Alfonsa dell'Immacolata Concezione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Alfonsa dell'Immacolata Concezione
Saint Alphonsa 1996 stamp of India (cropped).jpg
 
NascitaKudamaloor, 19 agosto 1910
MorteBharananganam, 28 luglio 1946
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione8 febbraio 1986 da papa Giovanni Paolo II
Canonizzazione12 ottobre 2008 da papa Benedetto XVI
Ricorrenza28 luglio

Alfonsa dell'Immacolata Concezione, al secolo Annakutty Muttathupadathu (Kudamaloor, 19 agosto 1910Bharananganam, 28 luglio 1946), è stata una religiosa indiana della congregazione delle francescane clarisse. Beatificata nel 1986, è stata proclamata santa da papa Benedetto XVI nel 2008.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tomba di sant'Alfonsa a Bharananganam.

Nata in India fu battezzata con il nome di Annakutty, secondo il rito siro-malabarese. Divenne presto orfana allora fu educata da una zia materna e dalla nonna. Nel 1927 entrò nella Congregazione delle Francescane Clarisse e nel 1931 emise i voti temporanei. Poi nel 1936 i voti perpetui dedicandosi subito all'insegnamento, ma dovette lasciarlo per gravi motivi di salute che dopo lunga e travagliata sofferenza la portarono alla morte nel 1946.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua tomba a Bharananganam è divenuta meta di pellegrinaggi da parte dei cristiani. Giovanni Paolo II durante il suo viaggio in India la proclamò beata, a Kottayam, l'8 febbraio 1986.[1] Viene proclamata santa a Roma il 12 ottobre 2008 da papa Benedetto XVI, diventando la prima santa cristiana nata in India.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omelia di Giovanni Paolo II, su Sito ufficiale del Vaticano, 8 febbraio 1986. URL consultato il 10 novembre 2019.
  2. ^ Omelia del santo padre Benedetto XVI, su Sito ufficiale del Vaticano, 12 ottobre 2008. URL consultato il 10 novembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128587396 · ISNI (EN0000 0001 0775 3441 · LCCN (ENn88228272 · GND (DE124110940 · BNF (FRcb13751474q (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88228272