Santa Rosa (Nuovo Messico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Rosa
city
City of Santa Rosa
Santa Rosa – Veduta
Il tribunale della contea di Guadalupe
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of New Mexico.svg Nuovo Messico
ConteaGuadalupe
Amministrazione
SindacoNelson Kotiar
Territorio
Coordinate34°56′31.92″N 104°41′02.4″W / 34.9422°N 104.684°W34.9422; -104.684 (Santa Rosa)Coordinate: 34°56′31.92″N 104°41′02.4″W / 34.9422°N 104.684°W34.9422; -104.684 (Santa Rosa)
Altitudine1 407 m s.l.m.
Superficie12,95 km²
Abitanti2 848 (2010)
Densità219,92 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale88435
Prefisso575
Fuso orarioUTC-7
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Santa Rosa
Santa Rosa
Santa Rosa – Mappa
Sito istituzionale

Santa Rosa è una città e capoluogo della contea di Guadalupe nel Nuovo Messico, negli Stati Uniti. La popolazione era di 2 848 abitanti al censimento del 2010. Si trova tra Albuquerque e Tucumcari, situata sul fiume Pecos all'incrocio tra la Interstate 40, la U.S. Route 54 e la U.S. Route 84. La città si trova a ovest, ma non all'interno, del Llano Estacado o "pianure picchettate" della parte orientale del Nuovo Messico e del Texas occidentale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'Ufficio del censimento degli Stati Uniti, ha una superficie totale di 5,00 mi² (12,95 km²).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo insediamento euroamericano nell'area fu Aqua Negra Chiquita, "piccola acqua nera" in spagnolo, nel 1865. Il nome fu cambiato nel 1890 in Santa Rosa, riferendosi a una cappella che don Celso Baca (il fondatore della città) costruì e prese il nome sia da sua madre Rosa che da Santa Rosa da Lima. La "Rosa" può anche riferirsi alle rose nella storia di Nostra Signora di Guadalupe ed è indicativa del cattolicesimo dei colonizzatori spagnoli che si stabilirono nell'area.

A cavallo del XX secolo, Santa Rosa non era il più grande insediamento all'interno della regione. Puerto de Luna, circa dieci miglia a sud, ospitava il capoluogo della contea di Guadalupe. Santa Rosa era più piccola di Puerto de Luna fino al 1901 quando la Chicago, Rock Island & Pacific Railroad venne costruita a Santa Rosa da est, seguita rapidamente dall'arrivo della El Paso and Northeastern Railway nel febbraio 1902, da sud-ovest, creando così un collegamento transcontinentale.[1] Come capolinea e punto di interscambio delle due ferrovie, si sviluppò rapidamente una fiorente comunità. Il capoluogo venne spostato a Santa Rosa da PDL nel 1903.

L'autostrada est-ovest attraverso la città fu designata come U.S. Route 66 nel 1926, e l'aumento del traffico fece della comunità una sosta popolare per motel e bar. Il tratto della Route 66 di Santa Rosa fa parte della storia del cinema. Quando l'epico romanzo di John Steinbeck, Furore, per il quale venne creato anche un film, il regista John Ford ha usato Santa Rosa per la memorabile scena del treno. Tom Joad (Henry Fonda) guarda un treno merci a vapore sul ponte della ferrovia sul fiume Pecos, verso il tramonto. È stata anche una delle scene di sparatoria di Il mondo violento di Bobbie Jo ragazza di provincia con Lynda Carter nel ruolo principale.

La città fu la casa d'infanzia dell'autore Rudolfo Anaya, ed è la base per la città immaginaria di Guadalupe nel suo romanzo autobiografico Bless Me, Ultima.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la popolazione era di 2 848 abitanti[2].

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 69,2% di bianchi, il 2,4% di afroamericani, il 2,0% di nativi americani, l'1,8% di asiatici, lo 0,0% di oceanici, il 21,1% di altre razze, e il 3,4% di due o più razze. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 79,4% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Myrick, David F. (1990). New Mexico's Railroads: A Historical Survey (revised ed.). Albuquerque, NM.: University of New Mexico Press. ISBN 0-8263-1185-7.
  2. ^ American FactFinder, United States Census Bureau. URL consultato l'11 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147748863 · LCCN (ENn80129786 · WorldCat Identities (ENlccn-n80129786
Nuovo Messico Portale Nuovo Messico: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Nuovo Messico