai padri Orionini. Dal 2003 il santuario è gestito dai sacerdoti della Fraternità Missionaria di Maria[2], comunità originaria del Guatemala.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Internamente il santuario si presenta a tre navate[3], separate da due fila di pilastri in stile corinzio, a sua volta sorreggenti le volte del soffitto e gli archi delle cappelle. Nella facciata, oltre al centrale rosone rivestito in marmo bianco di Carrara, è presente nella lunetta sopra l'architrave un altorilievo riproducente la Madonna col Bambino e due devoti forse appartenenti, dallo stile degli indumenti, alla confraternita locale; l'opera, in prima analisi attribuita ad un giovane Michelangelo[3], parrebbe essere invece lavoro di uno scultore lucchese che probabilmente s'ispirò all'arte michelangiolesca[3].

Tra le opere d'arte conservate all'interno del santuario il dipinto della Deposizione della Croce ubicato nel centrale tempietto, quest'ultimo realizzato nel 1796 da Giovanni Maria Scalabrini con marmi policromi e a forma ottagonale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Fonte dal sito Terre di Lunigiana.com. URL consultato il 10-01-2012.
  2. ^ a b c d e Fonte dal sito ufficiale del santuario. URL consultato il 10-01-2012.
  3. ^ a b c Fonte dal sito istituzionale del comune di Ortonovo-Santuario del Mirteto. URL consultato il 10-01-2012.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]