Santi Eutizio e Fiorenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santi Eutizio e Fiorenzo

Monaci

Nascita V secolo
Morte VI secolo
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale Abbazia di Sant'Eutizio in Val Castoriana; Cattedrale di Foligno
Ricorrenza 23 maggio

Eutizio (oppure Eutichio) e Fiorenzo sono stati due eremiti del VI secolo le cui uniche notizie sono riportate da Gregorio Magno. Sono considerati santi dalla Chiesa cattolica che li ricorda il 23 maggio.

Vita e miracoli[modifica | modifica wikitesto]

Di Eutichio e Fiorenzo parla san Gregorio Magno nel XV capitolo del terzo libro dei "Dialoghi", dicendo di aver ricevute le informazioni dal prete nursino Santulo.

I due vissero insieme in un romitorio presso Norcia, finché i monaci del vicino monastero in Val Castoriana chiesero ad Eutizio di divenire loro abate.

Quando Eutizio accettò l'incarico chiese a Fiorenzo di non abbandonare il romitorio.

La leggenda dell'orso di Fiorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Fiorenzo chiese a Dio di mandargli un nuovo compagno. Dopo ciò uscì dal romitorio e incontrò un orso che mostrava un atteggiamento mansueto. Fiorenzo capì che l'orso era il nuovo compagno mandatogli da Dio.

Fiorenzo incaricò l'orso di pascere quattro pecore. L'orso svolgeva l'incarico e tornava da Fiorenzo sempre all'ora in cui il santo gli aveva ordinato di tornare.

Una volta l'orso tardò a tornare. Così Fiorenzo uscì a cercarlo e lo trovò morto. Gli fu detto che ad ucciderlo erano stati quattro discepoli di Eutizio. Fiorenzo si rattristò più per la malvagità dei colpevoli che per la morte dell'orso.

Eutizio, essendo venuto a sapere dell'episodio andò da Fiorenzo per consolarlo. Tuttavia Fiorenzo maledisse i colpevoli, i quali morirono di lebbra in breve tempo. Per tutta la vita Fiorenzo soffrì molto per essere stato esaudito. San Gregorio Magno ritiene che Dio permise ciò affinché Fiorenzo non maledicesse più nessuno.

Il miracolo dei serpenti[modifica | modifica wikitesto]

Gregorio narra anche di un altro miracolo ottenuto da Fiorenzo: un diacono, essendosi sparsa la fama di Fiorenzo andò a fargli visita. Tuttavia, dinanzi al romitorio, trovò moltissimi serpenti. Il diacono, spaventato, urlò: "Servo di Dio, prega per me". Fiorenzo, uscito dal romitorio, chiese a Dio di togliere i serpenti. Immediatamente un fulmine li uccise tutti.

Dopo ciò, Fiorenzo si chiese chi avrebbe portato via le carcasse dei serpenti. Subito vennero degli uccelli in numero pari ai serpenti e ognuno di loro portò via un serpente.

Morte di Eutizio e di Fiorenzo[modifica | modifica wikitesto]

San Gregorio Magno narra che, dopo la morte, Dio glorificò Eutizio più di Fiorenzo, concedendo per sua intercessione molti miracoli, in special modo quello della pioggia. Inoltre narra che, anche al suo tempo, i cittadini di Norcia, quando vi era tempo secco, si radunavano per chiedere ad Eutizio la sua intercessione affinché piovesse.

Si ritiene che, dopo la morte di Eutizio, Fiorenzo andò a Foligno, ove morì nel 548 o nel 551[1].

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il Martirologio romano del 1956 colloca la festa dei due santi al 23 maggio.

Sant'Eutizio fu sepolto nell'Abbazia di Sant'Eutizio in Val Castoriana. Quanto a Fiorenzo, nota lo Jacobilli che i Folignati ritenevano che il suo corpo riposasse nella loro Cattedrale.

Narra l'Ansano Fabbi che, secondo una antichissima tradizione, Eutizio sarebbe nato a Norcia. Quanto a Fiorenzo, lo Jacobilli narra che sia i Folignati che i Nursini lo ritenevano un proprio concittadino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ansano Fabbi, I Santi nostri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • San Gregorio Magno, Dialogorum Libri.
  • Ansano Fabbi, I Santi nostri: diocesi di Norcia, Norcia 1961.
  • Ludovico Jacobilli, Vite de' Santi e Beati di Foligno, et di quelli, i corpi de quali si riposano in essa città e sua diocesi, Foligno 1628.