Santi Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santi Romano
Santi Romano.gif

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 6 aprile 1934 –
Legislature XXIX
Incarichi parlamentari
  • membro della commissione parlamentare incaricata di dare il proprio parere sui progetti dei nuovi Codici civile, di procedura civile, di commercio e per la marina mercantile (10 dicembre 1935)
  • membro della commissione per il giudizio dell'Alta Corte di Giustizia (29 agosto 1937 - 2 marzo 1939, 17 aprile 1939 - 5 agosto 1943)
  • membro della commissione per il regolamento interno (28 novembre 1938 - 2 marzo 1939)
  • membro della commissione per l'esame del disegno di legge "Istituzione della Camera dei Fasci e delle Corporazioni" (15 dicembre 1938)
  • membro della commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (26 marzo 1939 - 5 agosto 1943)
  • membro della commissione di finanze (17 aprile 1939 - 5 agosto 1943)
  • membro della commissione degli affari esteri, degli scambi commerciali e della legislazione doganale (17 aprile 1939 - 28 gennaio 1940)
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Docente universitario

Santi Romano (Palermo, 31 gennaio 1875Roma, 3 novembre 1947) è stato un giurista, magistrato e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza nel 1896 all'Università di Palermo, lavorò per molti anni come docente universitario. Incominciò la carriera accademica nel 1898 all'università di Palermo insegnando diritto amministrativo, e l'anno successivo in quella di Camerino[1], e fu professore ordinario di diritto costituzionale all'Università di Modena (1906), di diritto amministrativo all'Università di Pisa (1909), di diritto costituzionale all'Università di Milano (1925) e di diritto amministrativo e costituzionale all'Università La Sapienza di Roma (dal 1928 al 1943).

Percorse una brillante carriera accademica, venendo nominato preside della facoltà di giurisprudenza a Pisa, dal 1923 al 1925, e a Milano, dal 1925 al 1928. Fu inoltre presidente del Consiglio di Stato dal 1928 al 1944, accademico d'Italia, e socio dell'accademia dei Lincei dal 1935 al 1946, nonché corrispondente dell'Accademia delle Scienze di Torino, e dell'Accademia di scienze, lettere ed arti di Palermo e di Modena.

Nel corso della sua vita ricevette numerose onorificenze: fu nominato dal re Vittorio Emanuele III cavaliere dell'ordine, cavaliere ufficiale, commendatore, grande ufficiale e gran cordone della Corona d'Italia. Santi Romano aderì al fascismo e nel 1934 il sovrano lo nominò senatore del Regno.

Carriera giurisdizionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo affidamenti iniziali che, per la scelta del presidente del Consiglio di Stato, si sarebbe attinto all'interno dei ruoli dell'organo, a sorpresa Benito Mussolini lo nominò - ad appena due mesi dalla sua iscrizione al PNF, che rimonta all'ottobre 1928 - alla massima carica di giustizia amministrativa italiana.

Benché vi siano molti argomenti contrari alla tesi che avrebbe dovuto procedere alla "fascistizzazione" del Consiglio di Stato[2], l'8 luglio del 1944 fu accusato di aver fiancheggiato il regime fascista di Benito Mussolini; in ogni caso, riguardo a quest'accusa, la Corte di Cassazione emise l'anno dopo una sentenza di decadenza.

Il parere sull'istituzione del Primo maresciallo dell'Impero

Nella critica del Dopoguerra, gli fu rimproverato, tra l'altro, il parere favorevole espresso sull'istituzione del primo maresciallato dell'Impero e sul suo conferimento a Mussolini: Santi Romano si giustificò poi con Vittorio Emanuele Orlando, ricordando che il parere gli era stato richiesto dopo che la legge era stata approvata dalle due Camere "e concerneva soltanto la questione giuridica se tale legge ledeva le prerogative regie, non l'opportunità politica del provvedimento. Sono anche oggi convinto della esattezza del mio parere”.

Lapidaria, tre giorni dopo, la risposta del vecchio Orlando: “Per quanto mi riguarda, io non posso escludere che l'opinione da Lei espressa sia discutibile, come invece escludo che l'averla manifestata diminuisca e ferisca la stima per un Maestro come Lei. Ma bisogna far pure i conti con l'altrui malignità”[3].

Nel 1948 il procedimento giudiziario nei suoi confronti finì del tutto, sia per la morte avvenuta nel 1947, sia per l'intervenuta amnistia politica voluta dal segretario del Partito Comunista Italiano Palmiro Togliatti.

