Sant'Ilario in Campo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Ilario in Campo
frazione
Sant'Ilario in Campo – Veduta
Chiesa di Sant'Ilario
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Livorno-Stemma.png Livorno
ComuneCampo nell'Elba-Stemma.png Campo nell'Elba
Territorio
Coordinate42°46′N 10°12′E / 42.766667°N 10.2°E42.766667; 10.2 (Sant'Ilario in Campo)Coordinate: 42°46′N 10°12′E / 42.766667°N 10.2°E42.766667; 10.2 (Sant'Ilario in Campo)
Altitudine180 m s.l.m.
Abitanti186
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantisantilariese, santilariesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Ilario in Campo
Sant'Ilario in Campo

Sant'Ilario in Campo è una frazione che appartiene al comune di Campo nell'Elba, all'Isola d'Elba.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Ilario in Campo, che dista 2,78 chilometri dal capoluogo del comune di Campo nell'Elba, si presenta adagiato su una collina: su un lato il panorama si apre sul golfo di Campo ed in particolar modo sulla piana dove si trova l'aeroporto di La Pila. Alle spalle del paese vi è il Monte Perone, mentre su un altro colle non molto lontano si trova il vicino paese di San Piero in Campo.

L'area di Sant'Ilario, ricca di filoni pegmatitici contenenti splendide tormaline e berilli, è stata studiata dai geologi a partire dagli inizi del XIX secolo, tra cui Giovanni D'Achiardi, Raffaello Foresi e Giorgio Roster; si tratta infatti di una delle zone europee con maggiori concentrazioni di tali preziosi minerali. I giacimenti più ricchi si trovano nelle località Fosso della Marcianella, Fosso del Gorgolinato e Filone Lareida.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei documenti medievali il paese è riportato come Sancto Ylario ad Campum. La derivazione del toponimo è dovuta alla Chiesa parrocchiale intitolata a Sant'Ilario di Poitiers, d'impianto romanico.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La pieve di San Giovanni

Il paese di Sant'Ilario in Campo, di presunta origine longobarda, conserva ancora le tracce della sua struttura medievale di borgo fortificato durante la dominazione pisana; la stessa chiesa di Sant'Ilario era un tempo fortificata. La granodiorite è uno degli elementi dominanti nel borgo; con essa è infatti costituito il lastricato delle strette vie pedonali che si diramano all'interno dei caseggiati, così come i portali, i cornicioni e i davanzali delle finestre.

Al centro del borgo si trova la chiesa di Sant'Ilario, chiesa parrocchiale della frazione, di origine romanica ma ampliata alla fine del XVII secolo con le due navate laterali, e successivamente adornata con facciata in stile barocco. La struttura, che deriva dalla vecchia costruzione romanica fortificata, è fiancheggiata da una torre campanaria pentagonale, in origine una torre. Non molto lontano dal paese, poco distante dalla Torre di San Giovanni, si trovano anche l i ruderi del piccolo romitorio di San Francesco Saverio dove, fino alla metà del 1800, i fedeli di Sant'Ilario si recavano in processione nel giorno della festa del santo.

Nei dintorni del paese rimangono, sulle alture, testimonianze architettoniche di epoca pisana come la quadrangolare Torre di San Giovanni (XI secolo), edificata sopra un masso granitico, la romanica Pieve di San Giovanni risalente al XII secolo e i ruderi di una probabile chiesetta intitolata a San Prospero d'Aquitania, sull'omonimo Colle di San Prospero.

Persone legate a Sant'Ilario in Campo[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Ilario in Campo raffigurato in un disegno del XVIII secolo
  • Giuseppe Pietri, musicista compositore e padre dell'Operetta italiana.
  • Ugo Sorìa, musicista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 519.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]