Contributo scientifico[modifica | modifica wikitesto]

Santi Romano è noto per essere stato il principale fautore, in Italia, della teoria istituzionalistica del diritto: secondo questa dottrina la norma giuridica, malgrado la sua importanza, non spiega tutto il mondo del diritto e anzi, per essere qualificata come giuridica, essa deve già scaturire dal diritto inteso nel suo aspetto fondamentale. Ciò consente di capire, per usare una sua espressione, che "Il diritto, prima di essere norma e prima di concernere un semplice rapporto o una serie di rapporti sociali, è organizzazione, struttura e posizione della stessa società in cui si svolge e che esso costituisce come unità, come ente per sé stante". Per sintetizzare, quindi, il diritto è istituzione, onde il nome della teoria. Conseguentemente, scaturendo il diritto dalla struttura della società, nulla vieta che di ordinamenti giuridici ne esista una pluralità. In questo consiste uno dei caratteri più innovativi della sua teoria, seguita e apprezzata ancora oggi.

Romano è altresì noto per l'elaborazione: della teoria del pluralismo degli ordinamenti giuridici, sviluppata nella seconda parte della sua opera principale, L'ordinamento giuridico, alla cui stregua lo Stato è uno degli ordinamenti giuridici esistenti, non l'unico; della teoria della necessità nell'ordinamento giuridico, secondo cui la necessità (o l'effettività) costituisce fonte primigenia del diritto[4]; e della teoria delle sovranità ordinamentali, secondo cui - posto che la sovranità di un ordinamento si identifica con la sua originarietà - coesistono plurimi ordinamenti sovrani (tanto pubblici quanto privati)[5].

Un particolare concetto di Santi Romano è poi quello relativo alla violenza rivoluzionaria, considerata una violenza giuridicamente organizzata e non violenza in quanto tale.

La teoria di Santi Romano ha preso spunto da quella di Maurice Hauriou e fu sostenuta da Georges Renard, ma non dal celebre giurista austriaco Hans Kelsen, che entrò anzi in vivace polemica con il professore siciliano. Oggi la maggior parte della dottrina è schierata in favore della teoria normativista del diritto, sostenuta dallo stesso Kelsen nonché da Norberto Bobbio.

Tra i suoi numerosi allievi figurano Guido Zanobini, Vezio Crisafulli, Carlo Esposito e Massimo Severo Giannini. Un ruolo a parte fu quello del figlio Salvatore Romano - a propria volta professore ordinario nell'Università di Firenze - che approfondì e sviluppò le tesi istituzionistiche nell'ambito del diritto privato.

Opere essenziali[modifica | modifica wikitesto]

  • Principi di diritto amministrativo italiano (1901)
  • L'ordinamento giuridico (1918)
  • Corso di diritto coloniale (1918)
  • Corso di diritto internazionale (1926)
  • Principi di diritto costituzionale generale (1945)
  • Frammenti di un dizionario giuridico (1947)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.comune.palermo.it/archivio_biografico.php?sel=1&asel=408
  2. ^ Il Consiglio di Stato ai tempi di Santi Romano, di Guido Melis, Relazione al convegno su “Il Consiglio di Stato durante la presidenza di Santi Romano”, Consiglio di Stato, Roma, 6 febbraio 2003, consultabile su ((http://www.giustizia-amministrativa.it/documentazione/studi_contributi/melis_santiromano.htm)).
  3. ^ Ibidem.
  4. ^ l'esplicitazione della teoria si deve a A. TARANTINO, La teoria della necessità nell'ordinamento giuridico, Milano 1980
  5. ^ L'esplicitazione di tale teoria romaniana si deve a M.F. TENUTA, Le sovranità ordinamentali. Lineamenti di una teoria a partire da Santi Romano e dalla scienza giuridica del Novecento, Roma 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sabino Cassese, Ipotesi sulla formazione de «L’ordinamento giuridico» di Santi Romano, in «Quaderni fiorentini per la storia del pensiero moderno n. 1», 1972, I, pp. 243–283.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 8 ottobre 1911
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 20 maggio 1917
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
— 2 giugno 1921
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 29 aprile 1926
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 18 aprile 1930
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 8 giugno 1916
Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 23 gennaio 1921
Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 25 gennaio 1932
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 15 gennaio 1933
Controllo di autorità VIAF: (EN66586978 · LCCN: (ENn50048277 · SBN: IT\ICCU\CFIV\075930 · ISNI: (EN0000 0000 8146 2290 · GND: (DE11860242X · BNF: (FRcb12635825v (data) · BAV: ADV10044500
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie